Rispondi a: GAMMOPATIA MONOCLONARE IGG-K

Analisi del sangue Forum Discussioni ed opinioni GAMMOPATIA MONOCLONARE IGG-K Rispondi a: GAMMOPATIA MONOCLONARE IGG-K

#18662 Risposta

marco

Un saluto a tutti.
Porto la mia esperienza, cercando la sintesi per un percorso di 13 anni.
57 anni, ex donatore avis, nel 2003 scopro la gammopatia monoclonale definita dopo esami ed accertamente, MGus; nel 2010 per la prima volta, bence jones positiva e valore calcolato sulla diuresi modesto; confermo che la percentuale dell’1% in mieloma, mi ha sempre lasciato piuttosto tranquillo ma nel 2015 il valore della bence jones si alza sopra l’!% e da lì scattano esami a non finire; sportivo ed in ottima forma, emocromo perfetto, mi viene diagnosticato ad aprile 2015 mieloma asintomatico, senza necessità di cure; ad ottobre però il valore della BJ va oltre 3 e in accordo con il centro ematologico, si decide di intervenire e di far parte della sperimentazione con nuovo farmaco Carfilzomib già in uso in U.S.A. che ha dato risultati eccezionali; da febbraio 2016 ho iniziato terapia che non mi ha dato alcun effetto collaterale e ieri dopo appena un mese di cura dei quattro previsti prima del trapianto, SORPRESA GENERALE, mia e dei medici, la BJ negativa e le free light che erano a valori stellari, quasi normale.
Che dire, mi permetto consigli:
– serenità nel lavoro, io lavoro in banca e da circa due mesi, da quando ho iniziato le cure e non lavoro, sono sereno e felice, nel godermi ogni momento della giornata con i famigliari, nipotina inclusa di tre anni, mai stato così bene in vita mia;
– serenità con la famiglia, la famiglia può darti tanto;
– pensare positivo, io sono un inguaribile ottimista e penso sempre in positivo, ma questa è una dote (o un difetto? che è presente in me da sempre ed è stato ed è semplice alimentarla;
– curare fisico ed alimentazione: una costante e moderata attività sportiva, anche giornaliera, con profonde respirazioni, è un toccasana per la mente ed il corpo; l’alimentazione: qui c’è stato in questi due mesi, il cambiamento epocale con risultati che insieme alle cure, hanno stravolto la situazione; il mieloma si sviluppa e si alimenta del cibo spazzatura e cibo prodotti definito come prodotti di crescita; quali? tutti i prodotti di origine animale, escluso il pesce,dal latte, alla carne ed ai formaggi, alle bibite gassate ed ai zuccheri e le uova, il mieloma di ALIMENTA e si sviluppa di questo cibo.
PESO: riprende il discorso alimentazione, io ero un grande mangione e malgrado lo sport che si traduceva in corse di 10 km al giorno, ero arrivato a pesare 86 chili per un’altezza di 1,75 cm; l’estate scorsa grazie al matrimonio di mia figlia, ho seguito la dieta di cui sopra, limitando al massimo anche il consumo di carboidrati perdendo in circa 5 mesi, ben 8 chili; agli esami di controllo, per la prima volta dopo cinque anni, la bence jones si era incredibilmente ridotta, sia pure in modo non decisivo, ma ridotta tanto da allungare i tempi di controllo di qualche mese; ho ripreso a mangiare normalmente ed ora eccomi qui a raccontare quanto accaduto;
– adico/alcanino; sempre in tema di cibo, ogni alimento che introduciamo appartiene alle due classi, tenete conto che l’alimentazione ottimale è rappresentata per l’80% da cibi alcanini e 20% acidi (in internet ci sono tabelle ben definite per distinguere le due categorie; in un ambiente acido e la mia era un’alimentazione prettamente acida, crea l’ambiente per sviluppare non solo il mieloma ma anche altri tipi di cancro per cui se non creiamo le condizioni a lui favorevole, anche il tumore non potrà svilupparsi; certo oggi la mia è un’alimentazione che non mi esalta, verdure, verdure verdure e l’importantissimo uso di un estrattore di frutta e verdura;
– VITAMINA C e VITAMINA E: uso quotidiano di vitamina C sotto forma di acido ascorbico e vitamina E in pillole 3 volte al dì.
Oggi chi si ammala ti mieloma ha davanti diverse opzioni terapeutiche ma seguire una dieta alimentare oltre ai vari punti indicati, può davvero fare la differenza per una remissione della malattia.
Fra un anno avrò terminato le cure e sarò certamente guarito per raccontare esperienza e magari dare qualche indicazione utile, ai malati o a rischio, per almeno i prossimi 30 anni.
Un caro saluto a tutti, la vita è una cosa meravigliosa, grazie al mio Dio.