Rispondi a: esami patente cdt

Analisi del sangue Forum Discussioni ed opinioni esami patente cdt Rispondi a: esami patente cdt

#24968 Risposta

Lukas

Salve,

io devo rifare le visite per la restituzione definitiva della patente, visite che già una volta feci in passato, e vorrei soltanto avere una breve delucidazione riguardo alla presunta necessità di restare un mese senza bere assolutamente niente di alcoolico.

A me questo, onestamente parlando, pare più una leggenda metropolitana.
O per lo meno, bisognerebbe fare dei distinguo, più che dire “un mese senza una goccia d’alcool a prescindere”, perché non è esattamente così.
Ora, che i superalcolici possano essere rilevati anche a distanza di tempo e che quindi siano da evitare durante questo mese, mi pare logico, così come pure mi pare logico che se uno si ubriaca con 3 litri di birra 5 giorni prima delle analisi si frega da solo, chiaro, però una birra singola non può a mio giudizio essere rilevata già neppure 3-5 giorni dopo l’assunzione, e molte fonti, sia in internet che non, mi confermano questo.
Che uno non debba bere regolarmente un paio di birre al giorno nel mese prima delle analisi, questo è pure scontato.
Ma per rilevare una, dico una, lattina di birra 5 giorni prima, più che analisi del CDT dovrebbero essere analisi della CIA ; )

La mia convinzione, oltre che sulle info lette in varie parti, è basata sulla mia esperienza personale. Quando, non molto tempo fa, feci le analisi, rimasi sì un mese senza bere nulla né birra né tantomeno alcoolici di graduazione superiore, però bevvi regolarmente birra analcoolica, tutti i giorni durante quel mese, una o due lattine da 50 cl al giorno, e anche la notte prima delle analisi.
Per meglio dire, la bevvi 8 ore prima delle analisi, prima di andare a letto.
Le analisi furono perfette, zero alcool riscontrato, nulla assoluto, e non ebbi nessunissimo problema con la commissione medica.

Ora, come tutti ben saprete, birra analcoolica non vuol dire che non contenga niente alcool, infatti ne contiene tra lo 0,5% e l’1% del volume.
Se queste analisi non sono in grado di rilevare un paio di lattine da 50 cl con questa graduazione bevute 8 ore prima delle analisi stesse, potrebbe qualcuno spiegarmi come potrebbero rilevare una lattina di radler o panaché, birra mischiata a bevande analcooliche, pure da 50 cl, che contiene solo il 2,5% di alcool del volume, bevuta 2 o 3 giorni prima delle suddette analisi o una birra normale, sempre da 50 cl, 5% per cento di alcool, bevuta 5 o 6 giorni prima?…
Mi pare evidente che non potrebbero rilevarle.
E continuando facendo un puro e semplice calcolo, possiamo altresì escludere che possano individuare un bicchiere di vino (dico uno, eh), graduazione 15%, bevuto tipo 12-13 giorni prima di fare le analisi.

Dico questo solo nel tentativo di ottenere e dare un’informazione attendibile su quello che effettivamente si rischia.
Come ho già detto, tutti sappiamo benissimo che bevendo regolarmente nel mese prima delle analisi l’alcool verrà rilevato.
Io parlo dell’assunzione spontanea e occasionale di una piccola quantità di alcool.

Devo pure precisare che io sono sanissimo, 35 anni, valori del fegato sempre a posto, bevo regolarmente almeno una birra al giorno per il semplice motivo che da me, come in molti paesi europei, fa parte dell’alimentazione quotidiana, per altri magari lo è il vino, per noi e per molti altri la birra, che tra l’altro ha molte proprietà benefiche e non concordo con quanti dicano che il vino faccia meglio, assolutamente il contrario per me.
La bevo inoltre quasi sempre solo la sera / notte, per cena, raramente per pranzo, assolutamente mai di mattina a stomaco vuoto.
Raramente supero le due lattine e ormai il tempo in cui andavo in giro tutta la notte a bere è praticamente finito.
E non bevo niente di più alcoolico della birra, a parte vino una volta a settimana, superalcoolici praticamente mai.

Ringrazio in anticipo per qualsiasi tipo di conferme, smentite, delucidazioni o esplicazioni su quanto da me scritto.

Saluti