ACE nel sangue: cosa significa? I valori

L'ace è un enzima che converte l'angiotensina (una proteina presente nel sangue) dalla forma inattiva (angiotensina I) in quella attiva (angiotensina II) e che restringe i vasi del sangue.

ACE: che cosa è

L’ace è un enzima che converte l’angiotensina (una proteina presente nel sangue) dalla forma inattiva (angiotensina I) in quella attiva (angiotensina II) e che restringe i vasi del sangue.

Il processo di conversione avviene naturalmente nel nostro corpo e serve a regolare la pressione sanguigna. Come dicevamo poco fa, l’angiotensina I in sé non è attiva ma, quando viene convertita in angiotensina II, causa il restringimento dei vasi sanguigni, e provoca quindi un aumento della pressione sanguigna.

Test ACE: quando si prescrive

Ii medici ricorrono all’esame dei livelli dell’ACE presente nel sangue principalmente per individuare e monitorare la sarcoidosi. La sarcoidosi causa lo sviluppo di agglomerati di cellule infiammate, che interessano occhi, polmoni, e pelle. Spesso questo problema si risolve da solo, ma in alcuni casi diventa cronico.

L’esame dell’ACE può inoltre essere utilizzato per individuare o escludere la malattia di Gaucher, malattia genetica che causa l’accumulo di grassi nelle cellule.

Ace nel sangue: valori di riferimento

I valori di riferimento dell’Ace e dunque nella norma sono quelli compresi tra 6-12 mocrogrammi /I

Ci sono specifiche condizioni / malattie del nostro corpo che influiscono sui livelli dell’ACE, rendendo i valori rilevati minori o maggiori della norma. Ad esempio livelli inferiori alla norma potrebbero essere registrati in pazienti sotto terapia steroidea o affetti da

    • malnutrizione
    • ipertiroidismo
    • broncopneumopatia cronica ostruttiva
    • fibrosi cistica
    • enfisema
    • tumore ai polmoni

 

Valori superiori alla norma invece possono essere rilevati in caso di:

    • istoplasmosi
    • diabete mellito
    • ipertiroidismo
    • linfoma
    • cirrosi epatica
    • sindrome di gaucher
    • tubercolosi
    • lebbra

Va comunque ricordato per completezza che il test  non viene usato per rilevare queste malattie. Valori ACE fuori dalla norma possono inoltre essere rilevati in caso di:

    • anoressia;
    • epatite alcolica;
    • asbestosi;
    • asma;
    • malattia cronica del fegato;
    • diabete;
    • enfisema;
    • malattia di Hodgkin;
    • ipertiroidismo;
    • ipotiroidismo;
    • cancro al polmone;
    • sclerosi multipla;
    • terapia steroidea;
    • tubercolosi.

Per chi vuole approfondire il significato di ACE ecco un  link di approfondimento

ACE analisi sangue
Cosa vuol dire ACE nelle analisi del sangue?

Esame dell’Ace: preparazione

L’esame dei livelli dell’ACE non richiede una preparazione particolare, a parte un abbigliamento adatto per realizzare le classiche analisi del sangue (abiti comodi che permettono di scoprire le braccia).

A volte il medico può chiedere di non mangiare fino a 12 ore prima dell’esame. Può inoltre indicare di interrompere l’assunzione di qualsiasi tipo di farmaco steroideo, in quanto provoca l’aumento dei livelli di ACE nel sangue.

Come si fa l’esame 

L’esame in sè è banale: è un semplice esame del sangue, Quindi bisogna andare in una struttura abilitata, dopo l’infermiere di turno inserirà un ago nella vena del paziente e estrarrà un po’ di sangue come campione. I risultati in genere non sono immediati ma vengono dati a un paio di giorni di distanza dal prelievo

[bbp-single-tag id=243]

Problemi con le analisi cliniche? Invia una domanda nel FORUM: è gratis
Risposta entro 24 ore

Alessandro Gennarihttps://digilander.libero.it/ale.gennari/
Giornalista, in rete dalla fine degli anni 90. Mi piace mangiare e bere bene, adoro fare sport. Attualmente sono impegnato in una delle realtà editoriali maggiori del Paese e seguo per passione questo progetto che per me rappresenta un momento di studio e di sperimentazione digital

Potrebbe interessarti anche

Testato esame del sangue che trova il tumore 4 anni prima che si manifesti

Diagnosi precoce: uno studio dimostra che è possibile identificare 5 tipi di cancro in persone asintomatiche, molto prima rispetto alle tecniche attuali

ORMONE DELLA CRESCITA (GH): ecco come funziona

L'ormone GH, conosciuto anche come ormone somatotropo, somatotropina o, ormone della crescita, è un ormone di natura peptidica costituito da 191 aminoacidi. Questo ormone viene...

TEMPO DI PROTROMBINA : cosa è, cosa significa

Cosa è La protrombina, o fattore II, è una proteina sintetizzata dal fegato e contenuta all’interno del sangue: svolge una fondamentale funzione all’interno del processo...

Articoli correlati

EMOCROMO – esame completo dei parametri fondamentali del sangue

EMOCROMO: esame L'esame emocromocitometrico completo, chiamato genericamente emocromo è una delle analisi del sangue più comunemente ordinate, diffuse e praticate. L' emocromo è il calcolo degli...

RDW ALTO e BASSO: sintomi cause e cure

RDW: cosa è e come si misura L’ RDW è uno dei parametri relativi al sangue umano che viene preso in considerazione quando si fa l’emocromo....

DEURSIL : farmaco contro i calcoli alla cistifellea

Una patologia molto comune e reversibile, ma decisamente dolorosa e fastidiosa è quella creata dai calcoli alle vie biliari, o calcoli alla cistifellea. Quest'ultima è...

ACIDO ACETILSALICILICO : uso e posologia

L’acido acetilsalicilico, meglio noto con il nome di aspirina, è un medicinale antinfiammatorio non steroideo (FANS) che appartiene alla famiglia dei salicilati. Esso viene utilizzato...

ELETTROMIOGRAFIA : a cosa serve, come funziona

L'elettromiografia, nota anche come EMG, è una analisi diagnostica ambulatoriale che consente di individuare eventuali patologie a carico dei nervi e dei muscoli. In particolare...