ACIDO IALURONICO : funzioni, usi e CONTROINDICAZIONI

L’ acido ialuronico è una sostanza prodotta naturalmente dall’organismo che conferisce elasticità, tonicità e resistenza alla pelle.

Trattandosi di uno dei componenti più importanti dei tessuti connettivi, la carenza di acido ialuronico che, ricordiamo, tende a diminuire con l’avanzare dell’età, è fonte di preoccupazione per tante donne, ma anche uomini, che proprio non vogliono saperne di rughe e inestetismi che cominciano a comparire sulla pelle man mano che si va avanti con l’età.

Ma quali sono le funzioni specifiche dell’ acido ialuronico? Scopriamolo insieme.

ACIDO IALURONICO : le funzioni

Una delle caratteristiche principali dell’ acido ialuronico è la sua solubilità, utilissima ai fini dell’idratazione della pelle che viene così protetta dalle tensioni cui è sottoposta quotidianamente.

L’ acido ialuronico non si limita però a mantenere soltanto il grado di idratazione dei tessuti e della pelle, ma ne garantisce anche la plasticità e resistenza, in particolare grazie alle sue proprietà lubrificanti, cicatrizzanti e anti-urto.

Queste sue particolarità lo rendono utile non solo dal punto di vista prettamente estetico ma anche medico, poiché, sebbene non siano in tanti a saperlo, l’acido ialuronico svolge un’importante funzione protettiva contro virus e batteri.

Più nello specifico, data la sua particolare struttura chimica, l’ acido ialuronico serve per:

  • contrastare i segni del tempo per via delle sue spiccate doti anti-age;
  • fungere da barriera contro le sostanze nocive (batteri, virus, funghi, ecc);
  • idratare i tessuti, immagazzinando l’acqua e rilasciandola in base al fabbisogno dell’organismo;
  • lenire il dolore e curare infiammazioni e lesioni della bocca, di solito conseguenti alla chemioterapia o radioterapia;
  • mantenere elastiche le articolazioni, tanto da rivelarsi utilissimo nel trattamento dell’artrosi;
  • rigenerare i tessuti danneggiati da ferite, ustioni o inestetismi;
  • stimolare la formazione del collagene, una proteina del tessuto connettivo indispensabile per la salute di pelle, ossa e cartilagini.

L’unica nota dolente riguarda la concentrazione di questa sostanza che tende a diminuire con l’avanzare dell’età, indebolendo la pelle e provocando l’inevitabile comparsa di rughe e inestetismi.

ACIDO IALURONICO : usi frequenti

L’ acido ialuronico può essere utilizzato sia per uso esterno sia interno. Oltre alle creme, agli oli e ai cosmetici indicati per uso topico e particolarmente apprezzati per le loro proprietà idratanti, elasticizzanti e cicatrizzanti, esistono infatti degli integratori consigliati per rinvigorire pelle e tessuti e dare sollievo alle articolazioni.

Inoltre nel campo dei ritocchi estetici, l’ acido ialuronico viene iniettato in diverse zone del corpo per riattivare la rigenerazione cellulare, migliorare la tonicità ed elasticità della cute e, in molti casi, aumentare il volume di labbra, seno e zigomi.

In medicina invece questa sostanza può essere iniettata direttamente nelle articolazioni afflitte da artrosi al fine di lubrificarle e proteggere la cartilagine, oppure utilizzata in campo oftalmico per preparare colliri che favoriscono la cicatrizzazione e rigenerazione dei tessuti in caso di trauma agli occhi e non solo.

Detto ciò, vediamo nello specifico i principali usi che si fanno dell’acido ialuronico in medicina ed estetica.

ACIDO IALURONICO in creme e cosmetici

Ideali per chi non può o non vuole sottoporsi al ritocchino, le creme e i cosmetici all’ acido ialuronico sono una valida alternativa all’intervento di medicina estetica, in quanto idratano la pelle e aiutano a prevenire e attenuare le rughe del viso mantenendo la cute giovane e vellutata. Nessun miracolo insomma, ma sicuramente un valido aiuto per chi non vuole proprio saperne del filler.

acido ialuronico
acido ialuronico

ACIDO IALURONICO e filler estetico

Indubbiamente più costoso delle creme e dei cosmetici, il filler è un trattamento a base di collagene e acido ialuronico utilizzato nella medicina estetica per riempire e levigare le rughe del viso, in particolare le orrende zampe di gallina, per cancellare cicatrici dovute all’acne o alla varicella, ma anche per aumentare il seno, sollevare gli zigomi, rimodellare guance e mento e rendere più carnose le labbra sottili.

Per ottenere ottimi risultati è importante affidarsi a un medico estetico competente in filler e assicurarsi che il trattamento avvenga all’interno di un ambulatorio, così da avere tutte le garanzie necessarie.

Tuttavia, trattandosi di una sostanza prodotta naturalmente dall’organismo, l’ acido ialuronico viene gradualmente riassorbito, tanto che gli ottimi risultati iniziali svaniscono nel nulla nell’arco di alcune settimane. Quindi, prima di sottoporsi a questo trattamento, è bene tenere a mente che gli effetti non sono permanenti.

ACIDO IALURONICO e infiltrazioni contro l’artrosi

L’ acido ialuronico viene utilizzato anche nella cura e prevenzione dell’artrosi. Il trattamento consiste nell’iniezione intrarticolare di acido ialuronico al fine di lubrificare l’articolazione, ammortizzare gli stress meccanici dei movimenti, attenuare il dolore e accelerare, per quanto possibile, il processo rigenerativo e riparatore della cartilagine.

L’efficacia di questa tecnica è ampiamente dimostrata, specialmente nei casi di artrosi del ginocchio e dell’anca.

Integratori di ACIDO IALURONICO

Gli integratori di acido ialuronico idrolizzato nascono per porre rimedio alla carenza di questa sostanza man mano che si procede con gli anni, allo scopo di combattere dall’interno i segni del tempo sempre più visibili a livello cutaneo, articolare e oculare.

La maggior parte di questi integratori, da assumere in compresse, gocce o tavolette, sono combinati con altre sostanze, come l’acido ascorbico, che grazie alle loro proprietà antiossidanti ne incrementano gli effetti.

Acido ialuronico: controindicazioni

Trattandosi di una sostanza naturalmente presente nell’organismo umano, l’ acido ialuronico è talmente ben tollerato che è difficile parlare di complicazioni, almeno quando viene utilizzato per uso esterno e topico.

Ciò nonostante, un uso eccessivo o errato di prodotti a base di acido ialuronico e altri componenti può generare rossori, irritazioni o allergie per via di una reazione ad altre sostanze in essi contenute, mentre le infiltrazioni possono essere causa di arrossamenti, gonfiori, lividi e altri fastidi, specialmente se eseguite in maniera frettolosa e scorretta.

Il dolore e la fuoriuscita di liquidi nella zona trattata sono invece due “effetti collaterali” più che normali, così come la comparsa di ematomi, ecchimosi e intorpidimento cutaneo dopo un filler estetico. Inoltre è giusto sottolineare che, in alcuni casi, gli interventi di medicina estetica possono generare problemi a lungo termine come ascessi e noduli.

Infine, considerato che non esistono studi in grado di dimostrarne la totale sicurezza, si consiglia di evitare l’utilizzo di acido ialuronico in gravidanza e allattamento.

Per approfondire:

http://www.acidoialuronicoinfo.it/
https://www.greenme.it/vivere/salute-e-benessere/20473-acido-ialuronico
http://www.superinformati.com/estetica-cosmesi/3-usi-dellacido-ialuronico-benefici-e-controindicazioni.htm
http://www.benesserevillage.it/sld2/acido-ialuronico/acido-ialuronico.php