ADHD : Disturbo da Deficit di Attenzione e Iperattività

L’Adhd è un disturbo dello sviluppo neuropsichico a esordio infantile, che comporta significativi problemi di attenzione, eccessiva impulsività e iperattività ed è noto in Italia come Disturbo da Deficit di Attenzione e Iperattività. Ne sono affetti principalmente bambini e adolescenti. Ecco le cause, i sintomi e gli approcci terapeutici.

L’Adhd è un disturbo dello sviluppo neuropsichico a esordio infantile, che comporta significativi problemi di attenzione, eccessiva impulsività e iperattività.

Si tratta, in altri termini, di un disagio di tipo psichico che crea una serie di problematiche comportamentali nel bambino.

Scopriamo insieme quali sono le principali caratteristiche dell’Adhd, i sintomi, le cause e i principali trattamenti terapeutici.

Adhd: di cosa si tratta

Adhd è l’acronimo di Attention Deficit Hyperactivity Disorder, meglio noto nel nostro Paese come Disturbo da Deficit di Attenzione e Iperattività.

Esso, lo ricordiamo, fu descritto per la prima volta nel diciannovesimo secolo dal medico Heinrich Hoffman.

Il bambino o l’adolescente affetti da questo disordine di origine neurobiologica presentano le seguenti caratteristiche:

  • non sono in grado di rimanere attenti e concentrati per un periodo prolungato di tempo;
  • non riescono a mantenere la calma;
  • si fanno facilmente distrarre da stimoli esterni;
  • non riescono controllare la propria emotività;
  • sono molto irrequieti;
  • non riescono a prestare attenzione a quanto viene loro detto;
  • parlano in continuazione;
  • possono avere difficoltà di apprendimento;
  • non riescono a controllare le proprie risposte all’ambiente.

È bene sottolineare che il disturbo da deficit di attenzione e iperattività non è il frutto di una educazione inefficace e non dipende neppure dall’indole o dalla “cattiveria” del bambino.

Questo disordine neurobiologico, inoltre, non si risolve con il passare del tempo: dagli studi clinici effettuati, infatti, è emerso che nei 2/3 dei casi esso si protrae fino all’adolescenza e in 1/3 dei casi fino all’età adulta.

L’iperattività, l’incapacità a concentrarsi e la sostanziale mancanza di autocontrollo fanno sì che i pazienti affetti da questo disturbo non abbiano un buon rendimento scolastico e che sviluppino con più difficoltà le proprie cognitive skill.

Inoltre molto spesso questi bambini faticano a rispettare le basilari norme di convivenza sociale e, in particolare, quelle che regolano le relazioni interpersonali.

adhd sintomi
I comportamenti tipici del disturbo da deficit di attenzione e iperattività (Adhd) sono disattenzione,
mancanza di autocontrollo e iperattività

Adhd: i principali sintomi

I comportamenti tipici del disturbo da deficit di attenzione e iperattività sono

  • disattenzione;
  • mancanza di autocontrollo;
  • iperattività.

A tal proposito va detto che tutti i bambini sono spesso disattenti e particolarmente vivaci, ma ciò non significa che sono necessariamente affetti da Adhd.

Come riconoscere dunque l’Adhd? Al fine di diagnosticare questo disturbo, è necessario che il bambino venga monitorato per almeno sei mesi, in modo tale da valutare il suo comportamento in diverse situazioni e rilevare, eventualmente, l’elemento patologico.

I sintomi dell’Adhd

I principali sintomi di questo disturbo sono i seguenti:

  • iperattività-impulsività: il bambino è irrequieto, logorroico e non riesce a stare fermo;
    tende, infatti, a saltare e a correre continuamente.
    Inoltre i piccoli affetti dal disturbo in oggetto sono soliti interrompere gli altri bambini che giocano, non riescono ad attendere il proprio turno e a rispettare una fila.
  • disattenzione: non riescono a seguire le istruzioni fornite per svolgere un certo compito, non sanno prestare attenzione alle parole altrui, non sanno mantenere una conversazione e dimenticano facilmente i dettagli della propria quotidianità.

Adhd: quali sono le cause

Fino a qualche tempo fa non erano chiare le cause alla base di questo disordine evolutivo.

Studi recenti tuttavia hanno evidenziato che giocano un ruolo fondamentale nella comparsa dell’Adhd i fattori genetici.

In particolare è emerso che i pazienti pediatrici affetti da questo disturbo presentano modificazioni evidenti dei circuiti cerebrali che presiedono all’inibizione e all’autocontrollo.

Inoltre, a favorire il disturbo da deficit di attenzione e iperattività ci sono anche cause non genetiche, come le seguenti:

  • nascita pretermine;
  • assunzione di alcol e tabacco da parte della gestante;
  • esposizione del bambino a un’elevata concentrazione di piombo da vernice;
  • assunzione di alcuni additivi alimentari (come ad esempio coloranti e conservanti).

Il fattore ambientale, invece, pare non contribuisca a favorire la comparsa del disturbo in oggetto, come pure capita per altre sindromi e problematiche comportamentali.

adhd cause
Studi recenti tuttavia hanno evidenziato che giocano un ruolo fondamentale nella comparsa dell’Adhd i fattori genetici

Adhd: i principali approcci terapeutici

Per alleviare la sintomatologia determinata dall’Adhd è necessario ricorrere a un trattamento farmacologico ad hoc.

I medicinali utilizzati a tale scopo sono degli psicostimolanti (Ritalin, Dexedrine o Dextrostat e pemolina) in grado di ridurre il livello di iperattività e d migliorare la capacità di concentrazione del bambino.

La terapia farmacologica tuttavia, non curando il disturbo ma agendo esclusivamente sui sintomi, deve essere integrata con altri tipi di cure psicoeducative e forme di sostegno che siano in grado di garantire benessere interiore del bambino, di migliorare le sue abilità cognitive e di aumentarne la motivazione.

In primo luogo è importante che il bambino sia sottoposto a un percorso terapeutico cognitivo-comportamentale.

Il piccolo paziente imparerà a pianificare il proprio comportamento in maniera adeguata e, nel contempo, apprenderà le principali tecniche di Problem Solving.

Inoltre, al bambino verrà insegnato a monitorare le proprie azioni, al fine di acquisire la capacità di autoregolarsi, tenendo a bada la propria impulsività.

Il bambino è stimolato, inoltre, a prendere coscienza dei propri errori e a sviluppare strategie ad hoc per correggerli.

Questo tipo di intervento ha lo scopo di migliorare le abilità sociali del piccolo affetto da Adhd; in tal senso lo si abitua al rispetto delle regole, a empatizzare col prossimo e a sviluppare relazioni adeguate e funzionali.

adhd approcci
In primo luogo è importante che un bambino affetto da Ahdh sia sottoposto a un percorso terapeutico cognitivo-comportamentale

Adhd parent training

In seconda battuta è importante che i genitori del paziente seguano il cosiddetto Adhd Parent Training, un programma di intervento finalizzato a:

  • aumentare il livello di consapevolezza e conoscenza del disturbo da parte dei genitori;
  • aiutare i genitori a gestire il disturbo nella quotidianità;
  • insegnare loro strategie ad hoc per eliminare i comportamenti disfunzionali del bambino;
  • rendere le strategie coerenti e stabili;
  • metterli nelle condizioni di aiutare il bambino ad autogestirsi;
  • definire regole da seguire all’interno del contesto domestico, in modo tale da migliorare la serenità familiare.

Infine è opportuno che gli insegnanti dei bambini con deficit di attenzione e iperattività seguano un Adhd Teacher Training, ovvero un programma finalizzato a:

  • offrire loro tutte le informazioni necessarie per comprendere a fondo il disturbo Adhd;
  • fornire loro le informazioni necessarie per creare un ambiente scolastico in grado di accogliere le esigenze degli alunni con deficit di attenzione e iperattività;
  • formarli in maniera tale da essere in grado di migliorare la capacità di concentrazione del bambino e la qualità del suo apprendimento;
  • fornire loro tecniche ad hoc per modificare i comportamenti disfunzionali e migliorare le relazioni del bambino all’interno del gruppo dei pari.

Problemi con le analisi cliniche? Invia una domanda nel FORUM: è gratis
Risposta entro 24 ore

Giornalista professionista, da 20 anni opera sul web. Ha lavorato nelle maggiori realtà internet del Paese ricoprendo ruoli di elevata responsabilità. Attualmente opera come consulente editoriale per progetti digitali nazionali e internazionali