ANGIOMA fegato e pelle: le cause e le cure

L'angioma è un tumore benigno che si forma a causa di una raccolta anormale di vasi sanguigni. Di solito sono è congenito e si sviluppa sulla pelle. Sugli organi interni è spesso presente sul fegato l'angioma cutaneo, conosciuto come emangioma, è asintomatico ma è bene non trascurarlo.

L’angioma è un tumore benigno, quindi non cancerogeno, che si forma a causa di una raccolta anormale di vasi sanguigni.

E’ spesso presente sulla pelle o sugli organi interni, in particolare sul fegato.

Di solito sono l’angioma è congenito, il che significa che la maggior parte delle persone lo sviluppa prima della nascita, mentre sono ancora nel ventre materno.

Gli angiomi presenti sul fegato causano raramente sintomi.

Di solito, non vengono scoperti fino a quando non vengono testati per una condizione patologica non correlata.

L’angioma cutaneo, più comunemente conosciuto come emangioma, appare come un piccolo graffio rossastro o violaceo conseguenza di vasi sanguigni intrecciati tra loro, soprattutto sui bambini e si espande con l’età.

Tuttavia, la maggior parte degli emangiomi della pelle scompare intorno all’età di 10 anni.

Gli emangiomi sono di solito piccoli, ma in alcuni casi possono divenire abbastanza grandi, o sviluppare lesioni e richiederne la rimozione.

Non esistono modi conosciuti per prevenire la crescita degli emangiomi sulla pelle o sugli organi.

Incidenza dell’angioma

Si stima che gli angiomi si verifichino in circa una persona ogni 500-600, pari a circa lo 0,2% della popolazione generale.

Mentre la presenza di un angioma non è rara nei bambini, gli individui più adulti mostrano spesso i primi sintomi intorno ai 20/30 anni d’età.

Gli angiomi possono continuare a formarsi nel corso dell’esistenza, quindi i tassi di incidenza e il numero di angiomi per persona sono più alti tra gli adulti.

Generalmente, più del 30% degli individui adulti sviluppa un angioma.

angioma-guancia
L’angioma cutaneo o emangioma è di solito piccolo, ma in alcuni casi può divenire abbastanza grande, o sviluppare lesioni e richiederne la rimozione

Come si sviluppa l’angioma?

Gli angiomi della pelle si sviluppano quando i vasi sanguigni si raggruppano in un’unica area.

Studi medico scientifici non hanno una spiegazione circa il perché i vasi sanguigni si riuniscono in questo modo, ma sospettano che la causa sia determinata da proteine ​​che vengono prodotte nella placenta durante la gestazione.

Angioma cutaneo

Gli angiomi della pelle possono formarsi sullo strato superiore della pelle o sullo strato grasso sottostante, chiamato strato sottocutaneo.

All’inizio, si presentano come macchie rossastre presenti sulla pelle che lentamente diverranno delle protuberanze.

Angioma epatico

Gli angiomi del fegato si formano all’interno e sulla superficie del fegato.

Questi angiomi sono ritenuti sensibili agli estrogeni, infatti, durante la menopausa, a molte donne sono prescritte cure di estrogeni per ridurre al minimo i sintomi causati dalla riduzione dei livelli di estrogeni naturali.

Questo eccesso di estrogeni può stimolare la crescita dell’angioma epatico.

angioma-epatico
Di solito l’angioma presente sul fegato causa raramente sintomi e non viene scoperto fino a quando non viene testato per una condizione patologica non correlata

Dove può presentarsi l’angioma?

Gli angiomi possono svilupparsi in varie aree del corpo, oltre alla pelle e al fegato, come ad esempio:

  • reni
  • polmoni
  • colon
  • cervello.

Gli angiomi che crescono nelle cavità del cervello o in altre cavità all’interno del corpo sono chiamati angiomi cavernosi.

Le cause degli angiomi

Un angioma è costituito da un gruppo anormalmente denso di vasi sanguigni intrecciati tra loro.

Non è chiara la causa per cui si presentino, sebbene possa essere coinvolta una componente ereditaria.

Fattori di rischio dell’angioma

Gli angiomi si verificano più spesso in alcuni casi:

  • Sesso femminile
  • Neonati prematuri
  • Bambini caucasici
  • Alcune complicazioni.

In rari casi, un angioma può rompersi e sviluppare dolore e sanguinamento con conseguenti cicatrici o infezioni.

A seconda della zona dove è presente l’angioma, in rari casi, questo potrebbe interferire e creare complicanze con la vista, la respirazione e l’udito.

Sintomatologia dell’angioma

Gli angiomi non causano normalmente sintomi durante o dopo la loro formazione.

Tuttavia, possono causare alcuni sintomi se si presentano con grandi dimensioni, numerosi o se crescono in un’area sensibile.

L’angioma della pelle di solito sembra un piccolo graffio o un’ecchimosi rossastra e mentre si sviluppa, il suo colore diviene sempre più scuro e intenso.

Gli angiomi cutanei sono talvolta chiamati “voglia di fragola”, a causa del loro aspetto simile ad una voglia con un colore rosso profondo.

Questa tipologia si trova principalmente sul collo o sul viso.

Angioma-bimbo
Mentre la presenza di un angioma non è rara nei bambini, gli individui più adulti mostrano spesso i primi sintomi intorno ai 20/30 anni d’età

Sintomi di angioma degli organi interni

Gli angiomi all’interno del corpo di solito passano inosservati fino a quando non divengono di grandi dimensioni o più numerosi.

Alcuni loro sintomi potrebbero includere:

  • nausea
  • vomito
  • disagio addominale
  • perdita di appetito
  • perdita di peso inspiegabile
  • sensazione di pienezza nell’addome.

Come viene diagnosticato l’angioma?

Non vengono utilizzati particolari test per diagnosticare gli angiomi cutanei. Il medico può diagnosticarli con un esame visivo durante un esame fisico.

Gli angiomi presenti, invece, sugli organi vengono normalmente rilevati durante un’ecografia, una risonanza magnetica o una TAC, e sono di solito rilevati in maniera casuale.

Opzioni di trattamento per gli emangiomi

Un singolo e piccolo angioma non richiede alcun trattamento e nella maggior parte dei casi, si ritrae autonomamente.

Tuttavia, alcuni casi particolari richiedono un trattamento.

Se la crescita di un angioma interferisce con la vista o causa altri problemi, le opzioni di trattamento possono includere:

  • Farmaci beta bloccanti. In piccoli angiomi superficiali, il timololo in gel può essere applicato sulla zona interessata o il trattamento con una soluzione orale di propranololo, può ridurre o far scomparire del tutto la sintomatologia.
    Gli effetti collaterali possono includere l’elevato livello di zucchero nel sangue, l’alta pressione sanguigna e il respiro affannoso.
  • Corticosteroidi. Per i pazienti che non rispondono ai trattamenti farmacologici con beta-bloccanti o non possono assumerli, i corticosteroidi possono essere un’opzione.
    Possono essere iniettati, somministrati per via orale o applicati sulla pelle e gli effetti collaterali possono includere una crescita più lenta.
  • Chirurgia laser. A volte il trattamento chirurgico può essere utilizzato per rimuovere un angioma o trattarne la presenza di piaghe dolorose, quindi, per ridurre l’arrossamento e promuovere una guarigione più rapida.

Più di recente, studi medico scientifici sono alla ricerca di nuovi trattamenti che abbiano meno effetti collaterali e alcuni di questi, sperimentali, includono l’utilizzo di interferone alfa e soppressori immunitari topici.

Quando gli emangiomi sugli organi richiedono il trattamento

Gli angiomi all’interno del corpo possono richiedere il trattamento se crescono eccezionalmente in grandi dimensioni o causano dolore.

Le opzioni di trattamento per questo tipo di angioma includono:

  • Rimozione chirurgica dell’angioma
  • Rimozione chirurgica dell’organo danneggiato o della zona danneggiata
  • Blocco dell’arteria principale che fornisce sangue agli angiomi.

Prevenzione degli angiomi

Non esiste un modo conosciuto per prevenire l’angioma.

Lo stress è considerato come un principale fattore causale della presenza e la crescita di queste lesioni, per cui lo yoga, la meditazione o altre tecniche possono aiutare a prevenire lo sviluppo degli angiomi.

Trattamento naturale degli angiomi

E’ possibile, inoltre, trattare gli angiomi con l’aiuto di metodi naturali come:

  • Composto di sandalo e basilico: mescolare la polvere di sandalo con foglie di basilico fresco, fino a realizzarne un composto da applicare sulla pelle.
    Questo rimedio aiuterà a mantenere i pori puliti e liberi, poiché il sandalo pulisce e idrata la pelle e la mantiene naturalmente priva di germi, mentre il basilico dona sollievo alle infiammazioni.
  • Composto di curcuma: mescolare 5 cucchiai di polvere di curcuma con la stessa quantità di polvere di sandalo e applicare il composto sulle lesioni. Lavare dopo mezz’ora.
  • Idratazione: bere almeno otto bicchieri d’acqua ogni giorno, aiuta ad eliminare le tossine dal corpo, che possono essere intrappolate sotto la pelle e ostacolare i pori.
  • Assunzione di integratori: l’assunzione di integratori di vitamine A e E aiuta a migliorare la salute generale e mantenere la pelle sana e idratata.
  • Modifica alle abitudini sbagliate nella dieta: includere più frutta e verdura, evitando cibi grassi e ricchi di zuccheri, può aiutare a purificare e depurare il corpo, rimuovendo le tossine. Questo può avere un effetto positivo sulla pelle.

I trattamenti naturali richiedono solitamente tempo per mostrare effetti positivi e di successo. A differenza dei trattamenti farmacologici, tuttavia, non producono effetti collaterali e curano in modo permanente.

[bbp-single-tag id=1332]

Problemi con le analisi cliniche? Invia una domanda nel FORUM: è gratis
Risposta entro 24 ore