ANTINFIAMMATORI : uso, indicazioni e controindicazioni

I farmaci antinfiammatori sono diffusi in tutto il mondo. Il loro effetto principale è quello di diminuire la sintesi delle prostaglandine inibendo in modo reversibile la cicloossigenasi, un enzima che catalizza la formazione di prostaglandine. Questa inibizione riduce la produzione di prostaglandine con riduzione di dolore e infiammazione

Che cosa sono gli antinfiammatori

I farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) sono prescritti ampiamente in tutto il mondo.

Più di 70 milioni di prescrizioni per i FANS vengono realizzate ogni anno nel mondo. La maggior parte dei FANS comunemente ingeriti ha pochi effetti tossici, anche se assunti in quantità significative.

Tuttavia, per l’Italia, con il numero di prescrizioni e il consumo di antinfiammatori da banco in aumento ogni anno, anche il numero di overdose e le complicanze correlate agli stessi sono segnalati ai centri di controllo dei veleni in tutto il Paese.

Inoltre, eventi avversi correlati alle interazioni farmacologiche o all’esposizione a pazienti vulnerabili con stati patologici che predispongono i pazienti alla tossicità da FANS, sono comuni e possono comportare una significativa morbilità e mortalità.

La maggior parte degli effetti negativi da antinfiammatori proviene dall’ingestione da lieve a moderata, con bassi livelli di gravità dei sintomi che includono disturbi gastrointestinali generali come nausea e vomito e lievi alterazioni chimiche ed elettrolitiche che si risolvono rapidamente con terapia di supporto.

In caso di ingestione di grandi quantità, alcuni pazienti possono sviluppare un livello alterato di coscienza che potrebbe sfociare persino in coma con acidosi metabolica progressiva e talvolta refrattaria ed evolvente insufficienza d’organo multisistemica.

Effettivamente, non esistono antidoti specifici per l’avvelenamento da FANS. I pazienti con tossicità significativa che sviluppano grave acidosi possono richiedere un trattamento di supporto con bicarbonato di sodio per via endovenosa.

Fisiopatologia degli antinfiammatori

Più di 20 farmaci rientrano nella categoria dei FANS.

L’effetto principale di tutti, comunque, è quello di diminuire la sintesi delle prostaglandine inibendo in modo reversibile la cicloossigenasi, ovvero un enzima che catalizza la formazione di prostaglandine e trombossani dal precursore dell’acido arachidonico.

Ciò è in contrasto con i salicilati (ad esempio l’aspirina), che si legano irreversibilmente e inibiscono la produzione per l’intera vita della cellula, o acetaminofene.

Il risultato dell’inibizione indotta dagli antinfiammatori è una riduzione della produzione di prostaglandine, che porta ad una riduzione del dolore e dell’infiammazione.

Disfunzioni del sistema nervoso centrale, emodinamica, polmonare ed epatica possono verificarsi con alcuni agenti, ma il rapporto con la produzione di prostaglandine rimane incerto.

Le prostaglandine sono coinvolte nel mantenimento dell’integrità della mucosa gastrointestinale e nella regolazione del flusso sanguigno renale e la tossicità, sia acuta sia cronica, spesso coinvolge il sistema gastrointestinale e renale.

Antinfiammatori effetti
L’effetto principale degli antinfiammatori è quello di diminuire la sintesi delle prostaglandine inibendo in modo reversibile la cicloossigenasi

Effetti collaterali derivanti dagli antinfiammatori

Gli effetti collaterali possono essere di varia gravità:

  • Minore: effetti minimamente fastidiosi con risoluzione rapida (es. sintomi gastrointestinali, sonnolenza, irritazione cutanea, tachicardia sinusale senza ipotensione)
  • Moderata: sintomi più pronunciati, più prolungati o di natura più sistemica rispetto ai sintomi minori; di solito, è indicata una qualche forma di trattamento; i sintomi non sono pericolosi per la vita e il paziente è privo di disabilità o effetti residui (ad es., alterazione acido-base, febbre alta, ipotensione che risponde al trattamento, brevi crisi isolate che rispondono al trattamento)
  • Maggiore: potenzialmente pericolosa per la vita o che comporta disabilità residua significativa o deturpazione (ad es. convulsioni con stato epilettico, compromissione respiratoria che richiede intubazione endotracheale, tachicardia ventricolare con ipotensione, arresto cardiaco o respiratorio)
  • Morte.

Sia l’avvelenamento acuto sia cronico con gli antinfiammatori determina una morbilità e una mortalità in base alle cause.

Antinfiammatori uso
In caso di ingestione di grandi quantità, alcuni pazienti possono sviluppare un livello alterato di coscienza che potrebbe sfociare in coma

Complicazioni derivanti dall’utilizzo di antinfiammatori

Ingestione acuta e effetti avversi nella terapia cronica

Con l’ingestione acuta, i sintomi gastrointestinali sono in genere predominanti, con la dispepsia come la più comune.

L’ulcerazione peptica e le sue complicanze sono relativamente rare.

Gli effetti avversi gastrointestinali sono dovuti all’azione inibitoria sulla cicloossigenasi.

Il rischio di effetti gastrointestinali negativi aumenta con l’aumento della dose e della durata della terapia con antinfiammatori, con l’età, la storia di precedenti ulcere o sanguinamenti, la presenza di H pylori non trattato, l’uso concomitante di anticoagulanti, SSIR e glucocorticoidi.

L’epatotossicità è rara, sebbene possa verificarsi un transitorio innalzamento dei livelli delle transaminasi epatiche.

Effetti renali

In genere, questi includono la ritenzione di sali e acqua.

Iperkaliemia e insufficienza renale acuta sono meno comuni e sono reversibili nella maggior parte dei casi.

Nefrite interstiziale acuta, sindrome nefrosica e necrosi papillare si verificano molto meno spesso di altri sintomi renali.

Particolarmente ad alto rischio sono le persone anziane e le persone con problemi renali sottostanti o volume intravascolare ridotto da perdita di sale o ipoalbuminemia.

L’uso concomitante con l’aspirina può negare i benefici effetti cardiovascolari dell’aspirina. I FANS possono esacerbare l’ipertensione e l’insufficienza cardiaca sottostanti.

Lesioni dermatologiche ed ematologiche

Le lesioni dermatologiche comprendono esantemi generalizzati, prurito e, raramente, sindrome di Stevens-Johnson e necrolisi epidermica tossica.

Le complicazioni ematologiche sono rare ma sono state descritte. Esistono resoconti di pazienti con anemia aplastica successiva, agranulocitosi, anemia emolitica, neutropenia e trombocitopenia.

Lesioni al sistema centrale nervoso

Gli effetti sul sistema centrale nervoso sono relativamente comuni con la tossicità degli antinfiammatori. Includono cambiamenti di umore e cognizione (specialmente nelle persone anziane), convulsioni, mal di testa e allucinazioni.

Sono più frequenti con i FANS altamente solubili nei lipidi come ibuprofene, naprossene e ketoprofene. Con l’uso cronico, può verificarsi la ritenzione urinaria.

La meningite asettica è stata riportata secondaria ai FANS.

DAL NOSTRO FORUM : discussioni su ANTINFIAMMATORI

Terapia cronica dell’utilizzo di antinfiammatori

Molti medici prescrivono regolarmente gli antinfiammatori per il trattamento di patologie croniche come l’osteoartrite e l’artrite reumatoide e le lesioni muscoloscheletriche acute.

Con i FANS prontamente disponibili nelle farmacie, molti pazienti assumono questi farmaci pensando non vi siano reali possibilità di danni ed effetti collaterali.

Le complicanze più comuni della terapia cronica con i FANS sono gastrointestinali.

La maggior parte delle morti riportate riguardavano sanguinamento gastrointestinale, mentre il resto delle complicazioni ha coinvolto complicanze renali.

Gli antinfiammatori, quindi, devono essere usati con cautela nei pazienti più anziani e in quelli con problemi medici cronici, come il diabete e l’insufficienza cardiaca congestizia, a causa di un aumento significativo del rischio di gravi effetti indesiderati.

Le persone anziane sono particolarmente a rischio per gli effetti avversi di questi farmaci e uno studio ha mostrato che il 30-40% di tutte le persone anziane assume antinfiammatori e che il 10-13% delle persone anziane li assume quotidianamente.

Possono verificarsi reazioni cutanee gravi, potenzialmente fatali, tra cui la sindrome di Stevens-Johnson e la necrolisi epidermica tossica, e sono più probabili durante le prime due settimane di terapia, ma possono verificarsi in qualsiasi momento.

I farmaci devono essere immediatamente interrotti al primo segno di rash, ulcere della bocca o reazione allergica (ad esempio gonfiore, prurito, mancanza di respiro).

Con l’uso cronico, possono verificarsi sintomi neurologici di ritenzione urinaria.

Gli effetti renali, come la nefrite interstiziale, possono verificarsi sia nell’uso acuto sia cronico.

È stato confermato, inoltre, che i bloccanti H2 e le prostaglandine usati in concomitanza con i FANS sono in grado di bloccare gli effetti irritanti sulla mucosa gastrica.

Tuttavia, nessuno studio sostanziale ha mostrato alcuna protezione reale e, in effetti, l’uso di anti-H2 può aumentare il rischio di complicazioni gastrointestinali gravi.

Alimenti antinfiammatori degna sostituzione dei farmaci

Le prostaglandine sono sostanze simili agli ormoni che influenzano il corpo in vari modi, regolando anche la mediazione infiammatoria.

Antinfiammatori alimenti
Chi segue una dieta antinfiammatoria eviterà olii e zuccheri raffinati e mostrerà una preferenza per i cibi antinfiammatori

Una dieta anti-infiammatoria include meno alimenti che generano prostaglandine che provocano l’infiammazione nel corpo e più alimenti che creano prostaglandine anti-infiammatorie.

Diete consigliate per ridurre l’infiammazione includono quelle ricche di verdure e povere di carboidrati e grassi semplici, come grassi saturi e grassi trans.

Gli alimenti antinfiammatori includono:

  • frutta e verdura più colorata
  • pesce grasso (che contiene livelli più alti di acidi grassi omega-3)
  • noci
  • semi
  • alcune spezie, come lo zenzero
  • aglio
  • pepe di Caienna.

L’olio extra vergine di oliva contiene l’oleocantale chimico che agisce in modo simile all’ibuprofene.

Chi segue una dieta antinfiammatoria eviterà olii e zuccheri raffinati e mostrerà una preferenza per i cosiddetti cibi antinfiammatori nelle loro scelte alimentari.

Problemi con le analisi cliniche? Invia una domanda nel FORUM: è gratis
Risposta entro 24 ore