AUREOMICINA : dosi, indicazioni e precauzioni d’uso

Aureomicina: informazioni generali

La Clorotetraciclina (nome commerciale Aureomicina) è un antibiotico tetraciclinico, la prima tetraciclinica identificata.

Fu scoperto nel 1945 da Benjamin Minge Duggar che lavorava a Lederle Laboratories sotto la supervisione di Yellapragada Subbarow.

Duggar ha identificato l’antibiotico come prodotto di un attinomicete colto da un campione di terreno raccolto da Sanborn Field presso l’Università del Missouri.

L’organismo è stato chiamato Streptomyces aureofaciens e il farmaco isolato nella cosiddetta Aureomicina, a causa del suo colore dorato.

Nella medicina veterinaria, la Clorotetraciclina è comunemente usata per curare la congiuntivite nei gatti.

La clortetraciclina può aumentare le attività anticoagulanti dell’acenocoumarolo.

Il rischio o la gravità degli effetti avversi possono essere aumentati quando la clorotraciclina viene combinata con acitretina, adapalene o alitretinoina.

Il fosfato di alluminio e l’idrossido di alluminio possono causare diminuzioni nell’assorbimento della Clorotetraciclina, con conseguente riduzione della concentrazione sierica e potenzialmente una diminuzione dell’efficacia.

L’efficacia terapeutica dell’amdinocillina), amoxicillina e ampicillina può essere ridotta se usato in combinazione con la clotetraciclina.

La clorotetraciclina può aumentare le attività di bloccaggio neuromuscolare di atracurium besilato, un rilassante muscolare.

Durante e subito dopo la seconda guerra mondiale (1939-1945), i nuovi “farmaci miracolosi” hanno rivoluzionato il trattamento medico delle infezioni.

Questi nuovi farmaci hanno incluso diversi tipi di sostanze che trovano proprietà antibatteriche (distruttive dei batteri) e antivirali (distruttive per i virus).

Una di queste classi di farmaci era la tetraciclina.

Le tetracicline sono una famiglia di antibiotici simili alla penicillina che si sono dimostrati non tossici (non velenosi) ed efficaci contro una vasta gamma di infezioni.

La scoperta dell’Aureomicina

L’ Aureomicina, la prima delle tetracicline, fu scoperta nel 1948 dal botanico americano Benjamin Minge Duggar (1872-1956).

Duggar aveva 76 anni al momento della sua scoperta.

Si è laureato presso il Mississippi State College e ha studiato presso il Politecnico di Alabama e l’università di Harvard.

Duggar divenne poi professore di botanica presso l’Università del Missouri, Università di Washington e il Giardino Botanico del Missouri.

Ha fatto una ricerca pionieristica sul virus del mosaico del tabacco ed è diventato ampiamente conosciuto per il suo lavoro con muffe e funghi (un gruppo di organismi che non hanno clorofilla, radici, gambi o foglie e si riproducono da spore).

Più tardi, in qualità di consulente della Divisione Lederle della American Cyanamid Company, Duggar si mise alla ricerca di nuovi farmaci antibatterici.

Anche se la penicillina e la streptomicina sono state ampiamente utilizzate per il trattamento delle infezioni batteriche, una serie di malattie e ceppi di batteri erano ancora molto resistenti a questi trattamenti.

Duggar ha concentrato la sua ricerca su gruppi di microrganismi trovati nel suolo.

Ha provato più di 3.500 ceppi di microrganismi prima di avere successo.

Nel 1945 ha provato un campione prelevato dal suolo presso il campus dell’Università del Missouri.

Una sostanza di colore dorato prodotta, presentava proprietà antibiotiche.

Dopo un ampio test, ha scoperto di essere attiva nei confronti di bacilli, stafilococchi e streptococchi (tutte le forme di batteri).

Duggar ha chiamato la sostanza Aureomicina, dalla parola latina “aureus”, che significa oro e la parola greca “mykes”, che significa fungo.

Cosa è l’Aureomicina

La continuazione dei test di Duggar ha rivelato che l’ Aureomicina era efficace contro il 90% delle infezioni causate da batteri.

Nelle sperimentazioni umane, il farmaco è risultato essere efficace contro una vasta gamma di infezioni con minimi effetti collaterali.

A differenza della penicillina e della streptomicina, che doveva essere iniettata, l’ Aureomicina poteva essere somministrata per via orale.

L’ Aureomicina è stata anche efficace nel trattamento di malattie che non hanno risposto ad altri antibiotici, come il tracoma, la febbre del pappagallo, il tifo, le clamidie e i micoplasmi.

Era anche attivo contro la febbre maculosa delle montagne rocciose, un’infezione che si era diffusa in tutti gli Stati Uniti.

Causa da un microrganismo chiamato rickettsia e trasmesso da una zecca, la malattia è stata fatale in un paziente su cinque.

Per un certo tempo, l’ Aureomicina è stata aggiunta, anche, al mangime del bestiame per prevenire alcune malattie degli animali.

Questa pratica è stata in gran parte interrotta, tuttavia, perché genera batteri che sono immuni ai farmaci.

Altre tetracicline includono la terramicina, l’acromicina e la decomicina.

Molti esperti medici considerano le tetracicline come antibiotici meno tossici e più efficaci accanto alla penicillina.

In alcuni pazienti, tuttavia, possono causare effetti collaterali minori come nausea, diarrea e scolorimento dei denti.

Poiché le tetracicline sono state usate così ampiamente contro una varietà di malattie, diversi ceppi di batteri hanno sviluppato resistenza.

A causa di questo i medici spesso prescrivono altri antibiotici per i comuni tratti urinari e le vie respiratorie (che hanno a che fare con i polmoni e la cassa toracica).

L’ Aureomicina è un farmaco incluso nei seguenti gruppi: antinfettivi e antisettici per il trattamento orale locale e in concomitanza con tetraciclina e derivati.

Per ulteriori informazioni sull’ Aureomicina è possibile analizzare la classificazione della Clorotetraciclina generica.

L’ Aureomicina fa parte, quindi, delle classi di farmaci antinfiammatori e antisettici per il trattamento orale locale e come parte integrante delle tetracicline e derivati.

Classificazione farmacologica dell’Aureomicina

L’ Aureomicina possiede:

  • agenti antibatterici, ovvero sostanze che inibiscono la crescita o la riproduzione di batteri.
  • agenti antiprotozoi, ovvero sostanze distruttive dei protozoi.
  • inibitori della sintesi proteica, ovvero composti che inibiscono la sintesi delle proteine; di solito sono agenti batterici o tossine.

Il meccanismo dell’azione di inibizione comprende:ù

  • l’interruzione dell’allungamento della catena peptidica,
  • il bloccaggio del sito A dei ribosomi,
  • l’errata lettura del codice genetico
  • la prevenzione dell’adesione di catene laterali oligosaccaridi alle glicoproteine.

L’ Aureomicina fa parte delle seguenti categorie farmacologiche:

  • Agente anti acne (topico) -Meclociclina; Tetraciclina idrocloruro per soluzione topica;
  • Antibatterico (topico) -cloroetraciclina; Tetrato di cloruro di tetraciclina.

Indicazioni dell’Aureomicina

L’ Aureomicina viene utilizzata per il trattamento di numerose condizioni, quali:

  • Acne vulgaris (trattamento): la crema di sulfosalicilato di metossicilato e la tetraciclina cloridrato per la soluzione topica sono indicati per il trattamento topico dell’acne vulgaris. Possono essere efficaci nell’acne di grado II e III, caratterizzate da lesioni infiammatorie quali papule e pustole.
  • Infezioni cutanee, batteriche, minori (trattamento): il cloridrato e il cloruro di tetraciclina cloridrato sono indicati nel trattamento topico di infezioni cutanee minori causate da streptococchi, stafilococchi e altri organismi suscettibili.
  • Infezioni cutanee batteriche minori (profilassi), ulcera, trattamento dermacologico: la clitoretraciclina topica e il cloridrato di tetraciclina vengono utilizzati nella profilassi delle infezioni cutanee più piccole e nel trattamento dell’ulcera cutanea.

Non tutte le specie o ceppi di un organismo particolare possono essere suscettibili alle tetracicline.

Le tetracicline topiche non sono efficaci nelle lesioni cistiche o nelle lesioni non infiammatorie.

Inoltre, gli antibatterici topici non sono generalmente considerati efficaci come gli antibatterici sistemici nel trattamento dell’acne, in particolare acne infiammatoria.

Aureomicina: come agisce

L’ Aureomicina è conosciuta per i suoi meccanismi d’azione, come:

  • Agente antiacne (topico): probabilmente a causa della loro attività antibatterica. Le tetracicline topiche sono pensate per sopprimere la crescita di Propionibacterium acnes (Corynebacterium acnes), un anaerobo trovato nelle ghiandole sebacee e nei follicoli. P. acnes produce proteasi, ialuronidasi, lipasi e fattori chemotattici, che possono produrre direttamente infiammazioni.
  • Agente antibatterico (topiche): le tetracicline sono agenti batteriostatici ad ampio spettro e agiscono inibendo la sintesi proteica bloccando il legame di aminoacil tRNA (RNA di trasferimento) al complesso ribosomico del mRNA (messaggero RNA). Il legame reversibile avviene principalmente nella subunità ribosomale 30 S di organismi sensibili. La sintesi batterica cellulare non è inibita.

Aureomicina: precauzioni per l’uso

Sono state rilevati alcuni casi di sensibilità e/o problemi connessi all’uso dell’ Aureomicina.

Aureomicina
Aureomicina è un antibiotico per infezioni cutanee

I pazienti sensibili alla tetraciclina, o alla combinazione di tetracicline o a derivati delle tetracicline, possono essere sensibili anche ad altre tetracicline.

Cancerosità (Tetraciclina cloridrato per soluzione topica).

Uno studio dermacologico biennale effettuato nei topi non ha dimostrato che la tetraciclina cloridrato per la soluzione topica sia cancerogena.

Gravidanza, allattamento e fertilità.

Studi adeguati e ben controllati negli esseri umani non sono ancora stati eseguiti.

Studi condotti su ratti e conigli, invece, con la prescrizione di dosi orali fino a 1000 volte superiori la normale dose umana (cioè 1 grammo di crema al giorno), non hanno dimostrato che la meclociclina provoca una compromissione della fertilità e di altre attività correlate.

 

Per approfondire:

https://it.wikipedia.org/wiki/Clorotetraciclina

Problemi con le analisi cliniche? Invia una domanda nel FORUM: è gratis
Risposta entro 24 ore