Home Malattie BLEFARITE : che cosa è, come si cura

BLEFARITE : che cosa è, come si cura

La blefarite è una patologia che si riferisce a una famiglia di processi infiammatori a carico della palpebra. Può essere contagiosa e creare danni permanenti all'occhio se si manifesta con particolare frequenza. Ecco i principali sintomi, le cause più diffuse e i trattamenti più idonei a curarla.

Cosa è la blefarite

La blefarite si riferisce a una famiglia di processi infiammatori a carico della palpebra.

La blefarite può essere suddivisa anatomicamente in blefarite anteriore e posteriore.

La variante anteriore si riferisce a un’infiammazione principalmente centrata intorno alla pelle, alle ciglia e ai follicoli delle ciglia.

La blefarite posteriore coinvolge gli orifizi delle ghiandole di Meibomio, le ghiandole di Meibomio, la placca tarsale e la giunzione blefro-congiuntivale.

La blefarite anteriore di solito è ulteriormente suddivisa in varianti stafilococco e seborroica.

Frequentemente esiste una notevole sovrapposizione in questi processi nei singoli pazienti.

La blefarite è spesso associata a malattie sistemiche, come:

  • rosacea
  • atopia
  • dermatite seborroica
  • sindromi da occhio secco
  • calazio
  • trichiasi
  • ectropion (rotazione della palpebra all’esterno)
  • entropion (all’interno)
  • congiuntivite infiammatoria o altra infiammazione
  • cheratite

Fisiopatologia della blefarite

La fisiopatologia della blefarite coinvolge frequentemente la colonizzazioni batteriche della palpebra o entrambe.

Ciò si traduce nell’invasione microbica diretta dei tessuti, nel danno mediato dal sistema immunitario o nel danno causato dalla produzione di tossine batteriche, prodotti di scarto ed enzimi.

La colonizzazione aumenta in presenza di dermatite seborroica o disfunzione della ghiandola di Meibomio.

blefarite cura
La blefarite può essere suddivisa anatomicamente in anteriore e posteriore

Epidemiologia della blefarite

La blefarite è un disturbo dell’occhio comune in tutto il mondo.

Mortalità e morbilità
L’associazione esatta tra blefarite e mortalità non è nota, ma le malattie con mortalità nota, come il lupus eritematoso sistemico, possono avere la blefarite come parte della sintomatologia.

La morbilità associata include la perdita della funzione visiva, il benessere e la capacità di svolgere attività quotidiane.

Il processo patologico può causare danni alla cornea, che a sua volta può causare infiammazione, cicatrici, perdita di levigatezza superficiale, astigmatismo irregolare e perdita di chiarezza ottica.

Se si sviluppa un’infiammazione grave, può verificarsi una perforazione della cornea.

Razza
Nessuno studio noto dimostra differenze razziali nell’incidenza della blefarite.

La rosacea può essere più comune negli individui con la pelle chiara.

Sesso
Non sono stati trovati studi ben disegnati di differenze nell’incidenza e nelle caratteristiche cliniche della blefarite tra i sessi.

Età
La blefarite seborroica è più comune in un gruppo di età avanzata. L’età media apparente è di 50 anni.

DAL NOSTRO FORUM : discussioni su BLEFARITE

Sintomatologia della blefarite

I pazienti con blefarite presentano tipicamente sintomi di:

  • irritazione degli occhi
  • prurito
  • eritema delle palpebre
  • desquamazione dei margini dell’occhio
  • alterazione delle ciglia.

I sintomi comuni includono:

  • sensazione di bruciore
  • lacrimazione
  • sensazione di corpo estraneo
  • croste sulle ciglia
  • palpebre arrossate
  • occhi rossi
  • fotofobia
  • dolore
  • visione ridotta
  • fluttuazioni visive
  • sensazione di calore o freddo molto accentuati.

La condizione, tipicamente, ha un decorso cronico con esacerbazioni intermittenti ed eruzioni della malattia sintomatica.

La rosacea può essere associata a:

  • naso rosso e gonfio (rinofima)
  • rossore del viso
  • vasi capillari rotti e distesi sul viso
  • pustole
  • pelle grassa
  • intolleranze alimentari e ambientali
  • irritazione agli occhi.

Cause della blefarite

Alcune cause specifiche della blefarite possono includere rosacea, infezioni parassitarie o dermatiti come:

  • da herpes simplex
  • da varicella-zoster
  • allergica o da contatto
  • seborroica
  • da stafilococco.

La blefarite cronica è stata associata all’esposizione continua a fumi chimici, fumo, smog e altre sostanze irritanti.

La blefarite acuta è più comunemente dovuta ad allergia, tossicità farmacologica o reazione chimica.

La sindrome di Sjogren può presentarsi esattamente come nel caso di blefarite.

blefarite occhio
Alcune cause specifiche della blefarite possono includere rosacea, infezioni parassitarie o dermatiti

Studi di laboratorio

In generale, non è necessario eseguire test diagnostici per dignosticare la blefarite.

La ricerca e altri trattamenti rari possono riguardare:

  • colture a margine delle palpebre
  • studi di transilluminazione delle ghiandole di Meibomio
  • tecniche di imaging digitale
  • citologia di impronta congiuntivale
  • biopsie marginali
  • analisi delle secrezioni delle ghiandole.

Testare i pazienti con blefarite per insufficienza lacrimale o problemi di drenaggio nasolacrimale è appropriato perché questi possono essere associati a blefarite e spesso possono creare complicazioni gravi.

Trattamento medico della blefarite

Un impegno sistematico e a lungo termine per un programma di igiene del margine palpebrale è la base del trattamento della blefarite.

I medici devono assicurarsi che i pazienti riconoscano che la gestione della blefarite non è una cura ma un processo.

Esistono molti sistemi appropriati di igiene delle palpebre e tutti includono variazioni di 3 passaggi essenziali, come segue:

In primo luogo, l’applicazione di impacchi caldi per scaldare le secrezioni delle ghiandole palpebrali, per portare il materiale ghiandolare lipidico torbido al suo punto di fusione e alla conseguente liquefazione, e per promuovere l’evacuazione e la pulizia dei passaggi secretori è essenziale.

Ai pazienti, comunemente, viene consigliato di usare impacchi caldi imbevuti da applicare ripetutamente sulle palpebre.

È possibile utilizzare acqua tiepida in salviette o garze imbevute.

In secondo luogo, il margine palpebrale viene lavato meccanicamente per rimuovere il materiale aderente, come la forfora e la formazione di croste e per pulire gli orifizi delle ghiandole.

Questo può essere completato con una salvietta calda o con applicatori in cotone o garze.

Terzo, viene applicato un unguento antibiotico al margine palpebrale dopo che è stato trattato. Le combinazioni di unguenti antibiotico-corticosteroide possono essere utilizzate per corsi brevi, sebbene, a causa dei rischi associati agli steroidi oculari, il loro uso sia meno appropriato per la gestione a lungo termine.

Situazioni cliniche specifiche possono richiedere un trattamento aggiuntivo.

I casi refrattari di blefarite spesso rispondono all’uso orale di antibiotici. Corsi di uno o due mesi di agenti di classe della tetraciclina sono spesso utili per ridurre i sintomi nei pazienti con malattia più grave.

Tetraciclina, doxiciclina e minociclina non si credono solo per ridurre la colonizzazione batterica ma anche per alterare il metabolismo e ridurre la disfunzione ghiandolare.

Trattamento chirurgico

L’assistenza chirurgica per la blefarite è necessaria solo per complicazioni come la formazione di calazio, trichiasi, ectropion, entropion o malattia corneale.

Inoltre, sono disponibili numerose nuove terapie, tra cui:

  • a pulsazione termica: un dispositivo applica una temperatura omogenea di 40,5° C sia alla superficie anteriore sia a quella posteriore delle palpebre. Le pulsazioni, poi, eliminano i detriti infetti dalle ghiandole di Meibomio.
  • meccanica con una fresa rotante applicata in studio medico da un tecnico qualificato che deterge l’orifizio meibomio chiuso e infiammato consentendo un migliore flusso.
  • sonda con una punta in acciaio inossidabile molto fine applicata sull’orifizio della ghiandola di Meibomio accuratamente anestetizzato da un oftalmologo e una corrente elettrica molto leggera applicata per facilitare il flusso.
blefarite sintomi
L’assistenza chirurgica per la blefarite è necessaria solo per complicazioni gravi

Trattamento farmacologico

I farmaci utili nel trattamento della blefarite possono includere antibiotici topici, corticosteroidi topici e antibiotici orali.

La tipica blefarite può essere trattata con un regime igienico e un unguento antibiotico topico.

L’uso di corticosteroidi combinati e pomate antibiotiche non dovrebbe essere a lungo termine, ma può rivelarsi utile nella riduzione dell’infiammazione nei casi difficili.

Per i casi refrattari può essere necessario l’uso di antibiotici della classe tetraciclina orale.

Inoltre, può essere necessaria una combinazione di antibiotici e di steroidi per la malattia corneale associata.

L’ivermectina è un farmaco antiparassitario ad ampio spettro usato principalmente per trattare la strongiloidiasi e l’oncocercosi.

Per i pazienti con blefarite refrattaria, è stato riscontrato che l’ivermectina riduce il numero di folodulori Demodex presenti nelle ciglia.

Problemi con le analisi cliniche? Invia una domanda nel FORUM: è gratis
Risposta entro 24 ore