Home Analisi del sangue EMOGLOBINA GLICATA : che cosa è e come si misura

EMOGLOBINA GLICATA : che cosa è e come si misura

L'emoglobina glicata è un tipo di emoglobina misurata per analizzare la concentrazione media di glucosio plasmatico di tre mesi. Nel diabete mellito, maggiori quantità di emoglobina glicata sono state associate a malattie cardiovascolari, nefropatia, neuropatia e retinopatia. Ecco i valori di riferimento.

Cosa è l’emoglobina glicata

L’emoglobina glicata (cosiddetta A1c, HbA1c, A1C o Hb1c, riconosciuta anche come Hb1c o HGBA1C) è un tipo di emoglobina misurata generalmente per analizzare la concentrazione media di glucosio plasmatico di tre mesi.

Il test è limitato a tre mesi, in quanto la durata di vita di una cellula ematica è di quattro mesi (120 giorni).

Tuttavia, dal momento che i RBC (eritrociti o globuli rossi) non sono tutti sottoposti a lisi allo stesso tempo, l’HbA1C viene preso come misura limitata di 3 mesi, ovvero formato in un percorso di glicazione non enzimatico dalle esposizioni dell’emoglobina al glucosio plasmatico.

Quindi, l’HbA1c è una misura del componente beta-N-1-deossi-fruttosil dell’emoglobina.

L’origine della denominazione deriva dal tipo di emoglobina A separata sulla cromatografia.

La prima frazione da separare, probabilmente considerata pura emoglobina A, è stata designata come HbA0, le seguenti frazioni sono state designate come HbA1a, HbA1b e HbA1c, rispettivamente del loro ordine di eluizione.

Ci sono state successivamente molte altre frazioni secondarie, in quanto le tecniche di separazione sono state migliorate.

I livelli normali di glucosio producono una quantità normale di emoglobina glicata e all’aumento della quantità media di glucosio plasmatico, la frazione dell’emoglobina glicata aumenta in modo prevedibile.

Questo serve come marcatore per riconoscere i livelli medi di glucosio presente nel sangue nei tre mesi precedenti alla misurazione in quanto questa è la durata della vita dei globuli rossi.

emoglobina glicata test
Nel diabete mellito, maggiori quantità di emoglobina glicata sono state associate a diverse malattie

Emoglobina glicata e diabete mellito

Nel diabete mellito, maggiori quantità di emoglobina glicata, che indicano un controllo più povero dei livelli di glucosio nel sangue, sono state associate a malattie cardiovascolari, nefropatia, neuropatia e retinopatia.

Uno studio condotto su un gruppo di pazienti con diabete di tipo 1 ha rilevato che il monitoraggio della HbA1c ha portato a cambiamenti nel trattamento del diabete e nel miglioramento del controllo metabolico rispetto al solo monitoraggio del sangue o del glucosio urinario.

Tuttavia, un ulteriore studio specifico ha determinato che la riduzione dell’ HbA1c al di sotto del normale livello del 6%, utilizzando principalmente l’insulina e le sulfoniluree (entrambe note per stimolare l’insulina), ridurrebbe il tasso di eventi cardiovascolari nel diabete di tipo 2.

Storia dell’emoglobina glicata

L’emoglobina A1c è stata prima separata da altri tipi di emoglobina da Meyering e Huisman nel 1958 utilizzando una colonna cromatografica.

In seguito è stata classificata come una glicoproteina da Gallop e Bookchin nel 1968.

Samuel Rahbar e il suo staff, invece, descrissero l’aumento dell’emoglobina nel diabete, per la prima volta nel 1969 e le reazioni alla sua formazione furono caratterizzate da Bunn e dai suoi colleghi nel 1975.

L’uso dell’emoglobina A1c per il controllo del metabolismo del glucosio nei pazienti diabetici è stato descritto nel 1976 da Ronald Koenig, Anthony Cerami e il loro staff.

Meccanismi dannosi dell’emoglobina glicata

L’emoglobina glicata provoca un aumento di radicali liberi altamente reattivi all’interno delle cellule del sangue.

I radicali alterano le proprietà delle membrane delle cellule e ciò porta all’aggregazione di queste, tra loro, e all’aumento della viscosità del sangue che provoca un flusso sanguigno compromesso.

Principio nella diagnostica medica

La glicazione delle proteine ​​è un fenomeno frequente, ma nel caso dell’emoglobina si verifica una reazione non enzimatica tra glucosio plasmatico ed emoglobina normale; ciò forma una base Schiff che viene convertita in 1-deossifruttosio.

Quando i livelli di glucosio nel sangue sono elevati, le molecole di glucosio si collegano all’emoglobina nei globuli rossi.

L’iperglicemia più lunga si verifica nel sangue: più il glucosio si lega all’emoglobina nei globuli rossi e maggiore è l’emoglobina glicata.

Una volta che una molecola di emoglobina viene glicata, rimane in quel modo. Un accumulo di emoglobina glicata all’interno dei globuli rossi, quindi, tende a descrivere i livelli medi di glucosio a cui le cellule vengono esposte durante il loro ciclo di vita.

La misurazione dell’emoglobina glicata valuta l’efficacia della terapia monitorando la regolazione a lungo termine del glucosio nel siero.

L’A1c è una media ponderata dei livelli di glucosio presenti nel sangue durante la vita dei globuli rossi (117 giorni per gli uomini e 106 giorni per le donne).

Pertanto, i livelli di glucosio nei giorni più vicini alla prova contribuiscono sostanzialmente al livello di A1c rispetto ai livelli in giorni precedenti rispetto al test.

Misurazione dell’emoglobina glicata

Ci sono alcune tecniche specifiche che sono utilizzate per misurare l’emoglobina glicata.

I laboratori utilizzano:

  • Cromatografia liquida ad alta prestazione: il risultato HbA1c viene calcolato come rapporto con l’emoglobina totale utilizzando un cromatogramma
  • tecnica del dosaggio immunologico
  • test di tipo enzimatico
  • Elettroforesi capillare
  • Cromatografia di affinità di boronato.
emoglobina glicata valori
I risultati del laboratorio possono variare a seconda della tecnica utilizzata, dell’età del soggetto e della variabilità biologica tra gli individui

Interpretazione dei risultati dei test

I risultati del laboratorio possono variare a seconda della tecnica utilizzata, dell’età del soggetto e della variabilità biologica tra gli individui.

Due individui con la stessa quantità di zucchero presente nel sangue possono avere valori HbA1c che variano di ben 3 punti percentuali.

I risultati possono essere inaffidabili in molte circostanze:

  • dopo la perdita di sangue
  • dopo un intervento chirurgico
  • con trasfusioni di sangue
  • in caso di anemia o con livelli di eritrociti elevati
  • in presenza di malattie croniche renali o epatiche
  • dopo la somministrazione di vitamina C ad alte dosi
  • con trattamento di eritropoietina.

Livelli e rischi connessi

In generale, l’intervallo di riferimento (che si trova in giovani sani) è di circa 20-39 mmol.

I livelli più elevati di HbA1c si trovano in pazienti con zucchero nel sangue persistente, come nel diabete mellito.

Risultati recenti derivanti da grandi studi suggeriscono che un valore inferiore a 53 mmol per gli adulti più anziani con diabete di tipo 2 può essere eccessivo: sotto 53 mmol i benefici per la salute si riducono e il controllo glicemico intenso richiesto per raggiungere questo livello porta ad un tasso aumentato di episodi ipoglicemici pericolosi.

Si stima, infatti, che i rischi delle principali complicanze del diabete (retinopatia diabetica, nefropatia diabetica, neuropatia diabetica e malattia macrovascolare) sono diminuiti di circa il 3% per ogni diminuzione di 1 mmol.

L’aumento persistente di zucchero nel sangue (e quindi di HbA1c) aumenta il rischio di complicazioni vascolari a lungo termine del diabete come:

  • malattia coronarica
  • infarto
  • ictus
  • insufficienza cardiaca
  • insufficienza renale
  • cecità
  • disfunzione erettile
  • neuropatia (perdita di sensazione, soprattutto nei piedi)
  • cancrena
  • gastroparesi (rallentato svuotamento dello stomaco).

Il basso controllo del glucosio nel sangue aumenta anche il rischio di complicazioni a breve termine dell’intervento come la cattiva guarigione delle ferite.

emoglobina glicata prelievo
L’intervallo di riferimento è di circa 20-39 mmil. I livelli più elevati di HbA1c si trovano in pazienti con zucchero nel sangue persistente, come nel diabete mellito

Modifica dei valori di emoglobina glicata con la dieta

E’ stato dimostrato che i probiotici possono causare una riduzione statisticamente significativa dell’emoglobina glicata nei diabetici di tipo 2.

Le prove con più ceppi di probiotici hanno avuto riduzioni statisticamente significative nell’emoglobina glicata, mentre le prove con singole proteine ​​non hanno portato ad alcun risultato.

Gli integratori di cannella hanno un effetto più modesto per i diabetici di tipo 2.

Le fibre alimentari, i lignani e gli acidi grassi omega-3 contenuti nel lino proteggono contro il diabete di tipo 2 e la somministrazione per i diabetici di tipo 2 di dieci grammi di polvere di semi di lino per un mese ha dimostrato ridurre il glucosio nel sangue del 19,7% e l’emoglobina glicata del 15,6%.

Modifica dei valori di emoglobina glicata con l’esercizio fisico

Uno studio ha rilevato che l’effetto di combinazione dell’esercizio di resistenza con l’esercizio aerobico ha migliorato il controllo del glucosio e ha incluso riduzioni dell’emoglobina glicata di 9 mmol, risultato simile a quello che porta una dieta a lungo termine e una terapia con farmaci o insulina.

[bbp-single-tag id=1480]

Problemi con le analisi cliniche? Invia una domanda nel FORUM: è gratis
Risposta entro 24 ore