Home Analisi del sangue ESTRADIOLO : funzioni dell’ormone sessuale femminile

ESTRADIOLO : funzioni dell’ormone sessuale femminile

L'estradiolo è l'ormone sessuale femminile primario, importante nella regolazione dei cicli riproduttivi femminili ed essenziale per lo sviluppo e la manutenzione di tessuti riproduttivi della donna; è prodotto in particolare nei follicoli delle ovaie, ma anche in altri tessuti. Ha numerose funzioni biologiche.

L’estradiolo (E2) è uno steroide, un estrogeno e l’ormone sessuale femminile primario.

Molto importante nella regolazione dei cicli riproduttivi femminili, l’estradiolo è essenziale per lo sviluppo e la manutenzione di tessuti riproduttivi femminili come il seno, l’utero e la vagina durante la pubertà, l’età adulta e la gravidanza.

Ha anche importanti effetti su molti altri tessuti, inclusi ossa, fegato e cervello. Mentre i livelli di estrogeni negli uomini sono più bassi rispetto a quelli delle donne, gli estrogeni hanno funzioni essenziali anche negli uomini.

L’estradiolo è prodotto in particolare nei follicoli delle ovaie femminili, ma anche in altri tessuti endocrini (che producono ormoni) e non (inclusi i tessuti grassi del fegato, delle ghiandole surrenali, del seno e dei neuroni).

L’estradiolo viene biosintetizzato dal colesterolo attraverso una serie di processi chimici, tra cui, il principale comprende la generazione di androstenedione, che viene convertito in estrogeno da aromatasi e poi da 17β-idrossiesteroidi deidrogenasi in estradiolo.

In alternativa, l’androstenedione può essere convertito in testosterone, un androgeno e l’ormone sessuale maschile primario, che a sua volta può essere convertito in estradiolo.

estradiolo valori
Durante la gravidanza l’estradiolo aumenta, a causa della produzione placentare, anche se il suo effetto, insieme a quello dell’estrone e all’estriolo è meno chiaro

Funzione biologica dell’estradiolo – 1

  • Sviluppo sessuale

    Lo sviluppo delle caratteristiche secondarie del sesso nelle donne è guidato da estrogeni, in particolare dall’estradiolo.

    Questi cambiamenti vengono avviati all’epoca della pubertà e la maggior parte di essi è migliorata durante gli anni riproduttivi e diventa meno pronunciata con il declino del supporto dell’estradiolo dopo la menopausa.Così, l’estradiolo produce lo sviluppo del seno ed è responsabile dei cambiamenti nella forma del corpo, che influenzano le ossa, le articolazioni e il deposito di grassi.

    Nelle femmine, l’estradiolo induce lo sviluppo del seno, l’allargamento dei fianchi, una distribuzione grassa femminile (con grasso depositato particolarmente nel seno, nei fianchi, nelle cosce e nei glutei) e la maturazione della vagina e della vulva, mentre accentua la crescita durante la pubertà (indirettamente attraverso una maggiore secrezione dell’ormone della crescita) e la chiusura epifisica (limitando così l’altezza finale) in entrambi i sessi.

  • La riproduzione nel sistema riproduttivo femminile

    Nella femmina, l’estradiolo agisce come un ormone della crescita per il tessuto degli organi riproduttivi, sostenendo il tessuto presente nella vagina, le ghiandole cervicali, l’endometrio e il tessuto delle tube di Falloppio.

    Migliora la crescita del miometrio. L’estradiolo sembra necessario per mantenere l’ovocita nell’ovaio.Durante il ciclo mestruale, l’estradiolo prodotto dal follicolo in crescita innesca, attraverso un sistema, gli eventi ipotalamo-ipofisari che conducono all’eliminazione dell’ormone luteinizzante, inducendo l’ovulazione.

    Nella fase luteale, l’estradiolo, in combinazione con il progesterone, prepara l’endometrio per l’impianto.

    Durante la gravidanza l’estradiolo aumenta, a causa della produzione placentare.

    L’effetto dell’estradiolo, insieme all’estrone e all’estriolo, in gravidanza è meno chiaro, ma insieme possono promuovere il flusso sanguigno uterino, la crescita miometrica, stimolare la crescita del seno e promuovere l’ammorbidimento cervicale e l’espressione dei recettori di ossitocina miometrale.

Funzione biologica dell’estradiolo – 2

  • La riproduzione nel sistema riproduttivo maschile

    L’effetto dell’estradiolo e degli estrogeni in generale sulla riproduzione maschile è complesso.L’estradiolo è prodotto dall’azione di aromatasi principalmente nelle cellule dei testicoli.

    I maschi con alcune condizioni genetiche del cromosoma sessuale, come la sindrome di Klinefelter, avranno un livello più elevato di estradiolo.

  • Sistema scheletrico

    L’estradiolo ha un effetto prezioso anche sulle ossa.Gli individui che non producono estradiolo a sufficienza (o altri estrogeni) potrebbero diventari alti e eunucoidi, così come la chiusura epifisaria potrebbe essere ritardata o potrebbe non avvenire affatto.

    Anche la struttura ossea è influenzata, con conseguente osteopenia e osteoporosi precoce; inoltre, le donne entrate in menopausa sperimentano una perdita accelerata della massa ossea minerale a causa di una relativa carenza di estrogeni.

  • Salute della pelle

    Il recettore dell’estrogeno, così come il recettore del progesterone, viene rilevato anche nella pelle, inclusi nei cheratinociti e nei fibroblasti.Nella menopausa e successivamente, i livelli ridotti degli ormoni sessuali femminili provocano atrofia, diradamento e aumentata rugosità della pelle e una riduzione dell’elasticità, della fermezza e della forza della pelle.

    Questi cambiamenti della pelle costituiscono un’accelerazione nell’invecchiamento cutaneo e sono il risultato di un diminuito contenuto di collagene e dell’irregolarità nella morfologia delle cellule cutanee epidermiche.

    Oltre all’invecchiamento cronologico, la carenza di estrogeni nella menopausa è uno dei tre principali fattori che influenzano prevalentemente l’invecchiamento cutaneo.

estradiolo gravidanza
Durante il ciclo mestruale, l’estradiolo prodotto dal follicolo in crescita innesca, attraverso gli eventi ipotalamo-ipofisari che conducono all’eliminazione dell’ormone luteinizzante, inducendo l’ovulazione

Funzione biologica dell’estradiolo – 3

  • Sistema nervoso

    Gli estrogeni possono essere prodotti nel cervello da precursori steroidi, esattamente come gli antiossidanti, hanno una funzione neuroprotettiva.Il ciclo mestruale implica l’estradiolo ovarico come collegamento al sistema ipotalamo-ipofisario per regolare le gonadotropine.

    L’estrogeno ha un ruolo significativo nella salute mentale delle donne, con collegamenti tra i livelli ormonali, l’umore e il benessere.

    Infatti, la guarigione dalla depressione post partum, perimenopausa e postmenopausa è stata dimostrata efficace dopo che i livelli di estrogeni sono stati stabilizzati e/o ripristinati.

  • Cancro ginecologico

    L’estradiolo è legato allo sviluppo e alla progressione di tumori come il cancro al seno, il cancro ovarico e il cancro dell’endometrio.

    L’estradiolo interessa questi tessuti principalmente interagendo con due recettori nucleari chiamati recettore estrogeno α (ERα) e recettore estrogeno β (ERβ).Una delle funzioni di questi recettori estrogeni è la modulazione dell’espressione genica.Una volta che l’estradiolo si lega alle ER, i complessi del recettore si legano a sequenze specifiche del DNA, eventualmente causando danni al DNA e un aumento della divisione cellulare e della replicazione del DNA.

    Le cellule eucariotiche rispondono al DNA danneggiato stimolando o compromettendo le fasi del ciclo cellulare per avviare la riparazione del DNA. Di conseguenza, si verifica la trasformazione cellulare e la proliferazione delle cellule tumorali.

  • Altre funzioni dell’estradiolo

    L’estradiolo ha effetti complessi sul fegato. Colpisce la produzione di proteine ​​multiple, incluse le lipoproteine, le proteine ​​leganti e le proteine ​​responsabili della coagulazione del sangue.In grandi quantità, l’estradiolo può portare alla colestasi, ad esempio la colestasi della gravidanza. Alcune condizioni ginecologiche dipendono dagli estrogeni, come per esempio l’endometriosi; inoltre, l’estrogeno influenza alcuni vasi sanguigni.

estradiolo esame
Nelle donne, l’estradiolo sierico è misurato in un laboratorio clinico e riflette principalmente l’attività delle ovaie

Livelli di estradiolo

I livelli di estradiolo nelle donne in premenopausa sono altamente variabili per tutto il ciclo mestruale e gli intervalli di riferimento sono ampiamente diversi.

I livelli di estradiolo variano a seconda della fase del ciclo mestruale.

  • periodo follicolare 0,5 – 3,5 ng/dl
  • picco ovulare 11,5 – 40 ng/dl
  • periodo luteo 100 – 150 ng/l
  • In menopausa  5 – 27 ng/dl.

Nell’uomo, invece, variano da 0,5 a 3,5 ng/dl di sangue.

Misurazione dei livelli di estradiolo

Nelle donne, l’estradiolo sierico è misurato in un laboratorio clinico e riflette principalmente l’attività delle ovaie.

In quanto tali, sono utili nella rilevazione di estrogeni di base nelle donne con amenorrea o disfunzione mestruale e per rilevare lo stato di ipoestrogenicità e la menopausa.

Inoltre, il monitoraggio dell’estrogeno durante la terapia di fertilità valuta la crescita follicolare ed è utile nel monitoraggio del trattamento.

Tumori che producono estrogeni dimostreranno livelli persistenti di estradiolo ed altri estrogeni.

Nella pubertà precoce, i livelli di estradiolo aumentano in modo inappropriato.

I livelli di estradiolo che sono superiori ai valori normali possono suggerire:

  • Pubertà precoce
  • Tumori nelle ovaie o nei testicoli
  • Ginecomastia, sviluppo del seno negli uomini
  • Ipertiroidismo, che è causato da una ghiandola tiroide iperattiva
  • Cirrosi epatica.

I livelli inferiori ai normali livelli di estradiolo possono suggerire:

  • Menopausa
  • Sindrome di Turner, che è un disturbo genetico in cui una femmina ha un cromosoma X invece di due
  • Insufficienza ovarica (menopausa prematura), che si verifica quando le ovaie smettono di funzionare prima dell’età di 40 anni
  • Sindrome dell’ovaio policistico, che è un disturbo ormonale con una vasta gamma di sintomi che si pensa sia la causa principale di infertilità nelle donne
  • La produzione di estrogeni molto bassa, che può essere causata da basso contenuto di grasso corporeo
  • Ipopituitarismo
  • Ipogonadismo, che si verifica quando le ovaie o i testicoli non producono un sufficiente ormone.

[bbp-single-tag id=1476]

Problemi con le analisi cliniche? Invia una domanda nel FORUM: è gratis
Risposta entro 24 ore