linfociti bassi

Tag: 

Questo argomento contiene 4 risposte, ha 3 partecipanti, ed è stato aggiornato da  Alessandro 1 anno fa.

  • Autore
    Articoli
  • #3042 Risposta

    roberto1962
    Membro

    Ciao, volevo chiedervi un parere

    Ho 52 anni e da quando ho iniziato nel 2003 le analisi del sangue ho avuto sempre i leucociti intorno o sotto ai valori minimi.

    Negli anni 2003/5/7/8/10/11/13 sono stati in valori assoluti rispettivamente:
    4.2 – 4,5 – 4,7 – 4,4 – 5,83 – 3,19 – 3,7;

    non ho idea a cosa sia stato dovuto il tracollo del 2011, visto che ho la fortuna di non prendere neanche un raffreddore. Ho pensato a 5 granulomi (silenti) estratti/curati un paio d’anni prima, però mi sembrava strano che emergessero problemi parecchio dopo averli sistemati.

    I linfociti sono la categoria sempre sotto stress, causa della leucopenia:
    I valori sono stati negli anni:
    1,0 – 1,44 – 0,88 – 1,13 – 0,99 – 0,83 – 0,90, quindi sempre sotto il limite di riferimento indicato nei referti, tranne nel 2005 e nel 2008

    Percentualmente sono stati 24,5% – 31,9% – 18,7% – 25,7% – 17% – 26,10% – 23,20%, quindi fuori norma solo nel 2010

    Anche i neutrofili nel 2011 hanno subito un tracollo da 4,31 a 1,83, però era il 4,31 ad essere fuori serie, perché la media è intorno ai 2,50/3,00 e sempre nei limiti anche percentuali.

    La mia dottoressa, visto che non avevo sintomo alcuno e che praticamente tutti gli altri esami erano in regola (solo MCV e volume piastrinico medio leggermente superiori al massimo, mentre esami reumatologici, VES e proteina C reattiva erano regolari/negativi) mi ha sempre detto che poteva essere anche una situazione anomala ma accettabile e quindi non mi sono mai preoccupato.

    Ultimamente ho trovato un laboratorio di analisi molto comodo presso il quale si può fare l’ematocromo privatamente con pochi euro, per cui (visto che è l’unico dato fuori fase che ho) ho deciso di farne uno aggiuntivo adesso anziché assieme agli altri esami nel secondo semestre.
    Questo per me è il periodo peggiore dell’anno (infatti le analisi prefersico farle nella seconda metà dell’anno), perché in inverno esco ben poco (detesto il freddo) ed ho il massimo carico di lavoro, ma volevo vedere come ero messo.

    Il risultato mi sta preoccupando un po’, perché da una parte i leucociti in blocco sono leggermente migliorati passando a 3,80 da 3,70, ma dall’altra i linfociti sono precipitati a 0,60, più o meno la metà del minimo e sono pari al 17,1%
    Gli altri sono:
    Neutrofili 2,4 – 63,8%
    Eosinofili 0,2 – 4,7%
    Basofili 0,1 – 1,4%
    Monociti 0,50 – 13%
    Queste analisi le ho fatte a stomaco pieno, perché avevo letto che per l’ematocromo non è necessario essere a digiuno; non so se possa aver influito.

    Presumo che dovrò fare delle analisi approfondite per capire cosa devasta i linfociti; volevo chiedere se secondo voi posso attendere almeno un paio di mesi, perché adesso sono parecchio stressato con il lavoro e vorrei invece poter affrontare eventuali guai che emergessero senza l’assillo di altri problemi, e quali sono le analisi che potrebbero essere eseguite, dato che per il resto sto benissimo e quindi si parte dalla nebbia totale.

    Grazie

    Roberto

  • #9350 Risposta

    drumma
    Amministratore del forum

    Il fatto stesso che da 11 anni sei in questa situazione non fa pensare a qualche patologia.
    Infatti non riporti mai un valore dei globuli bianchi normali sopra i 6.000.
    Quindi questa è la tua condizione fisiologica. Concordo con la dottoressa.
    Il non essere a digiuno non influisce sull’emocromo.
    Dato che sono i linfociti a “soffrire”di valori bassi, dei quali esistono varie classi correlate tra loro, allora potresti, parlandone con il tuo medico, fare la tipizzazione linfocitaria per vedere quale classe è deficitaria.

  • #9351 Risposta

    roberto1962
    Membro

    Ciao,
    grazie per la risposta, allora aspetto a giugno; se muoio prima, ti avviso 😀 😀
    Roberto

  • #9360 Risposta

    roberto1962
    Membro

    Ciao, aggiorno la situazione; ho fatto – a digiuno stavolta – il pacchetto completo di analisi e i linfociti sono risaliti a 0.8, quindi più o meno a livelli del passato; avevo ascoltato una volta in una conferenza nutrizionista che il consumo di alimenti cotti provocherebbe un addensamento dei globuli bianchi attorno all’apparato digerente, mentre questo non avviene se si ingeriscono frutta e verdura cruda. Tenendo conto che il tracollo di due mesi fa è avvenuto proprio dopo una abbondantissima colazione, può darsi che ci sia del vero.
    Dovrei fare varie prove in due o tre giorni vicini, ma penso che al laboratorio mi prenderebbero per matto e mi internerebbero 😀
    Vedrò a fine estate, quando di norma in passato ho fatto le analisi, se la situazione si sarà normalizzata.

  • #20548 Risposta

    Alessandro
    Partecipante

    Per approfondire il tema LINFOCITI consigliamo la lettura di questo articolo:
    https://www.analisidelsangue.net/linfociti/


Rispondi a: linfociti bassi
Le tue informazioni: