Perplessità diagnosi dopo analisi sangue.

Analisi del sangue Forum Discussioni ed opinioni Perplessità diagnosi dopo analisi sangue.

Questo argomento contiene 0 risposte, ha 1 partecipante, ed è stato aggiornato da  maurizio.g 10 anni, 5 mesi fa.

  • Autore
    Articoli
  • #773 Risposta

    maurizio.g
    Membro

    A causa di alcuni disturbi che mi affliggono da alcuni mesi, il medico internista che mi segue mi ha fatto effettuare alcune analisi del sangue i cui valori che riporto mi lasciano perplesso e preoccupato:
    -Eosinofili: 6.1% (val. rif. 1.0-6.0);
    -Linfociti: 1.20 x10^3/uL (val. rif. 1.50-4.50);
    -PCR: < 3.5 mG/L (val. rif. 0.0-5.0);
    -Bilirubina totale: 1.1 mG/dL (val. rif. 0.2-1.0);
    -IGE Totali: 107.6 kU/L (val. rif.0.0-100.0);
    -Tiroxina libera(ft4)17.9 pg/mL(val. rif.9.5-17.0).Tutti gli altri valori compresa la tipizzazione linfocitaria su sangue periferico, indice immuno regolatore, V.E.S., proteine sieriche, auto anticorpi anti-nucleo risultano nella norma. Preciso che mi è stata diagnosticata una rinite cronica vasomotoria con componente allergica e che dallo scorso inverno ho sofferto di forti dolori cervicali che a tutt’oggi non sono completamente scomparsi. Recentemente, poi, ho iniziato ad avere disturbi digestivi, accompagnati da dolori allo stomaco probabilmente accentuati da una cura di antinfiammatori e antimucolitici (Ledoren e Flumicil compresse) che ho dovuto assumere prima per 10 gg. nel mese di giugno, a causa di una infezione alle alte vie respiratorie con febbre e poi recentemente, all’inizio del mese di settembre, per altri 3-4 giorni, per attenuare i dolori cervicali. Il medico di base mi ha assicurato in merito agli esiti degli esami di cui sopra, poichè è convinto che i miei probemi siano causati da stress e da depressione nonchè dal mio carattere particolarmente sensibile e ansioso. In effetti, negli ultimi due anni, a causa di un lutto e di alcuni problemi di carattere familiare ho passato veramente un brutto periodo. Anche il medico internista, che mi ha prescritto gli esami del sangue in argomento, alla luce dei risultati mi ha rassicurato, escludendo la presenza di patologie serie e attribuendo la causa dei miei malesseri alle mia positività allergica. Attualmente sono in terapia con 1cpr di Entact per curare lo stato depressivo e 1 cpr di Pantecta 40 per curare i disturbi allo stomaco. La rinite la curo effettuando dei lavaggi nasali con soluzioni idrosaline, sparay cortisonici e al bisogno assumendo 1 cpr di Aerius. Nello scusarmi per essermi dilungato, vorrei chiedere se tra voi c’è qualcuno in grado di rassicurarmi ulteriormente e di dirmi se i valori del sangue fuori norma sopra riportati possono essere giustificati dalla mia sintomatologia oppure se debba preoccuparmi per qualche cosa di più serio. Grazie

Rispondi a: Perplessità diagnosi dopo analisi sangue.
Le tue informazioni: