…UN AIUTO DAGLI ESAMI DEL SANGUE..PARTE SECONDA.

Analisi del sangue Forum Discussioni ed opinioni …UN AIUTO DAGLI ESAMI DEL SANGUE..PARTE SECONDA.

Questo argomento contiene 35 risposte, ha 9 partecipanti, ed è stato aggiornato da  drumma 2 mesi, 3 settimane fa.

  • Autore
    Articoli
  • #1975 Risposta

    annaluce
    Membro

    DOMANI GLI RIFARO’LE ANALISI .VORREI UN CONSIGLIO SU DOVE APPROFONDIRE.
    A PARTE LE ANALISI DI ROUTINE, CONTROLLARE LA VES CHE ERA A 40, GAMMA GT ETC, LE URINE CON MICROEMATURIA.MA VOLEVO FARGLI ALTRI ESAMI SEMMAI PER UNA DIAGNOSI VIRALE. AVEVO PENSATO A:
    CMV
    EBV
    HAV
    TOXO
    VZV
    PER COXSACKIE E MENINGOCOCCO POSTREI FARE QUALCOSA?
    IL DUBBIO GRANDE è :SE FOSSE STATA UNA INFEZIONE VIRALE NON AVREI DOVUTO TROVARE I LINFOCITI ALTI??????
    SE ERA BATTERICA PERCHè ASSOLUTAMENTE NON HANNO VOLUTO FARE UNA EMOCULTURA?
    CHIUNQUE VOGLIA AIUTARMI, RINGRAZIO VIVAMENTE.SONO UN MEDICO MA HO UN ENORME CONFUSIONE IN TESTA… 🙁
    CORDIALI SALUTI

  • #7037 Risposta

    Ernesto N
    Membro

    Ciao Annaluce,

    comprendo il tuo stato d’animo,
    non so se qualche tuo collega medico é presente sul forum e se ti vorrà dare qualche consiglio, per evitarti inutili attese ti informo però che purtroppo in questi ultimi tempi non vi sono stati che occasionali interventi di medici sul forum.

    Da parte mia, guardando dall’esterno la tua situazione, vedo che in questo momento prevale in te il forte coinvolgimento emotivo che ti lega a tuo marito.
    E come tu stessa sai, é molto difficile raccogliere le idee ed essere lucidi in queste circostanze.

    Forse, essendo tu medico, puoi usare la tua esperienza e conoscenze per indirizzare tuo marito verso uno specialista di particolare valore, o un centro ospedaliero universitario di cui hai stima, e lasciare che siano loro affrontare le questioni della diagnosi con i mezzi tecnici migliori.
    E’ vero che anche questa scelta di indirizzo é di forte responsabilità, ma non é così complessa come quella di un tuo coinvolgimento diretto, e magari esclusivo, nella diagnosi

    auguri

    Ernesto

  • #7038 Risposta

    annaluce
    Membro

    Caro Ernesto,
    ti ringrazio della tua risposta.Dici cose giustissime!A volte mi rendo conto che essere coinvolti in prima persona come moglie e come medico, non è facile.
    Ho cercato di coinvolgermi il meno possibile e sottoporre il suo caso ai colleghi e ho cercato di fare da “raccoglitore “di dati .
    Stamani per esempio ho consultato un collega cardiologo ed escluso anche una possibile pericardite, altra diagnosi che mi fullava per la testa..(febbre alta e dolori alle spalle , specie alla sinistra trafittivo, ves alta etc>)lui con ecocardiaca me l ‘ha esclusa:bene.
    Stamani gli ho rifatto il prelievo e sto considerando anche una Polimialgia Reumatica con ves alta e dolori alle scapole..
    alla fine ,come ti dici, mi affiderò all’ospedale , reparto malattie infettive, per fare una emocultura

    grazie ancora per la risposta…. 🙂

  • #7040 Risposta

    Ernesto N
    Membro

    Cara Annaluce,

    sono molto contento che hai trovato una soluzione che ti allevia un po’ la pressione e la responsabilità di effettuare una diagnosi ad una persona così vicina a te sul piano emotivo.

    Naturalmente, come tu stessa stai dimostrando, continuerai ad essere sempre presente, come moglie e come medico.

    Se vuoi, potrai farmi sapere quali saranno le risultanze di queste ulteriori ricerche, e magari in futuro, quando l’orizzonte si sarà schiarito, potrai ogni tanto intervenire al forum per aiutare qualcuno in difficoltà…

    ancora auguri

    Ernesto

  • #7086 Risposta

    annaluce
    Membro

    PURTROPPO IL TEMPO PASSA E NON SI TROVA LA CAUSA DI QUESTA FEBBRE CHE GIORNI FA SEMBRAVA PASSARE MA SI E’ RIPRESENTATA DI NUOVO CON IL DOLORE ALLE SCAPOLE.ANCORA ECO A TUTTI GLI ORGANI ADDOMINALI , ESAMI EMATICI.VI DICO GLI ULTIMI: VES:85
    FERRITINA:458 E AMILASI :112.
    per questi motivi gli ho fatto due eco ma risultano negative.
    MI POTETE AIUTARE? ACCETTO TUTIT I CONSIGLI DI EPSERTI E NON. GRAZIE INFINITE

  • #7087 Risposta

    drumma
    Amministratore del forum

    Con una VES che continua a salire ed una ferritiina alta non esiterei a fare una TAC (total body) e approfondirei gli esami ematici aggiungendo CEA alfafetoproteina , TPA e CA 15-3.

  • #7088 Risposta

    Ernesto N
    Membro

    Ciao Annaluce,

    mentre ti scrivevo questo messaggio ho visto che é tormato il Dott. Drumma, che saluto, e che spero ti possa aiutare a chiarire un po’ la situazione.

    Da parte mia ti dico che mi dispiace che ancora non sia stata chiarita l’origine del problema, comunque via via che si fanno indagini più specifiche il cerchio dovrebbe stringersi.

    Da parte mia, mi sento di dirti quanto segue.

    Da molto tempo ho a che fare con problenmi di salute personali, e negli ultimi anni anche gravi problematiche mediche dei miei genitori.
    Un accorgimento che mi ha aiutato molto é stato quello di tabulare i dati di laboratorio in diversi fogli protocollo, secondo la loro tipologia, ed all’interno di ciascuna categoria, secondo l’ordine cronologico, includendo anche le analisi di molti anni prima.
    Ho compreso veramente molte cose, mi rammarico che questo sistema l’ho usato troppo tardi.

    Un’altra piccola osservazione riguarda la formula leucocitaria, tu hai riferito che inizialmente é risultata un’altissima percentuale di neurtrofili, quasi al 93% se non sbaglio, posso chiederti quanti erano invece i linfociti e i monociti, sia percentualmente che in valore assoluto. E oggi?

    Ciao

    Ernesto

  • #7097 Risposta

    drumma
    Amministratore del forum

    Aggiungerei Immunoglobuline (IgG IgM IgA) Complemento (C3 C4) Q.P.E. e proteinuria di Bence Jones.

  • #7125 Risposta

    babbizzone
    Membro

    perdonami annaluce,
    ho esperienza per aver combattuto un LNH che dava gli stessi sintomi …….
    dopo tutti i controlli effettuati presso il reparto malattie infettive, fui inviato al dh ematologico .
    lo striscio sanguigno rivelo’ la presenza di alcune cellule
    mieloproliferative.
    grazie al successivo intervento presso la clinica ematologica dell’ospedale umberto I di roma,ed alle successive poliochemioterapie e radioterapie, sembra allo stato aver vinto il male .
    augurando a tuo marito salute e prosperita’, perche’ non provare la succitata analisi ???
    perdona la mia ignoranza e saluti. babb

  • #7131 Risposta

    drumma
    Amministratore del forum

    Hey. Annaluce ?!?

  • #7133 Risposta

    montan
    Membro

    ciao tutti,
    sono montan, vorrei chiedere a qualcuno aiuto, ho tremenda paura del tumore, ho gia 2 mesi un leggero fastidio nela parte alta dello stomaco,,mangio regolarmente, ogni tanto mi sento stanco, sopratutto nelle gambe, ho fato analisi del sangue, ferritina, ves, prc e tutte altre cose e mia dottoressa mi dice di stare tranquilo, ho visitato anche un specialista (gastro) che mi diceva che devo stare tranquilo e che non ce bisogno di fare gastroscopia. vorrebe fare soltanto prova peR L’elicobattero. non ho mai avuti i dolori di nessuna tipo.

    cosa ne pensate, sono a posto cosi o mi faccio la gastro.

    grazie mille.

  • #7140 Risposta

    annaluce
    Membro

    Carissimi, eccomi qua.
    ringrazio il Dottor Drumma per la risposta, Ernesto e babbizzone.
    caro Collega….il cea , alfafeto proteina sono a valori normali.
    volevo aggiornare:come giustamente diceva il collega gli ho fatto una TAC (non total body perchè ho letto ahime’ solo oggi la risposta)ma toraco-addominale.Ho chiesto un consulto di un esperto clinico internista :la sua ipotesi sarebbe infettiva ma con la tac vuole escludere altre patologie interne.
    caro collega volevo dirti qualcosa che potrebbe avere rilevanza, non so…:mio marito ha sempre avuto da quando ebbe il primo episodio di febbre a 39 e durante tutti questi 40 gg, sempre all’ inizio forte e trafittivo ,poi meno ma sempre presente un dolore sottocostale sinistro.che compare come segno prodromico del rialzo termico.
    questo è la costante assoluta.
    la tac che ha fatto ,non è stata ancora refertata ma tramite una collega ho saputo che , il radiologo ha detto,msa ripeto in via del tutto generica, che polmoni e organi addominali ok.ma vede un qualcosa di non definito a livello scheletrico e dorsale…
    domani chiederò il referto e lo leggerà il collega internista.
    secondo il parere del radiologo per quello che ha visto ,mio marito dovrebbe fare una RM DEL TRATTO DORSALE dove c’è questa immagine sospetta.Perplessa ho guardato un R.M. DEL 2005 fatta per controllo per dolori articolari.a livello della D11 SI EVIDENZIAVA UNA FORMAZIONE TONDEGGIANTE OSTEOANGIOMA , alla quale non fu dato peso.Potrebbe essere messo in relazione con il dolore scapolare e l’immagine che vede il radiologo ?
    E’ IN CORSO ANCHE UNA PRIMA EMOCULTURA.
    DOMANI SAPRO’ ANCHE I PRIMI RISULTATI.

    per Ernesto:caro…i neutrofili erano 92,9 cioè 10,78
    lLINFOCITI:2,6 CIOè 0,30
    MONOCITI:4,5 CIOè 0,52
    Naturalmente questo picco era quando ebbe la febbre a 39.

    PER BABBIZZONE:
    GRAZIE MILLE del consiglio.gli farò fare anche uno striscio.
    la cosa più bella che hai detto è la frase dove capisco che hai vinto il male.sono felicissima per te.

  • #7141 Risposta

    annaluce
    Membro

    CORREGGO UN DATO IMPORTANTE PER IL COLLEGA DRUMMA: IL DOLORE NON E’ SOTTOCOSTALE MA SOTTOSCAPOLARE SINISTRO.

  • #7143 Risposta

    Ernesto N
    Membro

    Cara Annaluce,

    é un piacere sentirti di nuovo, ero preoccupato dall’assenza di tue notizie. Fortunatamente mi sembra di sentirti un po’ più serena.

    Le ricerche quindi proseguono, e grazie per aver riportato i linfociti e monociti.
    E’ vero che si trattava di un momento acuto ma i linfociti erano scesi al 2,6%, e in valore assoluto erano pari a 300, ciò mi fa un pò drizzare i capelli in testa.

    Indipendentemente dalla causa prima, avere avuto quel valore di linfociti deve avergli provocato sintomi secondari forti.

    Ricordo che tre anni fa, a seguito a un fenomeno durato circa 10 mesi e di cui non é mai stata accertata l’origine, ebbi nausea pressoché continua e una leggerissima sensazione di alterazione termica. Inoltre sintomi di colite costanti nel tempo, e del tutto inusuali per me.

    Ebbi un momento i cui i miei circa 1200 linfociti scesero poco al di sotto di 900.
    In quel periodo erano apparsi due spacchetti agli angoli della bocca (mai avuti prima), e per la prima volta in vita mia vidi sulla lingua alcuni punti bianchi, capì che forse era un primo segnale dell’attacco della Candida.

    Non fu un bel periodo, ma mi insegnò in pratica cosa vuol dire quando cedono i linfociti.

    Per questo ti consiglio di fare attenzione al loro valore assoluto, molti dei sintomi che a volte tuo marito lamenta potrebbero essere secondari ad un loro eventuale cedimento, non c’é bisogno che scendano a 300 per avere problemi.

    Se ciò non ti é problematico, potresti darmi un’idea della loro quantità approssimata dopo l’evento acuto, saranno risaliti, ma di quanto ?

    In ogni caso, intanto che si ricerca la causa prima, cosa ne pensi di un’eventuale tipizzazione? Ha fatto tante analisi, esaminare lo stato di forza e di equilibrio di questa importante componente delle sue difese immunitarie non sarebbe tempo perso

    un caro saluto

    Ernesto

  • #7144 Risposta

    annaluce
    Membro

    CAro Ernesto,
    grazie per le tua esauriente e precisa riposta.
    mi puoi chiarire meglio ,quando parli di tipizzazione, come devo procedere?
    grazie ancora…

  • #7145 Risposta

    Ernesto N
    Membro

    Ciao Annaluce,

    non vorrei tenerti sveglia oltre misura.

    Io ho abbreviato tipizzazione per intendere la Tipizzazione Linfocitaria, che si effettua con prelievi tipo emocromo.

    Ti consentirebbe di valutare valori percentuali e assoluti relativamente alle varie popolazioni di linfociti :

    Linfciti T totali, Quelli B, linfociti T4 (Helper), T8(Suppressor), quindi anche il rapporto T4 /T8, i Natural Killer (NK), le cosiddette Cellule Nulle, ed altri eventuali dosaggi specifici, di attivazione per esempio.

    A parte il valore assoluto più o meno normale dei linfociti, la tipizzazione consentirebbe di vedere il grado di equilibrio delle diverse popolazioni e mettere in luce particolari situazioni nascoste che potrebbero facilitare l’insorgere di infezioni secondarie (ad esempio forte riduzione degli Helper).

    I miei 1200 linfociti sono fortunatamente più o meno in equilibrio, solo una leggera carenza dei Cd8+ (Suppressor); quando i linfociti totali scesero a circa 900, quelli Helper si ridussero fino a un minimo di 300 (600 attualmente).

    Non ti vorrei far perdere di vista problemi più importanti, volevo solo allertarti circa il numero di linfociti, che non scenda troppo in basso, altrimenti si possono sovrappore sintomi secondari relativi.

    Ma questo discorso vale soprattutto nel caso che tuo marito abbia oggi un qualche grado di linfocitopenia, ecco perchè ti chiedevo dei valori post fase acuta

    Buonanotte

    Ernesto

  • #7204 Risposta

    annaluce
    Membro

    CARISSIMI,
    VOLEVO AGGIORNARVI DEL DECORSO.LA RISONANZA MAGNETICA HA EVIDENZIATO UNA SPONDILODISCITE INFETTIVA CHE INTERESSA LE VERTEBRE DORSALI CON ESSUDATO.STESSO ESSUDATO ANCHE A LIVELLO CERVICALE.ORA MIO MARITO E’ RICOVERATO A MALATTIE INFETTIVE.PRIMA GLI HANNO SOMMINISTRATO CIPROXIN E UN ALTRO ANTIBIOTICO DI CUI NON RICORDO IL NOME.POI DALLA SECONDA EMOCULTURA è STATO ISOLATO UNO STREPTOCOCCO.LA TERAPIA è STATA CAMBIATA.GLI SOMMINISTRANO RIFAMPICINA E TETRACICLINE.
    L’INFETTIVOLOGO HA MESSO IN RELAZIONE LA FLEBITE ALLA VENA PROVOCATA DAL CATETERINO VENOSO AL PRONTOSOCCORSO,COME VIA DI ENTRATA PER IL BATTERIO CHE AVREBBE INFETTATO LA COLONNA.
    IO SO CHE SPESSO DOPO UN INTERVENTO DI ERNIA O SIMILARI, SI PUò VERIFICARE QUESTA INFEZIONE.
    NELLA MIA TESTA INVECE, SIF A STRADA IL PENSIERO DI UN INFEZIONE DA GRAFIO DI GATTO, BARTONELLA,CHE SI SIA LOCALIZZATO ALLA COLONNA.
    CHE NE PENSATE?
    UN CARO SALUTO ATUTTI

  • #7205 Risposta

    drumma
    Amministratore del forum

    Finalmente una diagnosi ! Purtroppo le infezioni successive a pratiche ospedaliere sono una realta’ . L’augurio e’ che tutto torni a posto dopo la cura antibiotica e non pensare al gatto…..

    in bocca al lupo.

  • #7207 Risposta

    Ernesto N
    Membro

    Cara Annaluce,

    sono veramente lieto di sentirti di nuovo, specialmente perché finalmente un po’ di chiarezza é stata fatta.

    A parte la questione dell’origine, vista l’emocoltura positiva a uno streptococco (all’inizio tu stessa dicesti che si erano rifiutati di fare l’emocoltura..!!) volevo chiederti se erano stati fatti esami come TAS, Streptozyme test, Strepto-M test.

    Pochi minuti fa, con un bel colpo di fortuna, sono riuscito a trovare che, in Liguria, vi é un gruppo di ricerca specializzato sulle spondilodisciti infettive:

    http://www.mios.it/attivita/spondilodisciti/spondilodisciti.htm

    http://www.mios.it/index.htm

    Non so se vi sarà reale necessità di contattarli, in ogni caso sai dove cercarli

    Ciao

    Ernesto

  • #7230 Risposta

    annaluce
    Membro

    CARISSIMO ERNESTO… 🙂
    FIGURATI CHE HO SCRITTO UN EMAIL PROPRIO AL DIRETTORE DEL MIOS!
    ABBIAMO PENSATO LA STESSA COSA !!!!!! 🙂
    ANCHE PERCHE’ E’ PUR VERO CHE I TEMPI DI GUARIGIONE SONO LENTI MA….QUA SEMBRANO INFINITI. E IL MIO TIMORE E’ CHE NON SIF ACCIANO ALTRI INTERVENTI PIU’ TEMPESTIVI..TIPO QUALCHE FARMACO PER ASCIUGARE L’ESSUDATO CHE CMQ E’ STATO TROVATO FINO ALLA COSTOLA… IL MIO TIMORE E’ DELLA SOFFERENZA MIDOLLARE DELLA QUALE PARLA LA RM.
    ANCH PERCHE’ MI HANNO FATTO SORGERE UN ALTRO DUBBIO..INNANZITUTTO MI HANNO DETTO ORA CHE LO STREPTO NON E’ COME LO STAFILO , OSPEDALIERO E CHE FORSE L ‘ ENTRATA PUò RISALIRE A MOLTO TEMPO PRIMA E IL COLLASSO SEMMAI ESSERE UN SEGNO NON PRECOCE MA TARDIVO.E ALLORA A QUESTO PUNTO FORSE NON POSSO PERDERE ALTRO TEMPO, DAL MOMENTO CHE CREDOCHE LE SPONDILODISCITI NON SONO PROPRIO ALL’ORDINE DEL GIORNO!
    COME DICI TU , IN QUEL CENTRO A PIETRA LIGURE AVRANNO UN ACASISTICA GRANDE E SANNO COME MUOVERSI.
    IO STO ASPETTANDO LA RISPOSTA DEL COLLEGA PRIMA DI TELEFONARE , PERCHE CREDO CHE SCRIVENDO ESPONGO MEGLIO IL PROBLEMA.
    NEL FRATTEMPO TI RINGRAZIO TANTO DELLE TUE RISPOSTE .
    PER IL DOTTOR DRUMMA:OK.. NON PENSO AL GATTO..POVERO INNOCENTE…AHAHAH.CARO COLLEGA , SECONDO TE..LA FEBBRICOLA CHE TUTT’ORA PERSISTE E’ INDICE DI PERSISTENZA DELL’INFEZIONE ? E ALLORA PERCHE’ PERSISTE NONOSTANTE L’ANTIBIOTICO? CHE VALORE PUò AVERE LA VES A QUESTO PUNTO? MI HANNO DETTO CHE E’ 40, DIF RONTE ALL’80 DI QUANDO NON ERA RICOVVERATO.
    SE , COME ORA I COLLEGHI HANNO DETTO VEDENDO LO STREPTO ,NON PENSANO PIU ‘ A UNA INF.OSPED., DEVO RITENERE CHE IL COLLASSO , FOTOFOBIA, VOMITO FORTE , FOSSE TUTTO UN MANIFESTARSI DI COMPROMISSIONE MIDOLLARE, CIOè SEGNI NEUROLOGICI.
    LA BUTTO LI’:POTREBBE L ALLENAMENTO YOGA , LE POSIZIONI ,IL CARICO ENORME SUL DORSALE E CERVICALE , FAR MANIFESTARE UN PROBLEMA GIA’ PRESISTENTE ?DI UN INFEZIONE PASSATA UNO STREPTO INSEDIATO NELLA COLONNA CHE NON DAVA SEGNI DI SE E CHE CON L’AFFLUSSO MAGGIORE DI SANGUE HA PROVOCATO DEI SEGNI CLINICI:COLLASSO,FEBBRE ALTA.SE IL BATTERI NEI CORPI VERTEBRALI ORAMAI, AVESSE AVUTO UN A RECRUDESCENZA ? STO VANEGGIANDO? BEH QUANDO SI E’ IN UNA SITUAZIONE COSì PUO’ SUCCEDERE.. 😀
    CORDIALI SALUTI

  • #7231 Risposta

    Ernesto N
    Membro

    Carissima Annaluce,

    é sempre un piacere sentirti, immagino la tensione prolungata a cui sei sottoposta e spero che riesci un po’ a risparmiare le energie, questa sembra una gara di resistenza.

    Certo che un centro altamente qualificato sarebbe una garanzia molto maggiore, non so a che distanza ti trovi dalla Linguria, se fosse un lungo viaggio vi sarebbero un bel po’ di problemi pratici.

    Io vorrei darti un piccolo consiglio derivante dalla mia esperienza personale, non guardare troppo alla VES ma cerca di far monitorare la PCR. E’ un indice estremamente più sensibile ed i suoi cambiamenti sono così repentini che precedono in maniera evidente e quantificabile, e di parecchie ore, tutti gli altri parametri di infiammazione/infezione.

    Non voglio crearti altra confusione ma vorrei segnalarti un articolo riportante un caso clinico, come vedrai non riguarda proprio la medesima situzione di tuo marito, é però un buon esempio di quello che può accadere nella pratica di questa malattia e di come si sia scoperto il problema:

    http://rheumatology.oxfordjournals.org/cgi/reprint/46/8/1296

    Ci rendiamo così conto di quante possibili origini vi possano essere, io per esempio, quando hai parlato di streptococco avevo pensato per un attimo a un focolaio secondario che sia seguito a un’infezione dentale non diagnosticata….

    Si potrebbe continuare così, ma ti consiglio invece di non perdere di vista la situazione attuale e le scelte da farsi, l’origine si scoprirà dopo i dovuti e dettagliati accertamenti

    Auguri

    Ernesto

  • #7233 Risposta

    drumma
    Amministratore del forum

    Certo la febbricola puo’ dipendere dal persistere dell’infezione e dal fatto che la zona e’ piu’ difficile da raggiungere dall’antibiotico quindi prevedo tempi di guarigione piu’ lunghi.
    Difficile prevedere il valore della VES, ma credo stia scendendo. Ma il TAS com’e?

  • #7272 Risposta

    Amici,
    la la “Febbricola che puo’ dipendere dal persistere dell’infezione ” si può curare in vari modi.
    Perchè non adoperare anche la medicina alternativa usando la fitoterapia?
    In fondo nulla toglie alla medicina allopatica l’uso dell’aglio, del limone o della curcuma (tre piante importanti per l’abbassamento delle infiammazioni; ma due piante: (l’aglio e la curcuma) hanno anche un’ azione oltre che antibatterica, anche antivirale.

  • #7322 Risposta

    annaluce
    Membro

    carissimi
    purtroppo altre novitè che mi lasciano nello sconforto totale.
    la ves da 80 è scesa a trenta ma la febbricola rimane.
    il collaga infettivologo, avendo isolato lo streptococco, ha pensato dif argli una eco tranesofagea per vedere bene il cuore.il risultato è angoscioso:un trombo di 4-6 cm e 2 cm di spessore tra atrio e venttricolo, allo sbocco della vena cava inferiore , ad alto rischio embolico…..sono senza parole
    aiuto ?

  • #7326 Risposta

    Ernesto N
    Membro

    Carissima Annaluce,

    sembra che per tuo marito e per te sia veramente un susseguirsi di guai a catena.

    Ma nella sfortuna c’é anche un po’ di luce, pensa a quanto sarebbe stato peggio se il problema fosse rimasto nascosto, é stato veramente bravo l’infettivologo ad indagare.

    Non so che dirti, in queste ore ho cercato di informarmi un pò nella rete e ho trovato quanto ti riporto:

    A pagina 1351 del file di cui sotto vi é un piccolo capitolo
    intitolato

    “Trattamento dei tromboemboli flottanti nelle cavità
    cardiache destre” 27,28 :

    Sulla base di alcuni articoli scritti sull’argomento da studiosi di Milano e Bologna, ad esempio:
    http://content.onlinejacc.org/cgi/reprint/41/12/2245

    Ho cercato di trovare gli indirizzi di quelli più in vista:

    http://www.eng.unibo.it/SitoWebDocente/default.htm?UPN=nazzareno.galie@unibo.it

    Nel Sud c’é il famoso centro “Casa di Cura Montevergine” di Mercogliano, non so se si occupano anche di questi problemi:

    Spero che l’ospedale dove si trova tuo marito sia valido anche nel settore Cardiologico-Vascolare.

    Ti avevo detto che mi sembrava una gara di resistenza, cerca di sopportare e non lasciarti indebolire, quando vuoi scrivici

    Molti Auguri

    Ernesto

  • #7339 Risposta

    annaluce
    Membro

    GRAZIE DI TUTTE KE INFORMAZIONI CHE VAGLIERO’ CON ATTENZIONE.
    MA MI PONGO UN QUESITO .dall emocultura e’ venuto fuori uno streptococco anginosus che predilige cmq il cuore , quindi il trombo sara’ settico.mi chiedo .PERCHE I COLLEGHI NON PENSANO ADESSO ALL’ENDOCARDITE CHE CREDO SIA PIU’ URGENTE? e perche non rivalutano l’uso dell associazione antibiotica fatta oralmai da 15 gg, cioè rifadin +tetracicline , dal momento che c’è questa novità e leggo un pò dovunque che lo strepto è resistente alla tatraciclina?
    anche considerando che la febbricola non è mai scesa e anzi nelgi ultimi tre giorni è a 37.4?sono preoccupatissima di ciò e di perdere tempo.l endocardite è una evenienza grave e va curata presto.se questi antibiotici avevano effetto , dovevo vedere dei migliramenti?
    noto il polso di mio marito sempre a 90 . lui che è stato sempre bradicardico.Il paziente ricovwrato per endocardite al letto vicino segue una terapia con pennicilina per uno strepto e dopo un mese non ha piu febbre e sta bene. cosa mi hanno ripsosto i colleghi ? che a mio marito la terapia è divewrsa perche le osse assorbono di meno l antibiotico.ma allora non riescono apensare che il cuore semmai ora ha la precedenza , riguardo alla terapia?sono troppo confusa…

  • #7340 Risposta

    annaluce
    Membro

    ah dimenticavo…la cadiologia qui è ottima ma…..le endocarditi le curano nel reparto di malattie infettive in questo ospedale ma mi pare che non venga dato rilevanza a questo dato ,poiche la diagnosi di entrata è stata la spondilodiscite.mi sembra strano
    forse il collega pensa che gli antibiotici vadano bene per entrambe le affezioni poichè sostenute dallo stesso batterio ma la febbre?

  • #7341 Risposta

    Ernesto N
    Membro

    Carissima Annarita,

    ti avevo scritto di questi centri e della Cardiologia perché pensavo che l’emergenza fosse il trombo endocardiaco. Se sarà necessario, magari potri scrivere a qualcuno di quei ricercatori per un possibile parere cardiovascolare.

    Riguardo all’infezione:

    L’emocoltura é stata positiva per Streptococcus Anginosus, e L’Antibiogramma é stato fatto?

    Un consiglio che ti ho già dato, se puoi ottenere un monitoraggio della PCR. E’ estremamente sensibile e rende veramente quantitativo il monitoraggio dell’infezione.
    Ti dico questo per quella che é stata la mia esperienza personale, mi ha avvertito progressivamente se l’antibiotico non funzionava bene, e si muoveva con anticipo e velocemente su tutti gli altri parametri clinici (temeperatura, pulsazioni, .. ) e analitici (VES, incremento dei Globuli Bianchi, caduta dei Linfociti….) se la situazione si stava mettendo male.

    Per questo specifico batterio :

    http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/9709892?ordinalpos=1&itool=EntrezSystem2.PEntrez.Pubmed.Pubmed_ResultsPanel.Pubmed_DiscoveryPanel.Pubmed_Discovery_RA&linkpos=5&log$=relatedarticles&logdbfrom=pubmed

    http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/14972375?ordinalpos=1&itool=EntrezSystem2.PEntrez.Pubmed.Pubmed_ResultsPanel.Pubmed_DiscoveryPanel.Pubmed_Discovery_RA&linkpos=3&log$=relatedarticles&logdbfrom=pubmed

    Per un orientamento sugli antibiotici in generale, ho usato in passato questo splendido documento:

    C:BatteriologieANTIBIOTIQUES CLASSIFICATION.mht

    I migliori auguri,

    Ernesto

  • #8069 Risposta

    9marzo1942
    Membro

    Mi interesserebbe sapere come devono essere i valori della voce (CEA) sia per uomini che donne.
    Porgo cordiali saluti (9marzo1942)

  • #8070 Risposta

    9marzo1942
    Membro

    Originariamente inviato da 9marzo1942

    Mi interesserebbe sapere come devono essere i valori della voce (CEA) sia per uomini che donne.
    Porgo cordiali saluti (9marzo1942)

  • #8074 Risposta

    Ernesto N
    Membro

    Ciao 9marzo1942,

    in genrale, per ogni analisi, si deve fare riferimento ai limiti forniti dal laboratorio dove questa si effettua,

    Ciao

    Ernesto

  • #19533 Risposta

    Alessandro
    Partecipante

    Per approfondire il tema VES consigliamo la lettura di questo articolo:
    https://www.analisidelsangue.net/ves-alta/

  • #20920 Risposta

    Alessandro
    Partecipante

    Per approfondire il tema PROTEINA C-REATTIVA consigliamo la lettura di questo articolo:
    https://www.analisidelsangue.net/proteina-c-reattiva-pcr/

  • #22515 Risposta

    Alessandro
    Partecipante

    Per un approfondimento sul tema STREPTOCOCCO consiglio la lettura di questo articolo https://www.analisidelsangue.net/streptococco-mal-di-gola/

  • #33417 Risposta

    Bianco

    Buonasera.Il 22 Novembre ho fatto una tireodoctomia parziale.Da allora non ne vengo fuori da un anemia comunque legger,hgb12,9,globuli rossi 4,35.Ho preso per 9 giorno del ferro ma poco è cambiato.Mangio regolarmente .Mi hanno consigliato ora di fare un colon e un gastroscopia….Non ho mai sofferto in precedenza del intervento ne di anemia e ne di colon.Sono in ansia perche ho scoperto anche una carenca grave della vit D.

  • #33419 Risposta

    drumma
    Amministratore del forum

    Ma questi valori non sono di un’anemia. c’è un buon equilbrio tra i globuli rossi e l’emoglobina; se mi scrive tutto l’emocromo compreso i valori del ferro e ferritina potrò dirle di più.
    Per la vitamina D ci sono cure ed integratori per farla risalire.


Rispondi a: …UN AIUTO DAGLI ESAMI DEL SANGUE..PARTE SECONDA.
Le tue informazioni: