IBUPROFENE : proprietà uso ed effetti collaterali

L' ibuprofene è un farmaco FANS (farmaco anti-infiammatorio non steroideo). Agisce riducendo gli ormoni che causano l'infiammazione e il dolore nel corpo

IBUPROFENE : come è stato scoperto

L’ ibuprofene è un derivato dell’acido propionico elaborato da alcuni ricercatori della società Boots (Boots Group Plc , Regno Unito) nel corso del 1960.

Il Gruppo Boots è una grande casa farmaceutica del Regno Unito. L’ ibuprofene è stato scoperto da Stewart Adams, con i colleghi John Nicholson, Andrew RM Dunlop, Jeffery Bruce Wilson e Colin Burrows, ed è stato brevettato nel 1961. Il Dr. Adams aveva inizialmente testato il farmaco per ridurre gli effetti collaterali dell’abuso di alcool.

Nel 1969 è stato lanciato come un farmaco per il trattamento dell’artrite reumatoide nel Regno Unito, e nel 1974negli Stati Uniti. La Boots Gruppo nel 1987, si è aggiudicato il Premio della Corona Britannica per la realizzazione tecnica per lo sviluppo dell’ ibuprofene.

IBUPROFENE : come agisce

L’ ibuprofene è un farmaco FANS (farmaco anti-infiammatorio non steroideo). Agisce riducendo gli ormoni che causano l’infiammazione e il dolore nel corpo.

È tipicamente usato per ridurre la febbre e trattamento del dolore e l’infiammazione causati da condizioni, quali mal di testa, mal di denti, mal di schiena, artrite, crampi mestruali, mali minori.

L’ ibuprofene è prescritto ad adulti e bambini di almeno 6 mesi di età. È un farmaco ad azione medio rapida con una attivazione che inizia entro un’ora.

L’ ibuprofene agisce inibendo gli enzimi cicloossigenasi (COX), che convertono l’acido arachidonico in prostaglandine H2 (PGH2).

Il PGH2, successivamente, viene convertito da altri enzimi per diverse altre prostaglandine (che sono mediatori del dolore, infiammazione e febbre) e di trombossano A2 (che stimola l’aggregazione piastrinica, che porta alla formazione di coaguli di sangue).

Come l’aspirina e indometacina, ibuprofene è un inibitore COX non selettivi, in quanto inibisce due isoforme della cicloossigenasi, COX-1 e COX-2.

Le attività analgesiche, antipiretiche, ed anti-infiammatorie dei FANS sembrano operare principalmente attraverso l’inibizione di COX-2, che diminuisce la sintesi di prostaglandine coinvolte nel mediare l’infiammazione, dolore, febbre e gonfiore.

Gli antipiretici possono avere un’azione sull’ipotalamo, determinando un aumento del flusso sanguigno periferico, vasodilatazione, e la successiva dissipazione di calore.

L’inibizione della COX-1 sarebbe invece responsabile di effetti indesiderati sul tratto gastrointestinale. Tuttavia gli effetti gastrici dei FANS, con ruolo primario del COX isoforme come analgesico ed anti-infiammatorio, sono incerti.

IBUPROFENE : indicazioni d’uso

L’ ibuprofene ha la tipica funzione di un farmaco FANS con alcune indicazioni principali:

  • Febbre
  • Infiammazioni
  • Mal di testa
  • Mal di denti
  • Mal di schiena
  • Artrite, tra cui l’artrite giovanile
  • dolori mestruali

IBUPROFENE : precauzioni d’uso

L’ ibuprofene può aumentare il rischio di infarto o ictus, soprattutto se lo si utilizza a lungo termine o assumendo dosi elevate.

Questo farmaco non deve essere somministrato senza avere consultato un medico nel caso di pazienti con malattie cardiache. In ogni caso potrebbero provocare un ictus o attacco cardiaco, anche a pazienti senza patologie cardiache o fattori di rischio.

E’ fortemente sconsigliato l’utilizzo del farmaco prima o dopo l’intervento di bypass coronarico.

L’ ibuprofene può anche causare sanguinamento gastrico o intestinale, che può essere fatale. Queste condizioni possono verificarsi senza preavviso mentre si sta utilizzando questo farmaco, soprattutto nei soggetti anziani.

Non si deve usare l’ ibuprofene se si è allergici a questo principio attivo, o se avete mai avuto un attacco d’asma o di gravi reazioni allergiche dopo aver assunto aspirina o altri farmaci FANS.

Chiedere sempre il consulto medico o di un farmacista prima di assumere il farmaco se si è affetti da:

  • insufficienza cardiaca
  • ipertensione (pressione alta)
  • colesterolo alto
  • diabete
  • angina, attacchi di cuore (cardiopatia ischemica)
  • restringimento delle arterie (malattia arteriosa periferica)
  • si ha già subito un infarto, un ictus, o una embolia;
  • ulcere allo stomaco o sanguinamento;
  • disturbo ereditario del pigmento rosso del sangue emoglobina (porfiria)
  • malattie infiammatorie croniche dell’intestino quali infiammazione del colon con ulcere (colite ulcerosa), infiammazioni a carico del tratto digestivo (morbo di Crohn) o altre malattie dello stomaco e dell’intestino
  • asma;
  • patologie epatiche
  • patologie renali;
  • ritenzione idrica;
  • una malattia del tessuto connettivo come la sindrome di Marfan, sindrome di Sjogren, o se soffre di lupus eritematoso sistemico (LES) o di una malattia nota come malattia mista del tessuto connettivo.
  • allergie, febbre da fieno, polipi nasali, o malattie croniche delle vie respiratorie, perché

è maggiore il rischio che manifesti una reazione allergica a questo medicinale

  • sta già prendendo altri medicinali antinfiammatori non steroidei (FANS); questa situazione deve

essere evitata perché aumenta il rischio di effetti indesiderati allo stomaco o all’intestino

  • è anziano o ha sofferto in passato di ulcera, sanguinamento o perforazione allo stomaco o all’intestino. In questi casi esiste un rischio maggiore di sviluppare effetti indesiderati allo stomaco o all’intestino potenzialmente pericolosi per la vita
  • Accanito fumatore;

IBUPROFENE : gravidanza ed allattamento

L’assunzione di ibuprofene durante gli ultimi 3 mesi di gravidanza può danneggiare il nascituro. Non usare questo farmaco senza il parere di un medico in caso di gravidanza.

Inoltre non è noto se l’ ibuprofene passa nel latte materno e se quindi potrebbe danneggiare il bambino in fase di allattamento.

Non somministrare mai ibuprofene ad un bambino di età inferiore ai 2 anni di età senza il consiglio di un pediatra.

IBUPROFENE : effetti collaterali ed indesiderati

Gli effetti collaterali che si dovrebbe riferire al suo medico curante il prima possibile:

  • reazioni allergiche quali: eruzioni cutanee, pruriti o orticaria, gonfiore del viso, labbra e lingua
  • forte dolore allo stomaco
  • segni e sintomi di sanguinamento quali: ulcere sanguinanti o nero; colorazione rossa o marrone scuro delle urine; sangue o materiale marrone proveniente dai polmoni; macchie rosse sulla pelle; ecchimosi o sanguinamento dall’occhio, sanguinamento dalle gengive o dal naso;
  • segni e sintomi di embolia o ictus quali: problemi alla vista; dolori al petto, gravi ed improvvisi mal di testa, difficoltà a parlare, improvviso intorpidimento o debolezza del viso, delle braccia, o delle gambe;
  • aumento di peso, gonfiore;
  • stanchezza, debolezza;
  • ingiallimento della pelle o gli occhi;

Inoltre possono esserci altri effetti indesiderati, che non richiedono attenzione medica (ma devono essere riferiti al vostro medico o farmacista di riferimento nel caso si protraggano o peggiorino):

  • ecchimosi
  • diarrea
  • vertigini
  • sonnolenza
  • mal di testa
  • nausea
Ibuprofene
Ibuprofene per dolori, febbre ed infiammazioni

È necessario interrompere il trattamento di ibuprofene e contattare subito il medico nei seguenti casi:

  • se sviluppa i sintomi di una reazione allergica, come per esempio: gonfiore del volto, della lingua o della gola, difficoltà a respirare, accelerazione del battito del cuore, abbassamento della pressione del sangue
  • se avverte un qualsiasi sintomo insolito all’addome, in particolare se questi sintomi si presentano all’inizio del trattamento. Infatti il rischio di sanguinamento o ulcerazione del tratto digestivo è maggiore in questo caso, in particolare se è anziano, se assume dosi elevate di questo medicinale e
  • Se si presentano sanguinamento o ulcerazione del tratto digestivo, il trattamento deve essere interrotto perché possono essere mortali. Deve prestare particolare attenzione se ha avuto un’ulcera gastrica o intestinale, in particolare se è stata complicata da perforazione o accompagnata da sanguinamento
  • se manifesta irritazioni della pelle, lesioni delle mucose o altri segni di allergia perché potrebbe essere il primo segno di una reazione della pelle grave (dermatite esfoliativa, eritema multiforme, sindrome di Steven-Johnson, sindrome di Lyell), con esito a volte mortale.
  • se assume altri medicinali specificamente indicati nel foglio illustrativo che si trova nella confezione del farmaco

IBUPROFENE : dosaggio

Usate l’ ibuprofene esattamente come indicato nel foglio illustrativo della confezione del farmaco, o come prescritto dal medico.

Non utilizzare in quantità maggiori o più a lungo di quanto raccomandato. Utilizzare la dose minima che è efficace nel trattamento della vostra condizione.

Non assumere più di una dose raccomandata. Un sovradosaggio ibuprofene può danneggiare lo stomaco o l’intestino.

La quantità massima di ibuprofene per gli adulti è di 800 milligrammi per dose o 3200 mg al giorno (4 dosi massime). Usare solo la quantità minima necessaria per ottenere sollievo dal dolore, gonfiore o febbre.

La dose di ibuprofene per un bambino si basa sull’età ed il peso. Seguite attentamente le istruzioni per il dosaggio fornite con il farmaco e fate sempre riferimento al pediatra o comunque ad un farmacista se avete domande.

Assumete ibuprofene a stomaco pieno o almeno dopo avere bevuto del latte per ridurre disturbi di stomaco.

IBUPROFENE  : Sospensione orale

Agitare la sospensione orale (liquido) e appena prima di misurare una dose. Misurate il farmaco con la siringa dosatrice fornita, o con uno speciale cucchiaio dosatore o di coppa medicina. Se non si dispone di un dispositivo di misurazione della dose, chiedete al vostro farmacista per uno.

Compresse masticabili o ingeribili

La tavoletta masticabile ibuprofene deve essere masticata bene prima di deglutire. Sia nel caso di compresse ricoperte di film protettivo da ingerire che in quello di compresse masticabili, l’utilizzo non deve essere effettuato per un periodo troppo lungo, altrimenti potrebbe essere necessario effettuare esami medici.

Per ogni altra indicazione fare sempre riferimento al proprio medico o al farmacista.

IBUPROFENE : dosi

Le seguenti dosi di Ibuprofene sono da considerarsi indicative per un paziente ADULTO e devono essere sempre verificate con la supervisione di un medico:

  • per dismenorrea: 200 a 400 mg per via orale ogni 4 a 6 ore, se necessario.
  • osteoartrite: dose iniziale: 400 a 800 mg ogni 6 a 8 ore – mantenimento: può essere aumentata ad una dose massima giornaliera di 3200 mg in base alla prescrizione del medico.
  • artrite reumatoide: dose iniziale: 400 a 800 mg ogni 6 a 8 ore – mantenimento: può essere aumentata ad una dose massima giornaliera di 3200 mg in base alla prescrizione del medico
  • Mal di testa: dose massima 600 mg per via orale
  • Dolore lieve a moderato: 200 a 400 mg per via orale ogni 4 a 6 ore. Dosi superiori a 400 mg non hanno dimostrato di fornire una maggiore efficacia.
  • febbre: dose da 200 a 400 mg per via orale ogni 4 a 6 ore o da 100 a 200 mg ogni 4 ore in base alla prescrizione del medico

Prima di assumere il farmaco fare sempre riferimento al proprio medico per approfondire dosi ed effetti collaterali in base alla propria storia patologica.

Analisi del sangue Forum IBUPROFENE : proprietà uso ed effetti collaterali

Stai vedendo 3 discussioni - dal 1 al 3 (di 3 totali)
Stai vedendo 3 discussioni - dal 1 al 3 (di 3 totali)

Problemi con le analisi cliniche? Invia una domanda nel FORUM: è gratis
Risposta entro 24 ore