Home Malattie

LIPOTIMIA : come riconoscerla, come prevenirla

La lipotimia è una sensazione di malessere generale e parziale perdita di coscienza che può avere diverse cause e spesso si verifica per una mancanza di ossigeno al cervello o per un livello basso di pressione sanguigna. Ecco i sintomi, le cause e i principali modi per riconoscerla, curarla e prevenirla

Lipotimia, di cosa si tratta

La lipotimia o sincope vasovagale è una sensazione di malessere generale e parziale perdita di coscienza che può avere diverse cause:

  • shock emotivi
  • ansia
  • paura
  • affaticamento.

La lipotimia si verifica per una mancanza di ossigeno al cervello e può derivare anche da un cambio di posizione oppure può dipendere da un livello basso di pressione sanguigna.

Le gambe non reggono e si avverte una sensazione di debolezza diffusa e talvolta fischi e tintinnii.

Lipotimia, sintomi

  • Tremori
  • Nausea
  • Vertigini
  • Vista offuscata
  • Perdita di coscienza
  • Debolezza
  • Palpitazioni cardiache

Lipotimia, quando ricorrere al medico

Se gli episodi di lipotimia si verificano sporadicamente non c’è da preoccuparsi.

Se le crisi diventano frequenti e la perdita di coscienza dura più di un minuto e sono talvolta accompagnati da convulsioni è bene rivolgersi al medico.

Solitamente però il soggetto colpito dalla sincope recupera tutte le sue facoltà nel giro di poco tempo senza problemi.

lipotimia capogiri
Una crisi di lipotimia è spesso anticipata da capogiri

Lipotimia, cause e fattori di rischio

Le cause alla base di questo disturbo possono essere molteplici, ma solitamente l’episodio di lipotimia dipende da un anormale riflesso circolatorio.

La frequenza cardiaca dunque, non riesce a garantire un corretto afflusso di sangue al cervello.

Alcune situazioni o fattori possono maggiormente esporre al rischio di incorrere in episodi di lipotimia:

  • trovarsi in ambienti caldi e affollati
  • stare in piedi troppo a lungo
  • periodi di particolare stress emotivo
  • disidratazione
  • affaticamento.

Diverse patologie poi possono esporre al rischio di lipotimia.

Lo svenimento è più comune in persone che sono soggette a patologie all’esofago o alla gola, quando cercano di deglutire.

L’ictus può causare la sincope associata al mal di testa come l’attacco ischemico transitorio può causare svenimenti preceduti da visione doppia o perdita di equilibrio.

Lipotimia e disturbi emotivi

Spesso gli episodi connessi alla lipotimia si verificano per forti stati di ansia, sincope psicogena, e si manifestano con iperventilazione.

Se dopo opportuni accertamenti sono escluse tutte le altre cause alla base del disturbo sarebbe opportuno si prendesse in considerazione questa ipotesi.

Lipotimia, cure e trattamenti

Per affrontare questo problema bisogna risalire alle cause alla base del disturbo.

A seconda della diagnosi infatti la lipotimia richiede un trattamento diverso.

Quando ad esempio si sospetta che possa dipendere da una pressione sanguigna molto bassa è opportuno provvedere a:

  • corretta idratazione
  • aumento del sale
  • modifica dei farmaci eventualmente assunti.

Per la sindrome causata dalla bradicardia, battito cardiaco lento, può essere utile inserire un pacemaker per accelerare le contrazioni del muscolo cardiaco.

Se, al contrario alla base della sindrome c’è la tachicardia può essere utile controllare il battito cardiaco accelerato con i farmaci adatti.

lipotimia posizione
Se una persona è colpita da una crisi di lipotimia è utile farle assumere la posizione antishock

Lipotimia, quali sintomi si manifestano prima della sincope?

La sincope è lo svenimento vero e proprio che segue ad una crisi di lipotimia.

Uno dei primi segnali è una sensazione di angoscia e di perdita di coscienza imminente.

Con lo svenimento, il soggetto ricorda solo quello che è successo fino a quel momento.

Prima della sincope dunque, si possono avvertire alcuni sintomi quali:

  • Pelle fredda e sudata
  • Battito cardiaco accelerato
  • Nausea
  • Vertigini e mal di testa
  • Sensazione di intorpidimento o formicolio
  • Visione doppia
    Visione a tunnel, si restringe il campo visivo e il soggetto vede solo quello che gli sta davanti

Cosa fare se una persona incorre in un episodio di lipotimia?

Un segnale per chi soccorre è costituito dalle pupille dilatate e da movimenti lenti e deboli.

La prima cosa da fare se il soggetto sviene è di farlo sdraiare, sollevargli le gambe di 90 gradi e bagnargli il viso con acqua fresca.

La crisi dovrebbe passare in poco tempo.

Se tuttavia il disturbo persiste o si tratta di una persona diabetica o soggetta ad altre patologie, meglio chiamare i soccorsi anche per escludere che alla base dell’episodio lipotimico ci siano altre cause più serie come ictus o emorragia interna.

Lipotimia, diagnosi

La diagnosi di lipotimia viene effettuata attraverso alcuni accertamenti quali:

  • analisi del sangue per controllare il livello di elettroliti
  • monitoraggio del ritmo cardiaco
  • ecocardiogramma e stress test che mostra i cambiamenti del muscolo cardiaco quando si trova sotto stress.

Per la diagnosi, inoltre, può essere utilizzato un holter, un piccolo dispositivo da portare con sé durante le normali attività quotidiane per monitorare il battito cardiaco mentre si svolgono le attività abituali.

Se si riesce ad individuare una causa di lipotimia dunque si interviene su quella, altrimenti si cercherà su consiglio del medico di adottare comportamenti precauzionali, come:

  • sedersi un istante sul bordo del letto prima di alzarsi al mattino per non incorrere in capogiri
  • intervenire sull’alimentazione di chi presenta una bassa pressione del sangue, eventualmente integrando la dieta con opportuni farmaci.
lipotimia analisi
Se le crisi sono frequenti, è bene effettuare esami approfonditi per escludere cause gravi

Lipotimia, come si può prevenire?

Le regole da seguire per prevenire episodi di lipotimia dipendono molto dal risultato dei test eseguiti e dalla diagnosi conseguente.

In generale il trattamento preventivo comprende alcune precauzioni:

  • Assunzione di farmaci o modifiche di cure farmacologiche in corso.
  • Utilizzo di calze a compressione graduata per migliorare la circolazione sanguigna, ma solo di giorno o quando si prevede di stare seduti a lungo.
  • Modifiche alla dieta quotidiana con un maggiore apporto di sale e liquidi e aggiunta di potassio.
  • Eliminazione di caffeina e alcol. La caffeina accelera i battiti cardiaci e favorisce lo stordimento che può portare allo svenimento.
  • Dormire con più cuscini sotto la testa.
  • Prestare attenzione a quando si cambia posizione.
  • Ogni volta che ci si sente storditi meglio sdraiarsi o sedersi.
  • Dedicarsi alla pratica di uno sport non competitivo come jogging su brevi distanze. Subito dopo la sessione sedersi e sollevare le gambe bevendo una bevanda priva di caffeina.
  • Evitare l’esposizione al calore, in particolare agli ambienti caldo-umidi.
    Dopo aver fatto una doccia calda, per esempio, evitare di stare in piedi e sedersi per permettere che il flusso sanguigno torni alla normalità.

Suggerimenti

Quando è accertato che la causa del verificarsi della lipotimia risiede in stati ansiosi può essere utile per il soggetto praticare attività come yoga o pratiche di rilassamento.

Chiunque soffra per la prima volta o abbia già sofferto in passato di questo disturbo è opportuno che faccia gli accertamenti medici del caso per indagare eventuali altri problemi.

I pazienti che non hanno una condizione grave alla base del disturbo possono essere gestiti in regime ambulatoriale.

Per le persone anziane può invece essere utile la collaborazione con il medico geriatra.

Una categoria a parte è quella degli atleti, per i quali sono necessari una visita cardiovascolare e un monitoraggio esteso prima di riprendere lo sport, soprattutto se alla sincope si associano alterazioni del ritmo cardiaco.

Problemi con le analisi cliniche? Invia una domanda nel FORUM: è gratis
Risposta entro 24 ore