MANGO : proprietà, benefici, utilizzo

Il mango è uno dei frutti più ricchi di sostanze nutritive, sapore, fragranza, usi e qualità promettenti, che lo rendono così uno tra i migliori alimenti funzionali. Ricco di vitamine e sali minerali, da alcuni studi risulta che il mango può aiutare a prevenire particolari tumori. Tuttavia non è indicato per chi soffre di specifiche intolleranze.

Considerato “Il re dei frutti”, il mango è uno dei frutti più ricchi di sostanze nutritive, sapore, fragranza, usi e qualità promettenti, che lo rendono così uno tra i migliori alimenti funzionali, spesso denominati “superiori”.

Il mango è un delizioso frutto di stagione coltivato principalmente nei tropici; si ritiene che l’albero sia originario delle pianure sub-himalayane del subcontinente indiano.

Botanicamente, questo frutto esotico appartiene alla famiglia delle Anacardiaceae, una famiglia che comprende anche numerose specie di alberi da frutta tropicali e piante fiorite come l’anacardio e il pistacchio.

Il nome scientifico del mango è Mangifera Indica.

L’albero tropicale del mango viene coltivato in molte regioni dell’India, ma ora la sua coltivazione è stata ampliata in tutto il mondo, in molti continenti.

Dopo la fioritura, i suoi frutti crescono alla fine di un lungo peduncolo e talvolta sono più di uno solo.

Ogni frutto misura da 5 a 15 cm di lunghezza e da circa 4 a 10 cm di larghezza, con la forma tipica del mango, o talvolta ovale o rotondo.

Il suo peso varia da 150 grammi ad un massimo di circa 750 grammi; la buccia esterna (pericarpo) è liscia e di colorazione verde nei manghi acerbi e di una colorazione gialla dorata, rossa-arancione in quelli maturi, a seconda del tipo di coltivazione e di regione.

La stagione di raccolta del mango dura da aprile ad agosto.

Il mango si trova in forme e dimensioni diverse a seconda dei tipi di coltivazione.

Internamente, la sua polpa (mesocarpo) è succosa, di colorazione giallo-arancione e con numerose fibrille morbide che s’irradiano.

Il suo sapore è piacevole, ricco e abbastanza dolce, a seconda della maturazione.

mango albero
L’albero tropicale del mango viene coltivato in molte regioni dell’India, ma ora la sua coltivazione è stata ampliata in tutto il mondo, in molti continenti

Mango: benefici per la salute

Il mango è ricco di fibre alimentari pre-biotiche, vitamine preziose, sali minerali e sostanze antiossidanti tra cui flavonoidi e polifenoli.

Secondo un recente studio di ricerca, questo frutto è in grado di proteggere da eventuali irritazioni del colon, da patologie legate al seno, dalla leucemia e dai tumori della prostata.

Altri studi, invece, suggeriscono che le sostanze antiossidanti presenti nel mango siano note per offrire una grande protezione contro i tumori del seno e del colon.

Il mango è un’ottima fonte di vitamina A e flavonoidi come beta-carotene, alfa-carotene e β-criptoxantina; 100 grammi di questo frutto forniscono circa il 25% dei livelli giornalieri raccomandati di vitamina A.

Inoltre, questi nutrienti sono noti per avere proprietà antiossidanti e essenziali per la vista.

Mango: e vitamine

La vitamina A contenuta nel mango è necessaria per mantenere le mucose e la pelle sana. Il consumo di frutti naturali ricchi di beta-carotene aiuta a proteggere dai tumori della cavità polmonare e orale.

Il mango fresco è una buona fonte di potassio; 100 grammi di questo frutto forniscono circa 156 mg di potassio e solo 2 di sodio.

Il potassio è un componente importante delle membrane cellulari e del corpo che aiuta a controllare la frequenza del cuore e la pressione del sangue.

Il mango, inoltre, è anche un’ottima fonte di vitamina B6 (piridossina), vitamina C e vitamina E.

Il consumo di alimenti ricchi di vitamina C aiuta il corpo a sviluppare la resistenza agli agenti infettivi ed è utile per eliminare i radicali liberi nocivi senza ossigeno.

La vitamina B-6 o la piridossina, è necessaria per la produzione di ormoni GABA all’interno del cervello e controlla i livelli di omocisteina all’interno del sangue, che altrimenti potrebbero danneggiare i vasi sanguigni causando malattie dell’arteria coronarica e ictus.

Inoltre, questo frutto contiene moderate quantità di rame, un co-fattore per molti enzimi vitali, tra cui citocromo c-ossidasi e superossido dismutasi (altri minerali che funzionano come co-fattori per questo enzima sono il manganese e lo zinco).

Il rame è, anche, necessario per la produzione di globuli rossi.

Inoltre, la buccia del mango è ricca di fitonutrienti, come gli antiossidanti del pigmento noti come carotenoidi e polifenoli.

mango gelato
Il gelato di mango è un modo gustoso e fresco di consumare il frutto, mantenendone le proprietà nutritive

Selezione e conservazione

I manghi sono frutti di stagione, ciò significa che la raccolta inizia entro la fine di marzo quando il suo ricco profumo ne annuncia l’arrivo nei mercati; solitamente vengono raccolti quando sono ancora verdi ma perfettamente maturi all’interno.

In commercio, il mango si trova in vari formati e colori; la varietà “Alphonso”, per esempio, proveniente dall’India (stato di Maharashtra) e la varietà “sindhuri” (kesar) proveniente dal Pakistan sono note per la loro unicità.

Presentano punte a forma di pappagallo, lucide e brillanti, in colorazioni verdi e arancioni; la loro polpa presenta una piacevole miscela dal gusto dolce e acidognolo, con un leggero retrogusto di chiodi di garofano, a seconda della coltivazione.

Ricordate di scegliere sempre quelli con la buccia intatta senza ammaccature o tagli.

I manghi possono essere mantenuti a temperatura ambiente per pochi giorni e possono maturare conservati in cartoni coperti con fogli di carta.

I frutti maturi devono essere conservati in frigorifero.

Metodo di preparazione del mango

Lavare i manghi sotto acqua corrente fredda per rimuovere la sporcizia e qualsiasi altro residuo chimico dalla superficie.

Asciugare la buccia usando un panno morbido.

Il mango deve essere mangiato senza condimenti o altre aggiunte per sperimentarne il suo ricco sapore.

Eventuali intolleranze al mango

Il frutto del mango dovrebbe essere evitato nella dieta di alcuni pazienti che seguono una terapia con warfarin.

Questo frutto, infatti, pur essendo ricco di vitamina A, potrebbe provocare la potenzializzazione dell’attività del farmaco warfarin e quindi, causare un aumento del rischio di emorragie.

L’allergia al lattice è comune in alcuni individui sensibilizzati che assumono questo frutto. Le reazioni immediate possono includere prurito agli angoli della bocca, delle labbra e della punta della lingua.

In alcune persone, le reazioni possono essere gravi, con manifestazioni come gonfiore delle labbra, ulcere all’angolo della bocca, difficoltà respiratorie, vomito e diarrea.

Questa reazione si sviluppa a causa dell’acido anacardico presente nei manghi e, purtroppo, le reazioni allergiche con altri frutti della stessa famiglia delle Anacardiaceae sono abbastanza comuni.

Tali eventi possono essere una rarità con frutti completamente maturi; tuttavia, le persone con noti casi di allergia dovrebbero evitare di assumere il mango.

Consumare troppo potassio, contenuto in questo frutto, può essere dannoso per coloro i cui reni non funzionano correttamente.

Se i reni non sono in grado di espellere il potassio in eccesso dal sangue, questa situazione potrebbe risultare fatale.

mango fresco
Il mango fresco è una buona fonte di potassio; 100 grammi di questo frutto forniscono circa 156 mg di potassio e solo 2 di sodio.

Proprietà nutrizionali del mango

Una porzione di mango contiene circa 100 calorie, 1 grammo di proteine, 0,5 grammi di grasso, 25 grammi di carboidrati (23 grammi di zucchero e 3 grammi di fibre), 100% del fabbisogno quotidiano di assunzione della vitamina C, il 35% della vitamina A, 20 % di folati, il 10% della vitamina B-6 e l’8% della vitamina K e del potassio.

Il mango contribuisce, anche, a fornire la giusta razione di rame, calcio e ferro, nonché di antiossidanti come zeaxantina e beta-carotene.

Da ricordare

Imparate a non giudicare la maturazione di un mango dal suo colore.

Acquistate solo manghi freschi che cedono leggermente alla pressione quando sono maturi.

Evitate i frutti con molti puntini neri sulla buccia.

Questi frutti tendono a maturare a temperatura ambiente.





Conservateli in un sacchetto di plastica in frigorifero per 2-3 giorni.

Analisi del sangue Forum Discussioni

Stai vedendo 10 discussioni - dal 1 al 10 (di 4,616 totali)
Stai vedendo 10 discussioni - dal 1 al 10 (di 4,616 totali)