MOMENT : principali utilizzi ed effetti collaterali

Moment è un farmaco da banco per automedicazione, indicato per dolori lievi e momentanei che non richiedono l'intervento medico. Si utilizza principalmente per il mal di testa e i dolori mestruali, ma può curare altre patologie. Ecco i principali effetti collaterali, le modalità di utilizzo più indicate e i soggetti che non non dovrebbero assumerlo.

Moment: che cos’è

Moment è un medicinale da banco per automedicazione, indicato per dolori lievi e momentanei, che non richiedono l’intervento medico.

Pertanto, se il disturbo persiste dopo qualche giorno di trattamento, è necessario rivolgersi al proprio medico.

Questo farmaco può essere acquistato senza preventiva prescrizione medica, anche se è sempre consigliabile chiedere informazioni al farmacista per quanto riguarda le indicazioni terapeutiche e le modalità di assunzione.

In ogni caso, è opportuno seguire altresì le istruzioni contenute nel foglietto illustrativo interno, molto chiaro e dettagliato.

Moment cura contestualmente dolore e stati flogistici lievi come:

  • mal di testa
  • mal di denti
  • nevralgie
  • dolori di origine mestruale (gambe, addome, schiena)
  • dolori di natura ossea o muscolare.

Ottimo anche come supporto nella cura del raffreddore e dell’influenza, accompagnati da febbre e dolori articolari.

Moment si presenta sotto forma di compresse rivestite da deglutire. Le confezioni sono disponibili in diversi formati, da sei a trentasei pastiglie, per soddisfare ogni necessità terapeutica.

Principio attivo: ibuprofene

Questa sostanza appartiene alla famiglia dei farmaci antinfiammatori non steroidei, possiede proprietà antidolorifiche e antinfiammatorie, oltre alla capacità di diminuire la temperatura corporea negli stati febbrili.

Ben assorbito dallo stomaco, di solito non crea problemi di accumulo. Impiegato nel trattamento del dolore lieve e medio, se somministrato in soggetti particolarmente sensibili, può avere effetti indesiderati a carico di cuore, reni, stomaco, vista, circolazione e pressione arteriosa.

moment cefalea
Moment è un farmaco per mal di testa episodici, per cui se il sintomo persiste si consiglia di approfondire il problema

Controindicazioni

Moment non deve essere usato da chi ha già evidenziato una certa ipersensibilità all’ibuprofene o a uno degli eccipienti in esso contenuti.

Moment inoltre non dovrebbe essere assunto dai bambini sotto i dodici anni di età e dalle donne in stato di gravidanza e allattamento.

Stati patologici preesistenti, come ulcera gastroduodenale, duo o più episodi di emorragia gastrointestinale o perforazione, sconsigliano l’automedicazione con Moment.

Altrettanto rilevanti sono le insufficienze cardiache, epatiche e renali gravi, condizioni che sconsigliano di seguire una terapia con ibuprofene.

La presenza di saccarosio infine rende questo farmaco inadatto ai soggetti diabetici e a coloro che sono intolleranti a questa sostanza.

Soggetti che devono assumere Moment con cautela

Il principio attivo di Moment (ibuprofene) può creare problemi nei soggetti affetti da asma, soprattutto se hanno sofferto di broncospasmi successivamente all’assunzione dell’acido acetilsalicilico o antinfiammatori non steroidei.

Una certa attenzione deve essere prestata anche da chi assume farmaci che possono aumentare il rischio di ulcere ed emorragie: corticosteroidi orali, anticoagulanti, farmaci che alterano i livelli della serotonina, antiaggreganti, diuretici e farmaci antipertensivi.

Chi ha una storia clinica di disturbi renali, cardiaci, ictus o pensa essere a rischio di tali patologie (fumatori, diabete e colesterolo elevati) deve preventivamente consultare il medico o il farmacista, perché possono verificarsi gonfiore, ritenzione idrica e innalzamento della pressione arteriosa.

Nelle persone anziane che presentano patologie ai reni, Moment può essere somministrato solo su indicazione medica e purché il paziente sia adeguatamente idratato e che le funzioni renali vengano monitorate.

Appare chiaro quindi che è necessario sempre e comunque chiedere un consulto medico prima di assumere Moment in concomitanza con altri medicinali.

Moment e gravidanza

Moment è fortemente sconsigliato anche se si desidera un figlio, se la donna presenta problemi di fertilità o si sta sottoponendo a controlli e indagini sulla stessa.

Ci sono studi infatti che dimostrano come l’ibuprofene può avere effetti negativi sulla gravidanza, poiché aumenta il rischio di aborto.

Per quanto riguarda invece lo sviluppo del feto, l’ibuprofene può provocare malformazione cardiaca, tossicità cardiopolmonare e disfunzione renale.

Durante il parto, inoltre, se si assume Moment si può verificare un prolungamento del travaglio e un maggiore sanguinamento.

Le mamme che allattano invece possono usare Moment solo dopo aver consultato il medico, che deve valutate rischi e benefici.

moment dolori mestruali
Moment è indicato contro i dolori mestruali perché riduce la quantità di prostaglandine prodotte dall’utero, principali responsabili della dismenorrea

Effetti indesiderati

I maggiori effetti indesiderati si manifestano a livello della cute.

Non si escludono infatti gravi reazioni cutanee:

  • eritemi
  • prurito
  • orticaria
  • dermatite esfoliativa
  • sindrome di Stevens-Johnson
  • necrolisi tossica epidermica.

Non si riscontrano in genere problemi per quanto riguarda l’alterazione della capacità di guidare l’auto o di utilizzare macchinari per ragioni di lavoro.

Non è escluso tuttavia che alcuni soggetti possano avvertire sonnolenza, capogiri e sintomi depressivi.

Si possono infine verificare pesantezza addominale, vomito, nausea, costipazione, dolore allo stomaco, coliti, Morbo di Crohn e altri disturbi gastrici.

Mal di testa

Disturbo comune e diffuso di varia origine e natura.

In medicina il mal di testa è classificato in tre tipologie principali:

  • emicrania (dolore pulsante localizzato su un lato della testa)
  • cefalea tensiva (cerchio alla testa)
  • cefalea a grappolo (attacchi di dolore fortissimi che colpiscono occhi e zigomi).

Il mal di testa può costituire una patologia autonoma o essere il sintomo di altre malattie (allergie, anemie, miopia, intossicazioni, disturbi allo stomaco, artrosi cervicale, sinusite, stitichezza, traumi).

Non si esclude che il mal di testa si scateni a causa di cattive abitudini, che è opportuno modificare per prevenirne gli attacchi.

Una alimentazione scorretta, fumo, consumo di alcool, sforzi fisici prolungati, stanchezza, stress, sole, rumori od odori troppo intensi.

Moment è un farmaco per mal di testa episodici, per cui se il sintomo persiste si consiglia di approfondire il problema.

Dolori mestruali

I dolori mestruali (dismenorrea) sono molto comuni e diffusi tra la popolazione femminile.

Nel periodo che precede il ciclo mestruale il dolore è spesso accompagnato da cambiamenti del tono dell’umore (tristezza, irritabilità), senso di gonfiore al seno e stanchezza.

In questi giorni, oltre all’assunzione di analgesici, può rivelarsi utile intervenire su alcune condotte che possono peggiorare molto la situazione.

Pare opportuno infatti eliminare caffè, cioccolato e sale, perché aumentano ulteriormente la ritenzione idrica e preferire alimenti ricchi di vitamine (frutta e verdura), tisane e infusi.

Moment è indicato in queste manifestazioni dolorose perché riduce la quantità di prostaglandine prodotte dall’utero, principali responsabili della dismenorrea.

Indicazioni terapeutiche

Moment può essere assunto da adulti e ragazzi che hanno già compiuto i dodici anni di età, nella misura di una-due pastiglie, fino a un massimo di sei al giorno.

I pazienti anziani invece non dovrebbero superare la dose di una o due pastiglie giornaliere.

Sempre meglio assumere Moment dopo i pasti.

Nel caso in cui, dopo tre giorni di trattamento, non si ottengano risultati, è necessario rivolgersi al medico.

moment anziani
Nelle persone anziane che presentano patologie ai reni, Moment può essere somministrato solo su indicazione medica

Effetti e rimedi in caso di sovra dosaggio

Può capitare di assumere una dose eccessiva di Moment.

In questi casi è opportuno recarsi dal medico o al pronto soccorso, portando con sé la confezione del farmaco e il foglietto illustrativo interno.

Esso infatti fornisce al sanitario, come indicazione primaria, la lavanda gastrica seguita dalla correzione degli elettroliti ematici.

Gli antidolorifici naturali

Un importante studio realizzato a Philadelphia ha dimostrato le proprietà antidolorifiche e antinfiammatorie dell’olio d’oliva, i cui effetti sono paragonabili proprio al principio attivo del Moment: l’ibuprofene.

L’effetto analgesico è riconducibile in particolare all’oleocantale, ovvero quella sostanza leggermente piccante contenuta nell’olio d’oliva e che gli conferisce un suo tipico sapore.

Occorre precisare però che non tutti gli olii extravergini di oliva contengono la stessa quantità di oleocantale: quelli più piccanti ne sono particolarmente ricchi.

Molto importante, per sfruttare al meglio le proprietà dell’oleocantale, è la conservazione del prodotto.

L’olio infatti deve essere sempre posizionato in ambienti freschi e bui, poiché la luce e il calore sono i peggiori nemici di questa sostanza.

Il peperoncino di Caienna è un altro rimedio antidolorifico reperibile in dispensa. Ricco di vitamina A, B6, E, C, riboflavina, potassio e manganese, ha importanti effetti antinfiammatori e antidolorifici.

Queste proprietà sono da attribuire alla presenza di capsicina, una sostanza capace di legarsi ai recettori che modulano la trasmissione e la percezione del dolore a livello celebrale.

Questa sostanza si rivela particolarmente utile in caso di mal di denti e dolori muscolari di origine reumatica.

Ottimo anche come decongestionante e antisettico, si rivela efficace nel contrastare i principali sintomi da raffreddamento: raffreddore, mal di gola e tosse.





Per i dolori muscolari dovuti al compimento di movimenti a “freddo”, possono essere impiegati con successo altri trattamenti naturali, da applicare tramite massaggio solo sulla parte interessata: canfora, arnica e olio di zenzero e peperoncino.