Home Malattie

MUGHETTO : una fastidiosa variante di candida

Cosa è il mughetto

La candidosi, cui appartiene il mughetto, descrive un gruppo di infezioni fungine che coinvolgono la pelle e le mucose.

L’infezione è causata da una specie di Candida, principalmente dalla Candida albicans, ovvero un fungo dimorfico che può colonizzare asintomaticamente le mucose orali o genitali in soggetti sani.

La colonizzazione orale è stimata nel 50% degli adulti sani, mentre la colonizzazione genitale è visibile nel 21% delle donne.

Quando l’ambiente è alterato, o dove c’è un difetto immunitario, la crescita eccessiva di Candida può portare ad un’infezione.

Le superfici delle mucose principalmente colpite dalla candidosi sono:

  • la cavità orale
  • l’esofago
  • gli angoli della bocca
  • i genitali (che causano vulvovaginite nelle femmine, balanite nei maschi).

Candidosi orale: i sottotipi

La candidosi orale può presentarsi sia come lesioni bianche o eritematose sia come infezione acuta o cronica; pertanto, le presentazioni possono essere suddivise nei seguenti quattro sottotipi:

  • acuta pseudomembranosa (mughetto): le classiche macchie bianche multiple sulla lingua, sulla mucosa della bocca e sul palato
  • iperplastica cronica: placche bianche spesse sulla mucosa della bocca e commessure labiali
  • acuta atrofica (eritematosa): macchie eritematose sul palato
  • atrofica cronica (stomatite da protesi dentaria): una forma di candidosi eritematosa, derivante da protesi mal inserite che causano una bocca infiammata e irritata.

Ci sono anche condizioni che possono predisporre le persone a infezioni croniche e multifocali da Candida.

Questo può portare a sindromi come la candidosi mucocutanea cronica.

mughetto igiene
I risciacqui orali alla clorexidina possono essere di beneficio nel controllo della candidosi orale

Fisiopatologia del mughetto

La Candida albicans è un fungo dimorfico che abita asintomaticamente nella bocca di quasi il 50% della popolazione.

La crescita eccessiva di Candida è protetta da cellule T locali e interleuchina (IL) -17. Pertanto, quando l’immunità viene compromessa, la crescita procede senza controllo e porta a infezioni che possono divenire gravi.

La candidosi è presente nelle persone con un ambiente alterato, che nei casi orali può essere attribuita ad apparecchi dentali, xerostomia, antimicrobici, steroidi nasofaringei o cancro orale.

L’immunità sistemica compromessa è un’altra importante causa di infezione, in particolare nei pazienti sottoposti a terapia immunosoppressiva, infetti da HIV o con diabete.

La C. albicans è l’organismo causale predominante della maggior parte delle candidosi.

Altre specie, come Candidatropicalis e Candidastellatoidea, appaiono più spesso in persone che sono gravemente immunocompromesse.

Le proteinasi aspartiliche segrete sono proteine ​​secrete dalla Candida che contribuiscono alla virulenza facilitando l’invasione e l’infiammazione.

Il gene di selezione delle proteine ​​è un componente chiave della virulenza della Candida. Inoltre, alcuni studi hanno dimostrato che le donne con candidosi vulvovaginale hanno livelli più alti nel loro fluido vaginale.

In quelli con dispositivi dentali, la Candida, dopo l’attacco, può formare una piccola sottocolonia di cellule persistenti.

Queste cellule hanno dimostrato di essere altamente resistenti agli antimicrobici e forniscono un meccanismo per la formazione ricorrente numerose altre infezioni.

DAL NOSTRO FORUM : discussioni su MUGHETTO

mughetto bimbi
La candidosi orale può presentarsi sia come lesioni bianche o eritematose sia come infezione acuta o cronica, anche nei bambini

Fattori di rischio del mughetto

Ci sono molti fattori di rischio che aumentano l’incidenza del mughetto.

L’immunosoppressione è la più significativa di queste e può essere dovuta a diabete, antibiotici, immunosoppressione, uso sistemico di steroidi e infezione da HIV, tra gli altri.

In particolare, i fattori di rischio includono:

  • Immunocompromissione: aumentate percentuali di trasporto sono osservate in diverse condizioni, tra cui infezione da HIV, diabete, uso sistemico di steroidi, uso di steroidi per via aerosolica, immunosoppressione e malignità
  • Iposalivazione: aumenta il trasporto di Candida e può essere causa di effetti farmacologici (antipsicotici), sindrome di Sjögren, radioterapia o chemioterapia
  • Scarsa igiene orale: i conteggi di Candida aumentano durante il sonno, ma si riducono mangiando e lavando i denti
  • Protesi dentarie: la rimozione e il reinserimento delle protesi dentarie provoca aumenti della presenza di candidosi salivare, suggerendo che la placca presente sulle protesi dentarie comporti la C. albicans
  • Denti mancanti: l’edentulia aumenta la sovrapposizione della pelle agli angoli della bocca, aumentando il rischio di formazione di cheilite angolare
  • Fumo: aumenta i casi di Candida del 30-70%
  • Uso di antibiotici: aumenta i casi di Candida
  • Carenze vitaminiche: maggiore associazione di candidosi con vitamina B-12 e carenza di ferro

Prognosi del mughetto

La prognosi del mughetto è buona per la maggior parte delle infezioni dell’ospite immunocompetente, ma nei pazienti immunocompromessi, la resistenza antimicotica è comune.

La candidosi orale può predisporre gli individui alla diffusione esofagea.

La diffusione sistemica è rara, ma può verificarsi in caso di grave immunocompromissione.

Trattamento medico del mughetto

Le seguenti raccomandazioni terapeutiche servono per la gestione della candidosi da parte dei pazienti affetti:

Trattamento orofaringeo

  • Lieve: sospensione di nistatina quattro volte al giorno per 1-2 settimane o 10 mg di clotrimazolo cinque volte al giorno per 1-2 settimane
  • Da moderato a grave: 100-200 mg di fluconazolo al giorno per 1-2 settimane
  • Refrattario al fluconazolo: 200 mg di soluzione di itraconazolo una volta al giorno per un massimo di 4 settimane
  • Pazienti affetti da HIV: la terapia antiretrovirale è fortemente raccomandata
  • Protesi: disinfezione protesi e terapia antifungina
  • I risciacqui orali alla clorexidina possono essere di beneficio nel controllo della candidosi orale, così come alcuni olii essenziali.

Trattamento esofageo

Richiede terapia sistemica; il trattamento empirico è accettabile prima dell’endoscopia.

  • Terapia iniziale: 200-400 mg di fluconazolo per os ogni giorno per 2-3 settimane
  • Incapacità di tollerare farmaci orali: 400 mg di fluconazolo per via endovenosa al giorno o echinocandina
  • Refrattari al fluconazolo: 200 mg di soluzione di itraconazolo una volta al giorno o 200 mg di voriconazolo per via orale o endovenosa due volte al giorno per 2-3 settimane
  • Ricorrente: terapia a lungo termine con fluconazolo orale da 100-200 mg tre volte a settimana

Il trattamento con vulvovaginite

Non complicato: qualsiasi azolo topico o una singola dose di 150 mg di fluconazolo orale.

  • Grave o immunosoppressa: 2-3 dosi di 150 mg di fluconazolo orale ogni 72 ore
  • Infezione da Candida glabrata, non rispondente agli azoli: capsula di acido borico intravaginale da 600 mg ogni notte per 10-14 giorni, o nistatina intravaginale
  • Ricorrente: terapia di induzione con 2 settimane di un agente topico o fluconazolo orale, seguita da fluconazolo orale da 150 mg settimanale per 6 mesi

L’utilizzo dell’Acido borico contro il mughetto

L’acido borico contro il mughetto può essere prescritto da un medico e acquistato in farmacia.

I pazienti possono anche preparare le proprie capsule usando capsule di polvere di acido borico e gelatina.

Dovrebbero riempire la metà stretta della capsula e quindi coprirla con la metà più ampia.

Per prevenire la ricorrenza, l’acido borico può essere utilizzato due volte a settimana.

Il meccanismo con cui l’acido borico topico è efficace nella vulvovaginite dovuta alla Candida non è ben compreso. Una teoria è che potrebbe inibire il metabolismo ossidativo o alterare la virulenza.

Gli effetti collaterali possono essere lievi, come l’irritazione locale.

Possono anche verificarsi effetti avversi sistemici e possono includere febbre, vomito e convulsioni.

I pazienti devono essere avvertiti che le capsule di acido borico possono essere letali se ingerite e non devono essere utilizzate durante la gravidanza.

mughetto orale
Una corretta igiene orale aiuta a prevenire il mughetto

Trattamento delle cause sottostanti al mughetto

L’attenzione alla causa sottostante aiuta ad evitare cicli di trattamento prolungati o ripetuti.

Se gli antibiotici o i corticosteroidi (per via orale o per inalazione) sono la causa sottostante, può essere utile ridurre la dose o modificare il trattamento.

Il trattamento antifungino topico intermittente o prolungato può essere necessario quando la causa sottostante è inevitabile o incurabile.

La placca per protesi contiene spesso specie di Candida.

Per prevenire la stomatite indotta da protesi dentaria, la pulizia della protesi che include la rimozione di organismi di candidosi è un fattore necessario e importante.

I detergenti possono essere suddivisi in gruppi in base ai loro componenti principali:

  • perossidi alcalini
  • ipocloriti alcalini
  • acidi
  • disinfettanti
  • enzimi.

Gli enzimi litici del lievito e gli enzimi proteolitici sono i più efficaci.

La protesi ammorbidisce le soluzioni con acido benzoico sradicando la Candida albicans dalla superficie della protesi, assorbendo la resina acrilica ed eliminando l’organismo dalla superficie interna della protesi.

I risciacqui orali contenenti clorexidina gluconato allo 0,12% eliminano la C. albicans sulla superficie della resina acrilica della protesi e riducono l’infiammazione al palato.

Gli ammorbidenti contenenti proteasi (proteasi alcalinizzanti) rimuovono la placca protesica, soprattutto se combinati con la spazzolatura.

La xerostomia che causa la candidosi può trarre beneficio dal mantenere la bocca umida attraverso l’idratazione, il ghiaccio o delle pastiglie indicate.

Se la bocca secca è l’effetto avverso anticolinergico di un altro farmaco, prendere in considerazione il passaggio a un altro farmaco o la modifica del dosaggio.

Può anche essere preso in considerazione il trattamento con agenti colinergici.

Prevenzione del mughetto

I pazienti devono essere informati sul fumo e devono essere avvertiti del rischio di sviluppare una candidosi alla mucosa dopo aver assunto farmaci che alterano la salivazione, gli antibiotici, i corticosteroidi e altri immunosoppressori.

Problemi con le analisi cliniche? Invia una domanda nel FORUM: è gratis
Risposta entro 24 ore