Home Alimentazione NUX VOMICA : indicazioni terapeutiche, posologia e controindicazioni

NUX VOMICA : indicazioni terapeutiche, posologia e controindicazioni

La Nux Vomica omeopatica è tra i più comuni rimedi recuperati da una pianta potenzialmente velenosa. Per esempio, la funzione omeopatica di questi semi è uno dei più popolari rimedi naturali raccomandati per disturbi digestivi

Cos’è la Nux Vomica

La Nux Vomica omeopatica è tra i più comuni rimedi recuperati da una pianta potenzialmente velenosa.

Nell’omeopatia infatti, molte piante potenzialmente fatali e velenose costituiscono i più utili rimedi omeopatici oggi disponibili.

La Nux vomica deriva dai semi dell’albero Strychnos nux-vomica, chiamato anche albero velenoso.

In altre parole, sebbene i semi di Nux Vomica possano avere effetti dannosi potenzialmente durevoli, possono efficacemente trattare varie condizioni mediche come rimedi omeopatici.

Per esempio, la funzione omeopatica di questi semi è uno dei più popolari rimedi naturali raccomandati per disturbi digestivi.

Il principio attivo è utile infatti un casi di:

La Nux Vomica noltre, è anche un utilissimo rimedio per contrastare gli effetti della sbornia.

E’ inoltre indicata nei casi di vari problemi di salute delle donne:

  • le emicranie,
  • lo stress emotivo,
  • i raffreddori,
  • il ciclo mestruale ed altro ancora.

Da dove deriva la Nux Vomica

La Nux vomica è comunemente usata come rimedio naturale per molti sintomi e disturbi diversi.

Proviene da un albero sempreverde che riporta lo stesso nome, nativo della Cina, India orientale, Tailandia e Australia.

I semi grezzi sono soprannominati “dadi velenosi” a causa della loro natura tossica e devono essere trattati prima di essere consumati per renderli sicuri.

La Nux vomica che viene utilizzata come integratore può essere acquistata in pillole o in polvere.

La Nux vomica può influenzare il sistema nervoso ed è spesso utilizzata per trattare alcune condizioni acute, che potrebbero svilupparsi rapidamente e avere un corso breve.

A volte viene usata, anche, per trattare la disfunzione erettile e l’infertilità negli uomini, anche se alcuni studi scientifici recenti, non ne hanno ancora dimostrato l’efficacia.

Nux Vomica: modi d’uso

Nonostante le gravi preoccupazioni in materia di sicurezza, la Nux Vomica viene utilizzata per contrastare diverse malattie.

Queste applicazioni vanno da problemi del tratto digestivo, ai disturbi del cuore e del sistema cardiocircolatorio.

Spesso è somministrato per malattie dell’occhio e malattie polmonari.

La Nux Vomica inoltre, è anche utilizzata per trattare numerose condizioni nervose, depressione, emicrania, sintomi della menopausa e un disturbo dei vasi sanguigni chiamato malattia di Raynaud.

Altri usi includono il trattamento dell’anemia, come tonico rinforzante e come stimolante dell’appetito.

Gli uomini utilizzano la Nux Vomica per  trattare la disfunzione erettile (cosiddetta impotenza).

Nella produzione di questo estratto, alcuni scarti di lavorazione vengono utilizzati come veleno per topi, perché contengono stricnina e brucina, due prodotti chimici mortali.

Nux Vomica e stricnina

La Nux vomica contiene stricnina e altre sostanze chimiche che colpiscono il cervello.

Queste causano contrazioni muscolari e ciò può portare a convulsioni e morte.

La stricnina, anche in quantità molto piccole può essere ancora un grave problema.

Piccole quantità di questa sostanza accumulate nel corpo con un uso continuativo, in particolare nelle persone con malattie epatiche, potrebbero causare seri problemi.

Questo può causare la morte in un periodo di qualche settimana e l’avvelenamento da stricnina può essere rilevato solo con prove di laboratorio.

Nux Vomica: il principio attivo

L’albero di Strychnos nux-vomica di medie dimensioni è parte della famiglia delle piante di Loganiaceae.

La pianta cresce in spazi aperti e ampi ed è nativa del Sud-Est asiatico, dell’India e dell’Australia.

L’albero ha un tronco corto e spesso e presenta foglie ovali che sono lunghe da 5 a 7 cm.

I fiori della pianta fioriranno durante i mesi più freddi e sono molto profumati.

L’albero contiene un frutto che ha dimensioni simili ad una piccola mela con un guscio duro e liscio.

Il frutto appare verde, ma diviene arancione quando matura.

Strychnos nux-vomica
La pianta presenta frutti arancioni quando sono maturi

La polpa del frutto contiene cinque semi duri che contengono gli alchilidi molto amari, la brucina e la stricnina.

La stricnina, come detto, è talvolta usata per uccidere animali come roditori, volpi e animali selvatici ed è considerato un veleno letale per l’uomo in dosi da 30 mg a 120 mg.

Secondo gli esperti, la brucina è meno velenosa, tuttavia, è nota per causare paralisi nervosa motoria periferica.

Nel Medioevo, la Nux Vomica era un rimedio naturale per curare la peste.

Sebbene sia ancora oggi usato nella medicina tradizionale cinese e nella medicina erboristica, la vomica a base di erbe non deve essere assunta in dosaggi superiori a 30 mg o più, per più di una settimana.

L’assunzione di oltre 30 mg possono causare effetti collaterali quali:

  • rigidità del collo e dei tendini,
  • vertigini,
  • ansia,
  • irrequietezza,
  • convulsioni,
  • spasmi muscolari,
  • problemi respiratori,
  • insufficienza epatica
  • in dosi eccessive la morte.

La vomica a base di erbe non deve essere utilizzata nei soggetti con condizioni epatiche gravi o su donne incinte.

Piccole dosi del seme, della corteccia o dei fagioli Strychnos nux-vomica vengono utilizzati come:

  • diuretici,
  • stimolanti dell’appetito
  • il trattamento di emicrania,
  • insonnia,
  • malattie degli occhi,
  • problemi digestivi
  • varie malattie cardiache.

Le preparazioni a base di erbe provenienti dai semi di vomica nocciolata secca vengono utilizzate per tinture, estratti liquidi e compresse.

Acquistare la Nux Vomica a base di erbe da produttori riconosciuti è buona norma, poiché è stato segnalato l’avvelenamento accidentale da stricnina.

Benefici della Nux Vomica

Il fondatore dell’omeopatia, il dottor Samuel Hahnemann, dimostrò l’efficacia della Nux Vomica nel 1805.

Questa sostanza fu poi descritta nel suo libro, la Materia Medica Pura.

Da quel momento, la Nux Vomica è divenuta un rimedio molto importante nella medicina omeopatica.

Il rimedio omeopatico è più adatto per l’insonnia, disturbi digestivi, effetti della sbornia, problemi di salute delle donne, freddo e influenza, mal di testa e stress emotivo.

È anche usato per problemi a carico della vescica, condizioni epatiche, problemi di prostata, ictus, vertigini e svenimenti, dolori alla schiena, asma e allergie e sensibilità alimentare.

Le persone che necessitano dell’assunzione della Nux Vomica sono inclini anche a sintomi come l’ipocondria e temono la folla, gli insetti e i fallimenti.

Vantaggi della Nux vomica

Alcune persone ritengono che la Nux Vomica abbia proprietà antinfiammatorie.

Gli antinfiammatori sono usati per trattare condizioni che vengono peggiorate da infiammazioni, come reumatismi, asma o emorroidi.

Uno studio recente ha scoperto che la Nux Vomica è efficace nel ridurre l’infiammazione nelle zampe del ratto.

Altri studi hanno dimostrato che questa sostanza contiene potenti antiossidanti che proteggono dai radicali liberi, sostanze chimiche presenti nel corpo che possono danneggiare le cellule.

Si ritiene inoltre che anche  i fiori della Nux Vomica abbiano proprietà antibatteriche.

Secondo uno studio, queste proprietà potrebbero essere vantaggiose per l’uso in antisettici.

È necessario però condurre ulteriori ricerche.

La Nux Vomica viene, quindi, utilizzata soprattutto per:

  • Disfunzione erettile e impotenza.
  • Malattie dello stomaco e dell’intestino.
  • Disturbi del cuore e del sistema ematico.
  • Anemia
  • Malattie dell’occhio.
  • Disturbi a carico del sistema nervoso.
  • Depressione.
  • Emicrania.
  • Malattia polmonare.
  • Stimolare l’appetito.
  • Altre condizioni.

Ulteriori prove sono necessarie per valutare l’efficacia della Nux Vomica per questi usi.

Effetti collaterali della Nux Vomica

La Nux vomica non è totalmente sicura; assumendola per più di una settimana, o in quantità maggiori di 30 mg o più, può causare gravi effetti collaterali.

Alcuni di questi effetti collaterali includono l’irrequietezza, l’ansia, la vertigini, la rigidità del collo e della schiena, spasmi delle mascelle e dei muscoli del collo, convulsioni, problemi respiratori, insufficienza epatica e morte.

Precauzioni ed avvertenze speciali

Alcune persone sono particolarmente a rischio per effetti collaterali tossici.

Questi effetti collaterali sono particolarmente pericolosi se si dispone di una delle seguenti condizioni:

Gravidanza e allattamento: l’assunzione della Nux Vomica può causare danni alla madre e al bambino.

Malattia del fegato: la stricnina contenuta in questa sostanza può causare danni al fegato o rendere peggiore la malattia epatica.

Controindicazioni

Non si dovrebbe usare la Nux Vomica se si soffre di malattie epatiche, in quanto può causare danni al fegato.

Questo principio attivo non deve essere somministrato in alte dosi, né usato come trattamento a lungo termine.

Nux Vomica
Benefici per molte malattie e patologie

Non rispettare queste precauzioni può causare gravi sintomi, tra cui:

  • irrequietezza
  • ansia
  • vertigini
  • rigidità
  • insufficienza epatica
  • problemi respiratori
  • convulsioni.

I potenziali effetti collaterali neurologici della Nux Vomica sono molto gravi.

Gli effetti negativi possono portare a situazioni molto gravi e rischiose per questo, i centri per il controllo e la prevenzione delle malattie, considerano questa sostanza come altamente pericolosa.

 

Per approfondire:

http://www.reckewegcomics.com/omeopatia/rimedi-omeopatici/nux-vomica-rimedio-omeopatico/

https://www.greenme.it/vivere/salute-e-benessere/22280-nux-vomica

 

Problemi con le analisi cliniche? Invia una domanda nel FORUM: è gratis
Risposta entro 24 ore