SCINTIGRAFIA OSSEA : a cosa serve e come si esegue

La scintigrafia ossea è una tecnica di imaging della medicina nucleare dell'osso che consente di diagnosticare una serie di condizioni tra cui il cancro dell'osso o metastasi, infiammazioni fosse, fratture e numerose infezioni ossee. Si avvale di farmaci radioattivi leggeri e ha poche controindicazioni. Ecco come si esegue e come si leggono i risultati.

Che cosa è una scintigrafia ossea?

Una scansione ossea è un test di imaging.

Utilizza in modo sicuro una piccola quantità di farmaci radioattivi (radiofarmaci) per aiutare a diagnosticare i problemi legati alle ossa.

Una scintigrafia ossea, quindi, è una tecnica di imaging della medicina nucleare dell’osso.

Può aiutare a diagnosticare una serie di condizioni ossee, tra cui il cancro dell’osso o metastasi, la posizione dell’infiammazione ossea e delle fratture (che non possono essere visibili nelle immagini tradizionali a raggi X) e numerose infezioni ossee.

La medicina nucleare fornisce un’immagine funzionale e permette la visualizzazione del metabolismo osseo o del rimodellamento osseo, che la maggior parte delle altre tecniche di imaging (come la tomografia computerizzata a raggi X e la TAC) non possono analizzare con cura.

La scintigrafia ossea concorre con la tomografia ad emissione di positroni (PET) per l’imaging di un metabolismo anomalo nelle ossa, ma è notevolmente meno costosa.

La scintigrafia ossea ha una maggiore sensibilità ma una specificità più bassa rispetto ad altre tecniche, per la risoluzione e l’analisi di alcune patologie.

In particolare, questo test è eseguito per rivelare problemi con il metabolismo osseo.

Il metabolismo osseo si riferisce al processo in cui le ossa si rompono e si ricostruiscono.

La nuova formazione dell’osso fa parte di quel processo di guarigione in cui le ossa devono ricostituirsi.

La scansione ossea è un ottimo modo per visualizzare e documentare l’attività metabolica anomala nelle ossa.

Una scansione ossea può essere utilizzata, anche, per determinare se un eventuale presenza di cancro si è diffuso alle ossa, proveniente da un’altra zona del corpo, come la prostata o il seno.

Durante una scansione ossea, un farmaco radioattivo (metilen-difosfonato coniugato con 99mTc, detto anche 99mTc-MDP) viene iniettato in vena e tende, grazie alle sue proprietà farmacologiche, a legarsi al tessuto osseo.

Verrà quindi monitorato per diverse ore.

Perché viene eseguita una scintigrafia ossea?

Il medico può ordinare una scintigrafia ossea nei casi in cui pensa ci siano problemi legati alle ossa.

Una scansione ossea può anche aiutare a trovare la causa di qualsiasi dolore osseo inspiegabile.

Le scintigrafie ossee possono rivelare problemi associati alle seguenti condizioni:

  • Artrite;
  • Necrosi avascolare (quando il tessuto osseo muore per mancanza di sangue);
  • Tumori ossei;
  • Cancro che si è diffuso all’osso da altre parti del corpo;
  • Displasia fibrosa (una condizione che causa un anomalo tessuto cicatriziale che cresce al posto dell’osso normale);
  • Fratture;
  • Infezione che coinvolge l’osso;
  • La malattia di Paget dell’osso (una malattia che causa ossa deboli e deformi).
scintigrafia ossea risultati
La procedura di screening effettiva dura circa un’ora. Il medico, inoltre, potrebbe iniettare un sedativo lieve per aiutare a rilassare i soggetti più ansiosi.

Quali sono i rischi di una scintigrafia ossea?

Una scansione ossea non comporta alcun rischio maggiore rispetto ai raggi X convenzionali.

I traccianti del farmaco radioattivo usati in una scintigrafia ossea producono un’esposizione di radiazioni molto scarsa.

Anche il rischio di reazione allergica ai traccianti è molto basso.

Tuttavia, il test può essere non sicuro per le donne in gravidanza o in fase di allattamento.

Esiste un rischio di lesioni al feto e contaminazione del latte materno, quindi, è sempre buona norma informare il proprio medico curante se è in stato di gravidanza o allattamento.

Come ci si prepara per una scintigrafia ossea?

Una scintigrafia ossea non richiede alcuna preparazione speciale. Prima della scansione, il medico o un assistente sanitario, chiederà di togliere tutti gli oggetti in metallo, compresi i piercing, dal corpo.

La procedura di screening effettiva dura circa un’ora. Il medico, inoltre, potrebbe iniettare un sedativo lieve per aiutare a rilassare i soggetti più ansiosi.

Come viene eseguita una scintigrafia ossea?

La procedura inizia con un’iniezione di farmaco radioattivo nel braccio.

Il farmaco, quindi, viene lasciato fissare alle zone bersaglio, attraverso il corpo per due o quattro ore. A seconda del motivo della scansione ossea, il medico potrebbe iniziare il test immediatamente.

Non appena il farmaco radioattivo si diffonde attraverso il corpo, le cellule dell’osso naturalmente gravitano in aree che necessitano di riparazione e, quindi, il farmaco radioattivo segue queste cellule e si raccoglie in punti dove l’osso è danneggiato.

Dopo il tempo sufficiente, il medico utilizzerà una gamma camera, una telecamera speciale per eseguire la scansione delle ossa.

Le aree danneggiate, dove il farmaco radioattivo si è depositato, appariranno come macchie scure sullo schermo.

Il medico può ripetere il processo di iniezione e di imaging se il primo esame non è stato determinante.

Potrebbe, inoltre, anche ordinare una tomografia computerizzata con emissione di singolo fotone (SPECT), un esame simile alla scintigrafia ossea, tranne per il processo di imaging, che mostra immagini in 3D delle proprie ossa.

È necessaria una SPECT, solo, se il medico ha bisogno di analizzare più in profondità le ossa o se le immagini originali della scintigrafia ossea non erano chiare in determinate aree.

scintigrafia ossea scheletro
I risultati di una scintigrafia ossea sono considerati normali quando il farmaco radioattivo è distribuito uniformemente in tutto il corpo

Risultati della scintigrafia ossea

I risultati di una scintigrafia ossea sono considerati normali quando il farmaco radioattivo è distribuito uniformemente in tutto il corpo; ciò significa che probabilmente non si hanno problemi gravi alle ossa.

I risultati sono considerati anomali quando la scansione mostra “macchie calde” più scure o “punti freddi” più chiari nelle ossa.

Le macchie calde descrivono i luoghi in cui si è accumulato un eccesso di farmaco, mentre i punti freddi sono quelle aree in cui il farmaco radioattivo non si è affatto raccolto.

Risultati anormali possono indicare che si ha un disturbo osseo, come il cancro o l’artrite.

Complicazioni di una scintigrafia ossea

Una scintigrafia ossea non provoca effetti collaterali o complicazioni.

La maggior parte del tracciante radioattivo viene eliminato ed espulso dal corpo entro 24 ore. Piccole quantità possono rimanere fino a tre giorni.

Mentre il test può aiutare ad identificare eventuali problemi nel metabolismo delle ossa, non riesce necessariamente a spiegare le cause.

Potrebbe essere necessario sottoporsi, infatti, ad ulteriori test se la scintigrafia ossea ha mostrato anomalie.

scintigrafia ossea osteosarcoma
Una scintigrafia ossea non richiede alcuna preparazione speciale

Storia della scintigrafia ossea

Alcune delle prime indagini sul metabolismo scheletrico sono state eseguite da George de Hevesy negli Anni Trenta, utilizzando il fosforo-32.

Negli Anni Cinquanta e Sessanta, il calcio-45 è stato studiato, ma come emettitore beta ha rivelato numerose difficoltà nelle analisi delle immagini.

È stato più utile l’imaging di emettitori positroni e gamma come Fluorine-18 e isotopi dello stronzio con scanner rettilinei.

L’uso di fosfati, difofonati o agenti analoghi di Technetium-99m (99mTc), esattamente quelli utilizzati nella tecnica moderna, è stato proposto per la prima volta nel 1971.

Principio farmacologico della scintigrafia ossea

Il radiofarmaco più comune per la scintigrafia ossea è 99mTc con metilfosfonato (MDP).

Questo farmaco radioattivo adsorbisce sul minerale cristallino idrossiapatitico dell’osso.

La mineralizzazione avviene in osteoblasti, che rappresentano siti di crescita ossea. Alcuni tumori, fratture e infezioni si presentano come aree di maggiore assorbimento.

Tecnica effettiva della scintigrafia ossea

In una tipica tecnica di scansione ossea, al paziente viene iniettato (di solito in una vena del braccio o della mano, talvolta del piede) fino a 740 MBq di technetium-99m-MDP e quindi scansionato con una telecamera gamma.

La telecamera cattura l’anteriore planare e posteriore o singole immagini fotografiche con emissione di tomografia computerizzata (SPECT).

Per visualizzare piccole lesioni, la tecnica di imaging SPECT può essere preferita sulla scintigrafia ossea.

In un solo protocollo di fase (relativa alle sole immagini dello scheletro), che evidenziano in primo luogo gli osteoblasti, le immagini vengono di solito acquisite 2-5 ore dopo l’iniezione (dopo quattro ore il 50-60% del farmaco sarà fissato ai punti bersaglio delle ossa).

Un protocollo a due o tre fasi utilizza ulteriori scansioni in punti diversi dopo l’iniezione per ottenere ulteriori informazioni diagnostiche.

Una dinamica (cioè fotogrammi multipli acquisiti) che studia immediatamente dopo l’iniezione cattura le informazioni di perfusione, mentre, una seconda fase dopo la perfusione (se eseguita in una tecnica trifase) può aiutare a diagnosticare le condizioni infiammatorie o problemi di approvvigionamento di sangue.

Una tipica dose efficace ottenuta durante una scansione ossea è di 6,3 millisievert (mSv).

[bbp-single-tag id=1505]

Problemi con le analisi cliniche? Invia una domanda nel FORUM: è gratis
Risposta entro 24 ore