Home Alimentazione ZENZERO : proprietà, impiego, benefici

ZENZERO : proprietà, impiego, benefici

Lo zenzero è un ingrediente comune della cucina asiatica e indiana. Si tratta di una radice che può essere consumata fresca, in polvere, essiccata come spezia, in forma oleosa o come succo. Generalmente lo zenzero è ben tollerato, ma può essere controindicato per alcune sue interferenze con determinati tipi di farmaci, come gli anti-coagulanti

Lo zenzero è un ingrediente comune della cucina asiatica e indiana; tuttavia,viene utilizzato in particolare per le sue proprietà medicinali, da secoli da molte culture.

Il suo largo e diffuso uso in ambito medico riguarda l’alleviamento dei sintomi più comuni legati a problemi digestivi, quali nausea, perdita di appetito e infiammazioni di vario genere.

La radice della pianta, definita rizoma, può essere consumata fresca, in polvere, essiccata come spezia, in forma oleosa o come succo.

Lo zenzero fa parte della famiglia delle Zingiberaceae, una famiglia di piante angiosperme in cui vi si trovano anche il cardamomo e la curcuma, comunemente diffuse in India, in Giamaica, nelle isole Fiji, in Indonesia e in Australia.

Proprietà dello zenzero

Lo zenzero viene utilizzato per le sue proprietà medicinali da secoli ed è buona norma ricordare che il consumo di frutta e verdura di tutti i tipi, di cui ne fa parte anche questo prodotto, è stato a lungo associato ad un rischio ridotto di contrarre molte patologie legate a uno stile di vita scorretto.

Molti studi hanno suggerito che l’aumento del consumo di alimenti vegetali come questa radice diminuisca il rischio di obesità, diabete, malattie cardiache e mortalità complessiva.

zenzero radice
La radice della pianta può essere consumata fresca, in polvere, essiccata come spezia, in forma oleosa o come succo

Benefici dello zenzero

Ecco alcuni benefici dello zenzero:

  • Contro i problemi digestivi
    I composti fenolici contenuti nello zenzero sono noti per aiutare ad alleviare l’irritazione gastrointestinale, stimolare la saliva e la produzione di bile e sopprimere le contrazioni gastriche.
  • Ottimo rimedio contro la nausea
    Masticare lo zenzero grezzo o sorseggiare una bevanda a base di questo prodotto è un comune rimedio domestico contro la nausea durante il trattamento chemioterapico di varie tipologie di cancro.
  • Riduzione del dolore
    Uno studio condotto dall’Università della Georgia ha dimostrato che l’assunzione quotidiana dello zenzero, in qualsiasi forma, riduce del 25% il dolore muscolare indotto dall’esercizio fisico.
    Inoltre, è comprovato che questo prodotto è utile per ridurre i sintomi della dismenorrea (dolore intenso durante il ciclo mestruale), tanto che in uno studio condotto su alcuni individui  che hanno assunto capsule a base di zenzero, queste hanno riportato netti miglioramenti dei sintomi legati alla dismenorrea.
  • Contro le infiammazioni di varia natura
    Lo zenzero è stato usato per secoli per ridurre infiammazioni di varia natura e trattare alcune condizioni infiammatorie patologiche.
    Uno studio scientifico di recente conduzione ha rilevato che un integratore a base di radice di zenzero somministrato ad alcuni partecipanti volontari al test, ha ridotto i marker di infiammazione nel colon nell’arco di un mese.
    Lo zenzero, inoltre, è utilissimo per il trattamento dell’infiammazione associata all’osteoartrosi.

Il tè allo zenzero

Può aiutare ad alleviare la nausea e a mantenere costante la temperatura corporea, in situazioni di basse temperature esterne.
Le donne in gravidanza che soffrono di nausee mattutine, per esempio, possono assumere in tutta sicurezza lo zenzero per alleviare la sintomatologia legata al vomito.
Nei periodi freddi, bere un tè allo zenzero può essere un ottimo rimedio per riscaldarsi. Inoltre, questo alimento è noto per essere diaforetico: promuove la sudorazione e, quindi, l’espulsione di tossine in eccesso.
Per realizzare un tè allo zenzero fatto in casa, bisogna immergerne 40 grammi tagliati a rondelle in una tazza di acqua calda.

zenzero te
Il te allo zenzero è noto per essere diaforetico: promuove la sudorazione e, quindi, l’espulsione di tossine in eccesso

Profilo nutrizionale

L’uso di zenzero fresco è un modo semplice per gustare cibi e bevande senza aggiungere prodotti contenenti sodio, poco utili per l’organismo.

Dal momento che, questo prodotto, viene spesso consumato in piccole dosi, non aggiunge quantità significative di calorie, carboidrati, proteine o fibre.

Lo zenzero contiene numerosi altri composti antinfiammatori e antiossidanti che offrono molti benefici per la salute come gingeroli, beta-carotene, capsicina, acido caffeico, curcumina e salicilato.

Vitamine e sali minerali contenuti in 100 grammi di zenzero:

  • Carboidrati – 17,77 g
  • Fibra alimentare – 2 g
  • Proteine – 1,82 g
  • Zuccheri – 1,7 g
  • Sodio – 13 mg
  • Vitamina B6 – 0,16 mg
  • Calcio – 16 mg
  • Vitamina C – 5 mg
  • Potassio – 415 mg
  • Magnesio – 43 mg
  • Fosforo – 34 mg
  • Zinco – 0,34 mg
  • Folato – 11 mcg
  • Riboflavina – 0,034 mg
  • Niacina – 0,75 mg
  • Ferro – 0,6 mg

Come inserire lo zenzero nella propria dieta

Lo zenzero è un prodotto molto versatile che viene utilizzato in varie pietanze a base di diversi tipi di frutti di mare, arance, melone, maiale, zucca e mele.

Prima di acquistare questo prodotto, è buona norma cercare una radice che presenta una buccia liscia e tesa (senza tagli e ammaccature) e un profumo intenso e speziato.

Ricordate di conservare lo zenzero fresco in un sacchetto di plastica sigillato, nel frigorifero o nel congelatore.

Lo zenzero fresco deve essere sbucciato o grattugiato prima dell’uso.

Nella maggior parte delle ricette, un cucchiaino di zenzero macinato può essere sostituito con un cucchiaio di zenzero grattugiato fresco e nella maggior parte degli esercizi commerciale è possibile trovarlo secco nel banco spezie e fresco nel banco frigo o di frutta e verdura.

zenzero cubetti
Lo zenzero è un prodotto molto versatile che viene utilizzato in varie pietanze a base di diversi alimenti

Potenziali rischi per la salute

Lo zenzero naturale è sicuro per la maggior parte delle persone e causa scarsi effetti collaterali noti; tra questi, può esacerbare i sintomi legati al reflusso acido in alcune persone.

L’efficacia e gli effetti collaterali degli integratori a base di zenzero variano a seconda del marchio e della formulazione.

Interazioni legate al consumo dello zenzero

I farmaci anticoagulanti interagiscono con lo zenzero, che prodotto potrebbe rallentare la coagulazione del sangue e aumentare le probabilità di lividi e sanguinamento.

Alcuni farmaci che rallentano la coagulazione del sangue includono l’aspirina, il clopidogrel (Plavix), il diclofenac (Voltaren, Cataflam, altri), l’ibuprofene (Advil, Motrin, altri), il naproxene (Anaprox, Naprosyn, altri), la dalteparina (Fragmin), l’enoxaparina, l’eparina, il warfarin (Coumadin) e altri.

I farmaci per il diabete (farmaci antidiabetici) interagiscono con lo zenzero, in rari casi; questo prodotto potrebbe ridurre lo zucchero nel sangue.

I farmaci assunti per ridurre la pressione sanguigna interagiscono con lo zenzero, in rari casi; questo prodotto potrebbe ridurre la pressione sanguigna in concomitanza con l’assunzione di tali farmaci, per cui lo zenzero potrebbe causare una pressione sanguigna troppo bassa o un battito cardiaco irregolare.

[bbp-topic-index]