Home Malattie BIPOLARISMO sintomi principali, diagnosi e terapie.

BIPOLARISMO sintomi principali, diagnosi e terapie.

Il bipolarismo è un disturbo mentale caratterizzato da movimenti estremi dell’umore.

Questa patologia comporta fluttuazioni energetiche e livelli di attività incostanti.

Durante questi turni anormali, il paziente ha difficoltà a completare le attività quotidiane.

Inoltre, il bipolarismo è noto come disturbo bipolare o come malattia maniacale, una grave malattia mentale che può distruggere i rapporti, minare le prospettive di carriera e pregiudicare seriamente le prestazioni accademiche e soprattutto, di vita.

Le associazioni medico-psicologiche affermano che questi stati emotivi possono diventare così schiaccianti, che i pazienti che ne sono affetti possono optare per il suicidio.

Bipolarismo: cos’è

I pazienti affetti da bipolarismo alternano episodi di estrema euforia (mania) a episodi di depressione maggiore.

Questo è il motivo per cui, chi è affetto da disturbo bipolare, presenta una grave oscillazione dell’umore: dalla depressione alla mania e di solito, gli stati d’animo e le emozioni sono normali tra i picchi del disturbo.

Ovviamente, il disturbo bipolare non ha niente a che fare con gli alti e bassi che tutti noi sperimentiamo nella vita.

Questo stato mentale è molto più grave, debilitante e classificato come grave malattia mentale.

Fortunatamente, è curabile, e con il trattamento adeguato e e la giusta terapia farmacologica, i pazienti possono condurre una vita normale, piena e produttiva.

Un’alta percentuale al mondo è affetta da bipolarismo e più della metà di tutti i casi inizia quando i pazienti hanno un’età compresa tra i 15 e i 25 anni, allo stesso modo per maschi e femmine.

Bipolarismo: le cause

La maggior parte degli esperti concorda sul fatto che il disturbo bipolare non ha alcuna causa specifica comune in tutti i pazienti.

Questa malattia, spesso, è più probabile che sia il risultato di molti fattori che agiscono in contemporanea:

  • Genetica: alcuni studi hanno indicato che vi è un contributo genetico al rischio di contrarre maggiormente il disturbo bipolare.
  • Caratteri biologici: gli esperti affermano che i pazienti con disturbo bipolare mostrano spesso cambiamenti fisici nel loro cervello.
  • Squilibrio cerebrale e chimico: gli squilibri dei neurotrasmettitori cerebrali svolgono un ruolo chiave in molti disturbi dell’umore, compreso il disturbo bipolare.
  • Problemi ormonali: gli squilibri ormonali possono causare bipolarismo.
  • Fattori ambientali: abusi, stress mentale, perdite significative o altri eventi traumatici possono contribuire al rischio di contrarre il disturbo bipolare.

Bipolarismo: i sintomi principali

I sintomi che potrebbero presentarsi durante episodi maniacali o ipomanici, includono:

  • Una sensazione di estrema euforia.
  • Un esagerato senso di autostima.
  • Valutazioni e opinioni del paziente compromesse.
  • Il paziente parla molto e rapidamente.
  • I pensieri corrono rapidamente e a volte, vengono formulate idee bizzarre e messe in atto.
  • In questa fase, l’individuo può essere estremamente impegnato in comportamenti rischiosi, a volte aggressivi, compresa la promiscuità (libido superiore), abuso di droga e/o alcool e partecipazione ad attività pericolose.
  • Il paziente può sperperare denaro per cose futili ed essere facilmente distratto.
  • Perdita del lavoro o blocco scolastico.

Sintomi durante gli episodi depressivi:

  • Una sensazione di disperazione e tristezza cupa.
  • Nei casi gravi, il paziente pensa al suicidio.
  • Insonnia e problemi di sonno.
  • Ansia e attacchi di panico.
  • Sentirsi in colpa per qualsiasi cosa.
  • Assumere cibo a seconda di alcuni modelli comportamentali, alcuni pazienti mangiano di più, altri mangiano meno.
  • Perdita o aumento di peso.
  • Stanchezza estrema, debolezza e affaticamento.
  • Incapacità di sentire piacere con attività o interessi che di solito sono apprezzati.
  • Minima attenzione.
  • Irritazione che potrebbe essere causata da rumori, odori, abbigliamento e altre azioni che generalmente sarebbero tollerate o ignorate.
  • Alcuni pazienti non sono in grado di affrontare il lavoro o la scuola.

In entrambi gli episodi maniacali e depressivi è possibile che si presentino episodi di psicosi.

Durante questi momenti delicati, i pazienti non differenziano la fantasia dalla realtà.

I sintomi della psicosi possono includere delusioni e allucinazioni.

Bipolarismo: la diagnosi

Uno psichiatra o uno psicologo basa la propria diagnosi sulle esperienze anomale del comportamento del paziente.

Questa valutazione si basa sui racconti riferiti dallo stesso paziente,  dai membri della famiglia, dagli amici stretti, i colleghi di lavoro e gli insegnanti, nonché sintomi secondari rilevati da altri operatori sanitari.

Una serie di esami diagnostici fisici possono essere prescritti dopo aver effettuato un esame fisico, inclusi esami del sangue sangue e delle urine.

Ci sono tre tipi di disturbo bipolare:

1) Bipolarismo di I grado
E’ presente almeno un episodio maniacale o episodi misti, con o senza episodi depressivi precedenti.

La maggior parte dei pazienti ha avuto almeno un episodio depressivo.

Essi devono anche escludere i disturbi dell’umore clinico che non sono associati al disturbo bipolare, come il disturbo schizofrenico, il disordine delirante o qualche altro disturbo psicotico.

2) Bipolarismo di II grado
Il paziente ha subito uno o più episodi di depressione e almeno un episodio ipomaniaco.

Uno stato ipomanico è meno grave di quello maniacale.

Durante un episodio ipomanico il paziente dorme molto meno, è molto competitivo e pieno di energia.

A differenza degli episodi maniacali, durante uno stato ipomanico, non esistono sintomi di psicosi o di grandiosità.

3) Bipolarismo di tipo ciclotimico o ciclotimia
Questo è visto come una forma più lieve di bipolarismo. Ci sono numerosi disturbi dell’umore.

Spesso questo stato presenta attacchi di sintomi ipomanici che si alternano a periodi di depressione moderata o lieve.

A livello di base, un paziente con ciclotimia può sentirsi stabile, ma passerà attraverso notevoli fluttuazioni che coinvolgono diverse emozioni contrastanti durante gli episodi ipomanici.

Questi stati si alternano con sintomi simili alla mania (ma meno severi) e stati emozionali con sintomi depressivi, ma non abbastanza gravi.

Bipolarismo: le terapie

Lo scopo del trattamento per il disturbo bipolare è quello di ridurre al minimo la frequenza degli episodi maniacali e depressivi.

Le terapie hanno lo scopo ridurre la gravità dei sintomi degli stessi, in modo che il paziente possa condurre una vita relativamente normale e produttiva.

Se i sintomi non vengono trattati, un attacco di depressione o di mania può persistere fino ad un anno.

Tuttavia, con i trattamenti adeguati si osservano miglioramenti già nei primi 3-4 mesi.

I cambiamenti di umore possono ancora verificarsi nei pazienti che ricevono un trattamento continuo.

Tuttavia, se il paziente lavora a stretto contatto con un team di supporto psicoterapeutico, il trattamento è di solito molto più efficace.

Il trattamento per il disturbo bipolare comprende una combinazione di diverse terapie, che possono includere farmaci e interventi fisici e psicologici:

  • Ricovero ospedaliero: questo è molto meno comune oggi, ma se il medico ritiene che esista il rischio che il paziente possa nuocere a se stesso o ad altri, il ricovero ospedaliero può essere di grande supporto.
  • Il carbonato di litio: questo è farmaco a lungo termine più comunemente prescritto per trattare episodi a lungo termine di depressione, mania e ipomania. I pazienti assumono solitamente il litio per almeno 6 mesi. Gli esperti affermano, infatti, che l’adeguatezza del trattamento è vitale per la buona riuscita della terapia.
Bipolarismo
Bipolarismo – patologia di squilibrio comportamentale

Altri trattamenti includono:

  • Anticonvulsivanti: talvolta prescritti per trattare episodi di mania.
  • Antipsicotici: compresi aripiprazolo, olanzapina e risperidone, prescritti se il comportamento è molto disturbato e i sintomi risultano molto gravi.
  • Valproato-litio: ovvero, un farmaco stabilizzatore dell’umore che il medico può raccomandare in combinazione con litio, valproato e lamotrigina.
  • Psicoterapia: l’obiettivo è quello di alleviare i sintomi principali, aiutare il paziente ad identificare e riconoscere gli episodi chiave, minimizzare la negatività nei rapporti, riconoscere i primi sintomi che indicano l’inizio di un episodio e lavorare sui fattori che aiutano a mantenere la “normalità” per periodi più duraturi.
  • Terapia comportamentale cognitiva: la psicoeducazione e la terapia focalizzata sulla famiglia sono i trattamenti più efficaci nel prevenire le ricadute. La terapia ritmica interpersonale e sociale, così come quella comportamentale cognitiva, può anche aiutare con i sintomi depressivi.

Problemi con le analisi cliniche? Invia una domanda nel FORUM: è gratis
Risposta entro 24 ore