Home Analisi del sangue ALZHEIMER : sintomi principali, diagnosi e prevenzione

ALZHEIMER : sintomi principali, diagnosi e prevenzione

L’ Alzheimer è una malattia progressiva del cervello che causa problemi con la memoria, il ragionamento, il comportamento e le capacità motorie. I sintomi del morbo di Alzheimer lentamente peggiorano nel corso del tempo, e la malattia è in ultima analisi fatale.

Alzheimer : le origini

L’ Alzheimer è una malattia progressiva del cervello che causa problemi con la memoria, il ragionamento, il comportamento e le capacità motorie. I sintomi del morbo di Alzheimer lentamente peggiorano nel corso del tempo, e la malattia è in ultima analisi fatale.

La malattia nota come Alzheimer, prende il nome dallo psichiatra e neuropatologo tedesco Alois Alzheimer che per primo ha studiato gli effetti di questa patologia nel 1906.

Egli descrisse nelle sue opere i sintomi e gli aspetti neuropatologici della malattia che ha poi preso il suo nome, analizzando la degenerazione dovuta alle placche ed ai viluppi neuro-fibrillari del cervello.

Alzheimer : la patologia

La malattia di Alzheimer non è né infettiva né contagiosa, è la forma più comune di demenza, che è una patologia che determina la perdita di funzionamento e comportamentali capacità cognitive che interferisce con la vita quotidiana.

Altre forme di demenza comprendono la demenza vascolare, la demenza con corpi di Lewy e la demenza fronte-temporale. Ognuna di queste malattie ha una propria serie di sintomi specifici.

Il rischio di sviluppare l’ Alzheimer aumenta notevolmente con l’età. A partire dai 65 anni, secondo le statistiche dell’organizzazione mondiale della sanità, il rischio di sviluppare il morbo di Alzheimer raddoppia ogni cinque anni, raggiungendo quasi il cinquanta per cento dagli 85 anni.

Quando la malattia inizia prima dei 65 anni, è conosciuto come ad esordio precoce o anche insorgenza giovanile dell’ Alzheimer.

La causa e lo sviluppo della malattia di Alzheimer non sono ancora stati spiegati completamente. I ricercatori hanno trovato delle connessioni tra la malattia e la comparsa di placche amiloidi e gli ammassi neuro-fibrillari che si sviluppano nel cervello, ma la causa primaria della degenerazione non è stata ancora scoperta.

Alzheimer : fattori scatenanti noti

Le statistiche relative agli studi dell’ Alzheimer hanno fornito un elenco dei fattori di rischio, tuttavia, nessuno dei seguenti può essere il solo elemento scatenante o motivante della patologia:

  • Età – superati i 65 anni, risulta che circa una persona su venti può contrarre la malattia, mentre sotto i 65 la contrae solo persona su mille. Studi recenti sembrano suggerire che problemi legati all’età come l’arteriosclerosi possano essere fattori di rischio importanti. Inoltre, considerata l’attuale durata media della vita, si prevede che i malati di Alzheimer aumenteranno in modo assoluto nel prossimo decennio.
  • Cardiaca e vascolare, tra cui ictus
  • Sesso – Le statistiche rilevano che le donne tendono a contrarre la malattia più degli uomini. Tale dato può essere, tuttavia, ingannevole, perché le donne vivono mediamente più a lungo degli uomini. Ciò significa che, a parità di durata della vita e in assenza di altre cause di morte, il numero di uomini affetti da malattia di Alzheimer potrebbe essere equivalente a quella delle donne.
  • Isolamento sociale – La depressione e l’isolamento sociale sono fattori di rischio per la malattia di Alzheimer. Per contro, non ci sono prove che suggeriscono che gli antidepressivi, che riducono queste condizioni, hanno un effetto positivo sulla malattia.
  • Sonno – Con l’età, il ciclo sonno/veglia comincia a variare significativamente, soprattutto nei soggetti anziani che iniziano a dormire sempre meno. Gli studiosi stanno prendendo in considerazione la correlazione tra la perdita cronica di sonno negli adulti giovani e di mezza età con l’incremento di rischio di Alzheimer.
  • Trauma cranico – è stato chiarito che traumi cerebrali provocano un aumento del rischio per la malattia di Alzheimer, così come altre malattie neurodegenerative, tra cui l’encefalopatia traumatica di Parkinson e cronica.
  • Elevati livelli di stress – è stato dimostrato che lo stress può accelerare la patologia di Alzheimer nei modelli animali. La ricerca non è ancora stata condotta per esaminare questo effetto sull’uomo
  • Fattori genetici – L’ Alzheimer sembra essere un carattere dominante solo in poche delle famiglie studiate. I membri di queste famiglie sembrano ereditare da uno dei genitori la parte di DNA (struttura genetica) che causa tale malattia. In particolare è stato rilevato un collegamento tra il cromosoma 21 e la malattia di Alzheimer. Tale cromosoma è lo stesso che determina la sindrome di Down e, di fatti, risulterebbe che questi soggetti hanno maggiori probabilità di ammalarsi se raggiungono la mezza età, anche se non appaiono tutti i sintomi della malattia. Inoltre si è stabilito che nei soggetti che ereditano una copia della variante del gene APOE4, che si trova in circa un quarto della popolazione, avranno una probabilità di contrarre l’ Alzheimer fino a quattro volte di più di individui normali. Nel caso un soggetto abbia ereditato due copie (uno da ciascun genitore) avrà unl rischio fino a dieci volte. I fattori genetici noti rappresentano una piccola percentuale dei casi di Alzheimer studiati, tuttavia la ricerca corrente indica che l’influenza genetica sia sempre più rilevante. Molti geni sono attualmente in fase di studio per il loro ruolo nella malattia. In particolare gli studiosi si stanno concentrando sui geni Presenilina 1 e 2, che sembrano essere la causa dello sviluppo iniziale dell’ Alzheimer.
  • fattori minori– Neurotossine ed infezioni cerebrali.

Alzheimer : i sintomi e fasi della malattia

L’ Alzheimer colpisce le aree del nostro cervello che sono specializzate nella memoria e in alcune funzioni di coordinamento del pensiero, della parola e, nel progredire della malattia, le attività motorie.

La malattia può causare principalmente confusione, alterazioni dell’umore e disorientamento spazio-temporale. Inizialmente i sintomi possono essere spesso sottovalutati perché considerati irrilevanti sia per il potenziale malato che per le persone che vivono al suo fianco.

Alzheimer
Alzheimer- malattia degenerativa fatale

Con il progredire dell’ Alzheimer, i sintomi diventano sempre più chiari cominciano ad impattare sensibilmente tutte le attività quotidiane e le relazioni interpersonali.

Alzheimer : Fase iniziale

Uno dei primissimi sintomi dell’ Alzheimer è la difficoltà nella formazione di nuovi ricordi – quello che sembra essere la perdita di memoria a breve termine. Altri segni precoci possono essere confusione nel percepire i luoghi, ad esempio non riconoscendo un ambiente familiare o sentirsi perso in luoghi noti. Altri sintomi evidenti sono la difficoltà nell’articolare il linguaggio e soprattutto nell’utilizzo di specifiche parole e problemi con la matematica di base.

Alzheimer : Fase Moderata

Con l’evoluzione dell’ Alzheimer si presentano altri sintomi che tenderanno gradualmente a peggiorare. È importante però ricordare che questa malattia colpisce i pazienti anche in modi completamente diversi.

Questa fase dura di solito da 2 a 4 anni. I sintomi includono:

  • Minore energia e autonomia per le attività quotidiane
  • Meno interesse per il lavoro e le attività sociali e maggiore tempo seduti, guardare la TV, o dormire
  • Perdita di ricordi recenti, come le conversazioni e gli eventi dimenticando che è appena successo
  • Problemi di linguaggio, come difficoltà a tradurre i pensieri in parole o capire gli altri
  • Lievi problemi di coordinamento, problemi di scrittura o utilizzando oggetti di uso comune.
  • Momenti difficili delle attività quotidiane, come gestire eventi improvvisi o fare attività non usuali
  • Sbalzi d’umore anche relativi a fenomeni depressivi o una mancanza di concentrazione
  • Problemi con la guida, come perdersi nei tragitti usuali

Quando una persona ha uno o più di questi problemi, che non significa necessariamente che abbia contratto l’ Alzheimer.

Ci sono altre condizioni mediche che possono causare gli stessi problemi, come ad esempio:

  • il metabolismo, come un problemi di tiroide
  • uso di droghe
  • assunzione di farmaci che non devono essere presi contestualmente
  • morbo di Parkinson
  • Stress
  • Depressione

Un medico può verificare questi sintomi e fare test per sapere se una persona ha il morbo di Alzheimer o qualcos’altro.

Alzheimer : Fase centrale

Questa fase dell’ Alzheimer può durare da 2 a 10 anni, nella quale il paziente mostra un peggioramento di questi sintomi, la perdita della lettura e della scrittura, difficoltà con compiti motori complessi, e la perdita di memoria precedentemente intatti a lungo termine. È anche più comune in questa fase per vedere cambiamenti nel comportamento e della personalità.

In questa fase dell’ Alzheimer il paziente può iniziare a dimenticare dettagli sulla sua vita, tra i quali: dove è andato a scuola o quando si è sposato. Egli può non riconoscere o non ricordare alcuni membri della famiglia o amici.

Il paziente potrebbe anche dimenticare dove lasciato degli oggetti e non è in grado di ritrovarli.

Altri sintomi in questa fase possono includere:

  • Sproloquio
  • problemi ad utilizzare le parole giuste
  • gestire momenti difficili o risolvere problemi
  • perdere il senso del tempo o del luogo. Il paziente può perdersi in luoghi abituali, soprattutto perché non ricorda come e perché sia giunto in quel luogo.
  • vestirsi in modo non adeguato al clima
  • arrabbiarsi o turbarsi facilmente, anche contro i familiari o gli operatori sanitari
  • disturbi del sonno
  • sonnambulismo
  • deliri, come pensare che la badante voglia fargli del male

Alcune persone con il morbo di Alzheimer moderata diventano anche più consapevoli del fatto che stanno perdendo il controllo della propria vita, e questo li rende ancora più frustrati e depressi.

Alzheimer : Fase finale

Nelle ultime fasi del morbo di Alzheimer, la persona avrà una capacità molto ridotta nel parlare, una grave perdita di memoria e scarsa mobilità. Si manifestano forti cambiamenti comportamentali come apatia e inattività. Le persone nella fase finale dell’ Alzheimer hanno i seguenti sintomi:

  • confusione su ciò che è nel passato e ciò che sta accadendo ora
  • difficoltà di espressione, di ricordare, o di elaborare le informazioni
  • problemi di deglutizione, controllo della loro vescica e intestino
  • perdita di peso, convulsioni, infezioni della pelle, e di altre malattie
  • sbalzi d’umore estremi
  • allucinazioni

Per i pazienti affetti da Alzheimer la causa più comune di morte è la polmonite, perché il progredire della malattia porta ad un deterioramento del sistema immunitario e a perdita di peso, accrescendo il pericolo di infezioni della gola e dei polmoni.

Alzheimer : la prevenzione

Mentre non vi è alcuna cura per la malattia di Alzheimer, si possono adottare le seguenti misure per ridurre i rischi e aumentare la salute generale.

  • Esercizio fisico – studi hanno rivelato un possibile ruolo protettivo dell’esercizio fisico, soprattutto se tale attività è effettuata con continuità da molti anni. Gli studi hanno inoltre rivelato che nelle persone anziane che avevano effettuato una maggiore attività fisica quando erano di mezza età, si riduceva fortemente il rischio di demenza e l’insorgenza dell’ Alzheimer. L’esercizio fisico infatti può migliorare le funzioni cerebrali, stimolando il flusso di sangue nelle aree del cervello della memoria, e l’esercizio aerobico è consigliabile per non meno di 3-6 ore alla settimana.
  • Dieta – Una dieta che è benefica per il cuore ed è generalmente utilissima per il cervello. Non esistono dati pubblicati affidabili per suggerire che una qualsiasi dieta è migliore di un’altra per la prevenzione dell’ Alzheimer o migliorarne i sintomi una volta contratta la malattia. Viceversa nella mezza età l’obesità fa aumentare in modo significativo le probabilità di contrarre una forma di demenza. Per quanto riguarda gli alimenti specifici: Il vino rosso è stato associato con un po’ ‘diminuzione del rischio per l’Alzheimer se assunto con moderazione (un bicchiere al giorno).
  • Apprendimento e studio – La costruzione di nuove sinapsi (connessioni tra le cellule nervose del cervello) contribuiranno a eseguire il backup di quelle esistenti. Ciò si ottiene imparando nuovi concetti e cose nuove, ma non semplicemente effettuando giochi mentali.
  • Attività sociale – La gestione continua delle relazioni è importante. Il mantenimento di una vita sociale attiva aiuterà a prevenire il declino cognitivo.

Alzheimer : terapie sperimentali

Al momento, nessun trattamento per l’Alzheimer è in grado di fermare o rallentare il processo della malattia. In generale i farmaci approvati mirano a ridurre i sintomi e ad essere efficaci in modo blando e solo per un limitato periodo di tempo.

Di conseguenza, la gestione di Alzheimer non può basarsi solamente sui farmaci, ma anche sull’assistenza di un personale specializzato, ed un attento monitoraggio dei sintomi, facendo scelte di stile di vita in base alle esigenze del paziente.

I farmaci utilizzati fino ad oggi agiscono riducendo la velocità con cui l’acetilcolina, un neurotrasmettitore chiave, viene ripartito, aumentando così la sua concentrazione nel cervello e compensandone la perdita causata dalla morte dei neuroni. Teoricamente, questi farmaci dovrebbero aumenta l’attività cerebrale consentendo ai neuroni di comunicare e inviare segnali tra loro.

Di tanto in tanto, il medico può prescrivere un farmaco diverso per il trattamento di un sintomo specifico; per esempio: sonno, ansia o altri sintomi della patologia.

Per Approfondire:

http://www.curealz.org/alzheimers-disease/treatment-and-support
http://www.alz.org/
http://www.nhs.uk/Conditions/Alzheimers-disease/Pages/Symptoms.aspx
http://www.alzheimer.it/
http://www.webmd.com/alzheimers/guide/understanding-alzheimers-disease-symptoms#2

Problemi con le analisi cliniche? Invia una domanda nel FORUM: è gratis
Risposta entro 24 ore