Home Malattie OCCHIO DI PERNICE : come si forma, come curarlo

OCCHIO DI PERNICE : come si forma, come curarlo

Con occhio di pernice si individua un gruppo eterogeneo di disturbi caratterizzati da assottigliamento e ispessimento della pelle tra le dita dei piedi. E' un disturbo più grave che fastidioso, che può essere curato con farmaci o con la chirurgia a seconda della gravità. Può essere prevenuto con semplici accorgimenti: ecco quali.

L’occhio di pernice costituisce un gruppo eterogeneo di disturbi caratterizzati da assottigliamento e ispessimento della pelle tra le dita dei piedi degli individui che ne sono colpiti.

Cosa provoca la formazione dell’occhio di pernice

L’occhio di pernice significa semplicemente incorrere in una condizione di ispessimento della pelle.

Questo ispessimento avviene come un meccanismo di difesa naturale che rafforza la pelle in aree di attrito o di pressione eccessiva.

L’anatomia anomala dei piedi, compresa la deformità del piede o delle punte, può portare alla formazione dell’occhio di pernice, così come di calli e duroni.

Calzature troppo corte o troppo strette o che esercitano attrito in punti specifici sono, anche, una causa comune di ispessimento della pelle che porta a questa condizione sfavorevole.

Possono essere delle cause, anche, le anomalie nell’andamento o nel movimento che comportano una maggiore pressione in aree specifiche del piede.

Può essere difficile riuscire a capire il motivo per cui si sviluppa l’occhio di pernice, in quanto spesso potrebbe non apparire in zone di pressione ovvia o di sfregamento.

Il termine medico per la pelle ispessita che forma il cosiddetto occhio di pernice è l’ipercheratosi plantare, conosciuto anche come tiloma.

L’occhio di pernice si presenta su parti della pianta del piede, tra le dita e sulla parte superiore delle dita.

Spesso doloroso, anche quando è di piccole dimensioni, a differenza dei calli si presenta solo sui piedi:

  • Sulla pianta del piede (suola o superficie plantare), sopra l’arco metatarsale (la “sfera” del piede);
  • Sulla parte esterna delle dita, dove avviene lo strofinamento contro la scarpa.

Fattori di rischio per la formazione dell’occhio di pernice

Come accennato in precedenza, qualsiasi condizione o attività che comporta un maggiore attrito sulle dita o sulla pianta dei piedi, può provocare lo sviluppo dell’occhio di pernice.

Persone di tutte le età possono essere colpite, ma sono particolarmente comuni nelle persone di età superiore ai 65 anni e negli atleti.

L’occhio di pernice interessa circa il 65% delle persone in qualsiasi fascia d’età.

Alcuni dei fattori di rischio sono:

  • Anormalità nell’anatomia dei piedi o delle dita dei piedi;
  • Anomalie nell’andatura e nella camminata;
  • Borsiti;
  • Scarpe poco aderenti;
  • Utilizzo di apparecchiature, strumenti o macchinari che esercitano pressione su luoghi specifici delle dita e della pianta dei piedi;
  • Alcune professioni specifiche, come agricoltori o atleti professionisti.
occhio di pernice pomice
L’occhio di pernice è un meccanismo di difesa naturale che rafforza la pelle in aree di attrito o di pressione eccessiva

Sintomatologia della presenza dell’occhio di pernice

Spesso, l’occhio di pernice comporta:

  • Ispessimento delle zone di pelle interessate;
  • Presenza di un tiloma antiestetico, secco e duro;
  • Dolore e fastidio, che portano alla riduzione e alla problematicità nel condurre le normali attività quotidiane.

Trattamenti medici e rimedi domestici per combattere l’occhio di pernice

L’occhio di pernice può essere trattato con l’utilizzo di molti tipi di prodotti medici, con prescrizione e non, che chimicamente tendono a ridurre la pelle spessa e morta.

Molti prodotti sono disponibili per l’uso, esattamente come numerosi rimedi domestici.

Questi prodotti condividono tutti lo stesso principio attivo, ovvero l’acido salicilico, l’ingrediente utilizzato nei prodotti di eliminazione di calli, duroni e, ovviamente, dell’occhio di pernice.

L’acido salicilico è un cheratolitico, il che significa che scioglie la proteina (cheratina) che costituisce gran parte dei tilomi e dello strato spesso di pelle morta che spesso si forma.

I prodotti a base di acido salicilico sono delicati e sicuri per la maggior parte delle persone.

I trattamenti con acidi salicilici sono disponibili in diverse forme, tra cui:

  • applicato;
  • gocce;
  • pomate;
  • unguenti.

Tutti questi trattamenti sono in grado di eliminare gradualmente l‘occhio di pernice e consentono di eliminare il tessuto morto in eccesso, riducendo il tiloma e, quindi, il dolore e il fastidio.

Controindicazioni

Generalmente l’acido salicilico non è raccomandato per pazienti affetti da diabete o quando si presenta una pelle fragile o con una scarsa circolazione.

In queste situazioni, l’applicazione dell’acido salicilico può portare alla formazione di ulcere sulla pelle.

Un professionista sanitario o un medico specialista, possono aiutare a determinare se i prodotti a base di acido salicilico sono sicuri per l’uso di ogni singolo individuo e situazione.

occhio di pernice rimozione
Se l’occhio di pernice dovesse risultare d oloroso e non rispondesse al trattamento con acido salicilico, si consiglia di rivolgersi a un medico

E’ buona norma, inoltre, non tentare di tagliare o distruggere l’occhio di pernice con metodi fai-da-te, perché questo può portare a un’infezione potenzialmente pericolosa dei tessuti circostanti.

Quest’azione deve essere eseguita da un podologo o da un altro professionista del settore sanitario.

Un professionista sanitario può anche prescrivere antibiotici per eventuali tilomi o formazioni infette.

Quando rivolgersi a un medico per l’occhio di pernice

Se l’occhio di pernice dovesse risultare fastidioso e/o doloroso e non rispondesse al trattamento con acido salicilico e al taglio, si consiglia di rivolgersi a un medico o a un podologo che possano asportarlo chirurgicamente.

I podologi possono, inoltre, prescrivere dispositivi ortopedici per ridistribuire il peso sui piedi, in modo che la pressione delle ossa del piede non si concentri sull’occhio di pernice.

Le solette imbottite a scomparsa sono un rimedio che si adatta a tutti e potrebbe non essere efficace.

Le persone che presentano pelle fragile o scarsa circolazione nei piedi (tra cui molti pazienti affetti da condizioni come il diabete o la malattia arteriosa periferica) devono consultare il proprio medico curante appena incorrono nella formazione di calli, duroni, tilomi e occhio di pernice.

Inoltre, dovrebbero cercare immediatamente un trattamento medico adeguato se l’occhio di pernice mostra segni di infezione (ad esempio l’aumento del dolore, la presenza di pus o di altri drenaggi, gonfiori e rossore).

La rimozione chirurgica dell’occhio di pernice è raramente necessaria. Quando questa condizione viene rimossa chirurgicamente, la pressione o lo sfregamento che hanno causato la formazione del tiloma, potrebbero reincorrere se la causa non venisse rimossa o ridotta.

Quando necessario, la chirurgia per l’occhio di pernice comporta la graffiatura dell’osso sottostante o la correzione di qualsiasi deformità che provoca pressione o frizione indebita sulla pelle.

Medici specialisti nella cura dell’occhio di pernice

Gli specialisti della cura primaria, compresi gli specialisti della medicina interna e della medicina generale, trattano l’occhio di pernice.

I podologi e i podiatri, medici specializzati nella gestione dei disturbi del piede, trattano anche l’occhio di pernice. I chirurghi possono anche trattare questa condizione.

occhio di pernice cerotti
Sono utili i cuscinetti a schiuma con fori nel centro che ridistribuiscono la pressione intorno all’occhio di pernice

Prognosi dell’occhio di pernice

L’occhio di pernice non è una condizione grave e può essere gestita con rimedi domestici o trattamenti medici blandi.

La chirurgia è raramente necessaria; tuttavia, anche con trattamenti adeguati, l’occhio di pernice potrebbe ripresentarsi se c’è un’ulteriore pressione o attrito sulla zona interessata.

L’occhio di pernice è una condizione benigna che non aumenta il rischio di cancro della pelle o di altre gravi condizioni.

Prevenzione dell’occhio di pernice

In molte situazioni, l’occhio di pernice può essere prevenuto riducendo o eliminando le circostanze che portano ad una maggiore pressione su punti specifici dei piedi.

Le misure preventive potenziali includono:

  • Indossare scarpe comode;
  • Riempire l’area potenzialmente interessata; molti tipi di imbottitura e di solette sono disponibili presso rivenditori autorizzati;
  • Cuscini da mettere tra le dita dei piedi;
  • Schiuma o cuscinetti da posizionare sulle zone dove si forma l’occhio di pernice;
  • Cuscinetti a schiuma con fori nel centro (a forma di ciambelle), che ridistribuiscono la pressione intorno all’occhio di pernice, invece che al di sopra;
  • Solette imbottite per appoggiare i piedi e alleviare la pressione meccanica.

[bbp-topic-index]