Home Malattie DERMATITE SEBORROICA : cause, sintomi e cure

DERMATITE SEBORROICA : cause, sintomi e cure

La dermatite seborroica è un'infiammazione cutanea che si crea sulle aree ricche di sebo del cuoio capelluto, del viso e del tronco ed è anche conosciuta come seborrea. Colpisce spesso i neonati ed è più fastidiosa che grave

111
CONDIVIDI

La dermatite seborroica è un’infiammazione cutanea cronica che può peggiorare e migliorare spontaneamente e causa un’eruzione di tipo eczema che comunemente colpisce porzioni del capo e del tronco superiore del corpo.

La dermatite seborroica è infatti un disordine papulosquamoso che si crea sulle aree ricche di sebo del cuoio capelluto, del viso e del tronco. Questa patologia è anche conosciuta come seborrea.

Oltre al sebo, questa dermatite è legata al Malassezia (un fungo presente nel sebo naturalmente), ad anomalie immunologiche e all’attivazione del complemento immunologico.

La gravità della dermatite seborroica varia dalla presenza di una forfora lieve al vero e proprio eritroderma esfoliativo, spesso con rossore persistente e desquamazione.

Fasi della dermatite seborroica

I risultati della storia comune del decorso della dermatite seborroica possono comprendere quanto segue:

  • Fasi intermittenti, attive che si manifestano con bruciore, arrossamento e prurito, alternate a periodi inattivi; l’attività si aggrava in inverno e in primavera, con diminuzione che si verifica comunemente in estate. Questo può essere dovuto all’esposizione alla luce del sole ed alle temperature alte della stagione sulla Malassezia
  • In fasi attive, potenziali infezioni secondarie nelle aree intertriginose e sulle palpebre
  • Sovrapposizione micotica e candidale
  • Eritrodermia seborroica generalizzata (rara).

    Dermatite seborroica
    La dermatite si manifesta anche in zone particolarmente ricche di sebo come la fronte

Fattori di rischio della dermatite seborroica

Anche se quasi tutti i pazienti affetti da dermatite seborroica sono generalmente sani, sembra esserci un’associazione con patologie a carico del sistema nervoso centrale e con l’AIDS.

Cause della dermatite seborroica

Le cause della dermatite seborroica sono poco note. Poiché questa condizione si presenta in aree di produzione di sebo, la pelle grassa può essere un fattore che porta questa patologia.

Inoltre, sembra che molti pazienti affetti da dermatite seborroica abbiano una crescita eccessiva di un normale lievito cutaneo (Pityrosporum o Malassezia) nelle aree colpite, ma se questo comune microrganismo può davvero essere un fattore scatenante della dermatite seborroica o sia solo un fenomeno secondario, resta ancora da determinare.

L’efficacia dei farmaci antifungini topici nel controllo di questa malattia ha infatti portato alla conclusione che si possa trattare di una condizione fungina. Tuttavia, questa teoria non è ancora stata accertata.

Quindi, che cosa esattamente provochi la dermatite seborroica non è ancora una certezza medica, ma sembra essere una combinazione di fattori, tra cui:

  • stress
  • condizione genetica
  • un lievito che normalmente vive sulla pelle
  • alcune condizioni mediche in corso
  • assunzione di  alcuni farmaci
  • temperature rigide e secche.

I neonati e gli adulti di età compresa tra i 30 e i 60 anni hanno maggiori probabilità di sviluppare la dermatite seborroica, ma è più comune negli uomini che nelle donne e in pazienti con casi di pelle grassa. Inoltre, queste condizioni mediche possono aumentare il rischio:

Sintomi della dermatite seborroica

La forfora e la pelle arrossata e irritata sono i sintomi più comuni per la dermatite seborroica.

Nei neonati di circa 3 mesi, spesso si presenta sotto forma di crosticine scure o gialle sul cuoio capelluto che di solito spariscono prima che i piccoli raggiungano un anno di età, anche se potrebbero ripresentarsi nella pubertà.

La dermatite seborroica appare in particolare sul viso, specialmente intorno al naso, sulle palpebre o dietro le orecchie; ma può presentarsi, anche, in altre parti del corpo:

  • nella parte centrale del petto
  • intorno all’ombelico
  • sui glutei
  • nelle pieghe della pelle sotto le braccia e sulle gambe
  • nell’inguine
  • sotto il seno.

Nei neonati, la dermatite seborroica potrebbe essere confusa con una semplice irritazione, conseguenza da rash da pannolino.

Dermatite seborroica
Attenzione a non confondere la dermatite seborroica neonata con altri rash cutanei

E’ bene, perciò, capire bene come si presenta questa patologia: la pelle da prurito, brucia e si arrossa. Le crosticine, che potrebbero essere presenti, si manifestano di colore bianco o giallastro, umide e/o oleose.

I risultati fisici, quindi, possono includere:

  • l’aspetto del cuoio capelluto, che va da lievi piaghette irregolari a croste diffuse, spesse e molto resistenti: le placche sono molto rare e le lesioni possono diffondersi dal cuoio capelluto alla fronte, dalla parte posteriore del collo alla pelle postauricolare
  • lesioni cutanee seborroiche che si manifestano come profonde scanalature sulla pelle arrossata e infiammata
  • ipopigmentazione
  • croste con sensazione di calore e prurito
  • blefarite: infiammazione delle palpebre che si verifica in modo indipendente
  • distribuzione delle lesioni in quasi tutte le zone grasse, nei capelli, sul capo e sul callo
    prolungamento della pelle submentale.

Poiché la dermatite seborroica, può essere confusa con altre condizioni cutanee molto simili, quanto prima si dovrebbe consultare il proprio medico di famiglia per avere una diagnosi certa e un conseguente trattamento giusto.

Il dermatologo, medico specialista nel trattamento di questa patologia, chiederà la propria storia medica e familiare e osserverà l’epidermide tramite un esame fisico e visivo; inoltre, potrebbe essere necessario eseguire ulteriori test se il medico pensa che ci sia una correlazione con un’altra condizione patologica.

Diagnosi della dermatite seborroica

La diagnosi della dermatite seborroica è di solito effettuata su studi clinici basati sulla storia del paziente, generalmente sull’indagine dei periodi di maggiore aggressività e diminuzione della gravità dei sintomi e sulla distribuzione delle parti del corpo coinvolte, tramite un esame visivo.

Può essere necessaria una biopsia cutanea in pazienti con eritroderma esfoliativo e una coltura fungina può essere utilizzata per escludere la tinea capitis, sebbene sia molto rara, ma comporti una sintomatologia molto simile.

I risultati dermatopatologici della dermatite seborroica sono non specifici e includono tipicamente:

  • ipercheratosi: aumento dello strato epiteliale
  • acantosi: anormale sviluppo delle papille dermiche con strati epidermici molto spessi, con o senza deposito di pigmento croste accentuate e diffuse
  • spongiosi focale: piccole cavità nello spessore dell’epidermide
  • paracheratosi: inspessimento dell’epitelio.
Dermatite-seborroica
La barba lunga spesso può favorire la comparsa di dermatite seborroica

Trattamento della dermatite seborroica

A volte, la dermatite seborroica sparisce naturalmente; più spesso, invece, dura per tutta la vita o può durare per anni, ma di solito è possibile controllarla con una cura costante della pelle.

Gli adulti che presentano dermatite seborroica sul proprio cuoio capelluto possono utilizzare uno shampoo antiforfora che contiene uno di questi ingredienti chiave per tenere sotto controllo la sintomatologia della patologia:

  • Catrame di carbone
  • Ketoconazolo
  • Acido salicilico
  • Solfuro di selenio
  • Pyrithione di zinco.

Per i neonati, invece, il trattamento ideale per il cuoio capelluto affetto dovrebbe essere delicato e  costante, utilizzando semplicemente acqua calda e shampoo per bambini.

Se questo trattamento non tende ad alleviare i sintomi, è buona norma rivolgersi al proprio pediatra per avere un giusto trattamento poco aggressivo ma efficace; infatti, lo shampoo antiforfora per adulti potrebbe irritare il cuoio capelluto del neonato.

Per ammorbidire le crosticine spesse è utile strofinare dell’olio minerale sulla zona e spazzolare delicatamente.

Sul viso e sul corpo, bisognerà sempre tenere le aree interessate dalla dermatite seborroica pulite e lavate con sapone delicato e acqua ogni giorno, costantemente. La luce solare può fermare la crescita degli organismi fungini che infiammano la pelle, quindi le attività all’aperto potrebbero contribuire alla scompasa dell’eruzione cutanea.

Altri trattamenti includono:

  • applicazione di prodotti antifungini
  • lozioni di corticosteroidi
  • shampoo medicati sotto prescrizione medica
  • prodotti a base di zolfo.

Spesso i migliori risultati provengono da una combinazione di trattamenti, sia farmacologici sia riguardanti repentini cambiamenti nel proprio stile di vita.

Trattamenti e rimedi naturali per la dermatite seborroica

E’ possibile controllare la dermatite seborroica con cambiamenti di stile di vita e rimedi domestici; molti di questi trattamenti e rimedi naturali, sono disponibili in prodotti che non richiedono prescrizione medica, ma potrebbe essere necessario provarne di diversi o una combinazione di questi, prima che si presentino miglioramenti.

I seguenti trattamenti possono aiutare a controllare e gestire la dermatite seborroica:

  • ammorbidire e rimuovere le crosticine dai capelli, applicando olio minerale o olio d’oliva sul cuoio capelluto
  • lavare regolarmente la pelle
  • evitare i saponi con Ph acido e utilizzare un idratante
  • applicare una crema di corticosteroidi delicata
  • evitare i prodotti che contengono alcool
  • indossare abiti in materiali non aggressivi, per non aggravare l’irritazione
  • evitare di grattarsi
  • pulire delicatamente le palpebre.


Ovviamente, l’approccio migliore per ognuno dipende da caso a caso: dal tipo di pelle, dalla gravità della condizione e della sintomatologia presente su cuoio capelluto o altre aree del corpo interessate dalla dermatite seborroica.

Problemi con le analisi cliniche? Invia una domanda nel FORUM: è gratis
Risposta entro 24 ore