MINIAS : indicazioni d’uso ed effetti collaterali

Il Minias è un farmaco che fa parte della categoria delle benzodiazepine, i medicinali che hanno una funzione sia sedativa sia ipnotica. E' utilizzato per trattare l'insonnia, ma è consigliabile esclusivamente quando il disturbo del sonno è particolarmente grave. Ecco le indicazioni d'uso, la posologia e gli effetti collaterali.

Introduzione al Minias: di cosa si tratta

Il Minias è un prodotto farmaceutico che fa parte della categoria delle benzodiazepine, ossia dei medicinali che hanno una funzione sia sedativa che ipnotica.

Tali caratteristiche lo rendono un medicinale ideale per trattare l’insonnia, ma esso è consigliabile esclusivamente quando il disturbo del sonno è particolarmente grave.

Esso è anche noto come Lormetazepam e nel tempo ha mostrato la capacità di ridurre l’attività motoria molto elevata, riuscendo a garantire il sonno quando questo si perde per problematiche legate all’ansia.

Al risveglio non causa ulteriore sonnolenza o sedazione, quindi termina il suo effetto durante la durata del sonno.

Per comprendere al meglio tutto ciò che è legato al Minias, analizziamo ora le dosi consigliate e le modalità con cui deve essere utilizzato.

Risponderemo poi alle domande relative alle sue controindicazioni, ai possibili effetti collaterali e ai farmaci che entrando in interazione con esso sono in grado di modificarne l’effetto.

minias codeina
La codeina può influire negativamente sull’effetto del Minias

Dosi e modalità d’uso consigliate

La dose consigliata per una persona adulta è pari a 1 o 2 compresse da un 1 mg, a meno che non vi sia una diversa prescrizione da parte del medico.

Essendo questo farmaco sotto forma di compresse ha la peculiarità di poter essere divisibile in due parti e ciò agevola la somministrazione della dose ottimale da assumere.

Il Minias deve essere preso accompagnato da un po’ di acqua, senza masticarlo in alcun modo e mezz’ora prima di mettersi a letto.

Il trattamento del Minias ha un durata circoscritta nel tempo e il suo dosaggio può essere diminuito piano piano prima di concludere tale periodo, che deve essere in ogni caso il più breve possibile e stabilito dal medico.

In generale può variare per un lasso di tempo che va da qualche giorno fino a due settimane, potendosi ancora estendere fino ad un massimo di quattro se ordinato dal medico.

Per quanto riguarda i bambini e i ragazzi sotto i 18 anni, tale farmaco non deve essere utilizzato, salvo prescrizione apposita, mentre negli anziani la dose singola massima è di una compressa.

Nel caso di assunzione per oltre due settimane, l’uso di questo farmaco non deve essere interrotto in modo brusco, per evitare il ripresentarsi dei disturbi del sonno.

Procedere quindi sempre ad una diminuzione del dosaggio graduale prima di chiudere il trattamento.

L’eventuale sovradosaggio, causato dall’ingestione di una dose eccessiva di Minias, richiede l’immediato avvertimento del medico e costringe a recarsi alla più vicina struttura ospedaliera.

Non dovrebbe comunque comportare conseguenze che possono mettere a repentaglio la vita, tranne nel caso di assunzione congiunta con l’alcol. I sintomi di un sovradosaggio sono:

  • eccessiva stanchezza
  • disturbi e offuscamento della visione
  • offuscamento dei sensi e della ragione
  • forte confusione mentale.

Minias insonnia
Il Minias viene utilizzato per trattare l’insonnia particolarmente grave

Controindicazioni: quando il Minias non deve essere usato?

Questo farmaco non deve essere usato nel caso in cui il paziente sia allergico al lormetazepam o ad uno qualunque degli altri suoi componenti.

Stesso discorso vale se il paziente è una donna in gravidanza o si trova in stato di allattamento, ma anche se si sta semplicemente pianificando di avere un bambino.

Tale situazione deve sempre essere monitorata e avallata dal medico perché potrebbero verificarsi effetti negativi sulla salute del neonato, come ad esempio:

  • ipotermia
  • bassa pressione del sangue
  • leggera difficoltà respiratoria
  • perdita del tono muscolare.

Il Minias possiede controindicazione anche nei casi in cui una persona soffra di una grave disfunzionalità muscolare (la cosiddetta miastenia), di atassia spinale e cerebellare, che si sostanzia in un disturbo che influisce sulla coordinazione dei movimenti.

Inoltre, bisogna ricordare che questo medicinale contiene lattosio, quindi in caso di intolleranza ad esso (o anche ad alcuni zuccheri) diagnosticata è necessario comunicarlo al medico.

Altre controindicazioni attengono alla presenza di una grave insufficienza respiratoria, o a un’insufficienza epatica.

Lo stesso discorso vale se si soffre di:

  • sindrome da apnea durante la notte
  • glaucoma
  • intossicazione diffusa, legata ad analgesici o all’uso eccessivo di alcol
  • insufficienza renale
  • insufficienza cardiaca
  • ipotensione.

In ogni caso, la cosa più saggia da fare è sempre quella di chiedere un parere al proprio medico prima di assumere tale medicinale.

Una delle cose a cui prestare maggiore attenzione è la possibilità di condurre il paziente ad avere una dipendenza dal prodotto sia dal punto di fisico sia da quello psichico.

Per questo, chi nella sua vita ha già avuto precedenti di abuso di alcol o droghe deve evitarne l’utilizzo.

Quali effetti indesiderati si possono verificare assumendo il Minias?

Anche questo medicinale può causare degli effetti indesiderati a chi lo usa, anche se non tutte le persone li manifestano.

Più nello specifico si possono verificare sintomi come:

  • stato di coscienza depressivo
  • forte mal di testa
  • capogiri
  • debolezza muscolare diffusa
  • visione doppia,
  • angioedema della pelle del volto, della lingua e delle labbra.

Non sono da escludere nemmeno conseguenze legate all’ansia, alla tachicardia, ai disturbi del linguaggio o a compiere azioni come ad esempio urinare.

Da non dimenticare il prurito, la riduzione della forza muscolare, l’avvertimento di uno stato di costipazione e il presentarsi di un eccesso di sudorazione.

Fra gli effetti indesiderati più rari, ma che comunque vi è la possibilità di avvertire, si segnalano:

  • reazioni anafilattiche e allergiche
  • aumento della fosfatasi alcalina
  • allucinazioni
  • vertigini
  • possibilità di fare numerosi incubi
  • orticaria
  • eruzioni cutanee
  • diminuzione della libido.

Ovviamente al presentarsi di anche solo uno di questi effetti appena elencati è necessario rivolgersi al medico o in alternativa al farmacista per avere un chiarimento e risolvere prontamente al meglio il problema.

E’ importante fare attenzione anche al fatto che questo farmaco può influenzare negativamente la capacità di guidare un veicolo o usare dei macchinari.

Può infatti causare sedazione o alterazione sia della concentrazione sia della funzione dei propri muscoli.

Questa problematica può essere amplificata nel caso in cui le ore di sonno fatte non siano sufficienti per il proprio corpo.

Minias allucinazioni
Tra gli effetti indesiderati del Minias possono esserci le allucinazioni

DAL NOSTRO FORUM : discussioni su MINIAS

Quali farmaci potrebbero alterare l’effetto di questo medicinale?

Può avere degli effetti negativi sull’uso del Minias l’interazione con altre tipologie di psicofarmaci o con medicinali che possono portare a deprimere la funzione respiratoria.

Nel primo caso si tratta di alcuni medicinali che concentrano la loro azione sul sistema nervoso centrale.

Quando essi entrano in contatto con il Minias, venendo cioè assunti in contemporanea, si possono verificare pessimi effetti indesiderati anche gravi, per cui è bene tenere il proprio medico informato da questo punto di vista.

Nel secondo caso si tratta di farmaci in grado di produrre effetti negativi sulla funzione respiratoria.

Si pensi ad esempio agli oppioidi, ai farmaci contro la tosse, agli analgesici e agli antidolorifici.

Essi, soprattutto nelle persone anziane, possono portare sgradevoli conseguenze, come ad esempio degli scompensi cardiaci o altre tipologie di problematiche alla salute.

Problemi con le analisi cliniche? Invia una domanda nel FORUM: è gratis
Risposta entro 24 ore

Davide P.
Giornalista professionista, da 20 anni opera sul web. Ha lavorato nelle maggiori realtà internet del Paese ricoprendo ruoli di elevata responsabilità. Attualmente opera come consulente editoriale per progetti digitali nazionali e internazionali

Potrebbe interessarti anche

Testato esame del sangue che trova il tumore 4 anni prima che si manifesti

Diagnosi precoce: uno studio dimostra che è possibile identificare 5 tipi di cancro in persone asintomatiche, molto prima rispetto alle tecniche attuali

ORMONE DELLA CRESCITA (GH): ecco come funziona

L'ormone GH, conosciuto anche come ormone somatotropo, somatotropina o, ormone della crescita, è un ormone di natura peptidica costituito da 191 aminoacidi. Questo ormone viene...

TEMPO DI PROTROMBINA : cosa è, cosa significa

Cosa è La protrombina, o fattore II, è una proteina sintetizzata dal fegato e contenuta all’interno del sangue: svolge una fondamentale funzione all’interno del processo...

Articoli correlati

ZOLOFT : psicofarmaco contro ansia e depressione

Lo Zoloft, il cui principio attivo è la sertralina, è uno psicofarmaco che appartiene alla categoria degli inibitori selettivi della ricapitolazione della serotonina. Esso si...

ENTEROGERMINA : uso ed effetti collaterali – FOGLIETTO ILLUSTRATIVO

ENTEROGERMINA, CHE COSA E'? Enterogermina è un medicinale da banco, che non necessità cioè di prescrizione medica per essere acquiistato, facilmente reperibile in farmacie e parafarmacie,...

PUNTI NERI : cosa sono, come si formano, come eliminarli

Che cosa sono i punti neri? I punti neri sono minuscole protuberanze che compaiono sulla pelle quando un follicolo pilifero si ostruisce a causa del...

EPILESSIA : cause, cure, soggetti a rischio

L’epilessia è una sindrome neurologica determinata da una anomala attività elettrica di un’area più o meno ampia del cervello. Questo disturbo, che può essere cronico...

Fibrosi cistica: sintomi diagnosi e cure

La fibrosi cistica è una delle malattie genetiche gravi più diffuse che colpisce diversi organi, alterandone le secrezioni. A essere maggiormente compromessi fin dalle...