Home Malattie TORCICOLLO : cause e cure tra medicina e omeopatia

TORCICOLLO : cause e cure tra medicina e omeopatia

Il torcicollo è un disturbo che si manifesta con il collo rigido, difficoltà a girare la testa da un lato e spesso con dolore che si estende dal collo alla spalla o al braccio e cefalea. Vi sono diversi rimedi naturali e farmacologici per curarlo o prevenirlo. Eccoli spiegati, insieme ai principali sintomi.

Torcicollo, di che cosa si tratta?

Il torcicollo è un disturbo che si manifesta con il collo rigido, difficoltà a girare la testa da un lato e che spesso si manifesta anche con dolore che si estende dal collo alla spalla o al braccio e mal di testa.

Torcicollo, cause

Familiarità, sforzi intensi, attività fisica particolare come il nuoto che porta a girare continuamente la testa, colpi di freddo, sono alcune possibili cause dell’insorgenza del torcicollo.

Il muscolo elevatore della scapola è soggetto a lesioni e distorsioni a causa di una scorretta postura, ad esempio dormire in posizione scomoda, infortuni sportivi e stress che apportano tensioni alla zona del collo.

torcicollo rimedi
Immergersi con tutto il collo in un bagno caldo in cui sono state sciolte 2 tazze di sali di Epsom può essere utile contro il torcicollo

Torcicollo, sintomi

  • Mal di testa
  • Dolore alla spalla
  • Spalla rigida
  • Difficoltà a girare la testa se non muovendo tutto il busto

Torcicollo, trattamenti e cure

  • Il riposo e quindi evitare sforzi insieme ad impacchi caldi o freddi alternati che riducono l’infiammazione rappresentano la cura migliore per il disturbo i cui tempi di recupero variano in base a come viene gestito. Di solito il torcicollo scompare in poco tempo.
  • Gli antinfiammatori aiutano efficacemente a lenire il dolore e può essere di supporto anche qualche esercizio di stretching che aiuta a sciogliere le rigidità e riporta il collo nella sua condizione normale.
  • Praticare un’attività aerobica a basso impatto come la camminata aiuta a far circolare più ossigeno nei tessuti molli accelerando in tal modo la guarigione.
  • Buona abitudine è quella di dormire con la testa su un cuscino basso e stabile per evitare torsioni innaturali del collo.
  • Evitare di indossare il collare e lasciare il collo libero di muoversi.
  • Se si avverte difficoltà a girare la testa evitare di guidare l’auto.
  • Per sciogliere la rigidità del collo e aumentarne la mobilità può essere utile svolgere alcuni esercizi come piegare la testa di lato e in alto e contemporaneamente tirare il collo a sinistra e a destra.

Torcicollo, quando rivolgersi al medico

  • Il torcicollo non passa in pochi giorni e dura settimane.
  • Il dolore non passa con i normali antidolorifici.
  • Quando è possibile che il dolore al collo nasconda una causa più seria.

Torcicollo, rimedi naturali

  • Massaggio – il massaggio al collo contribuisce ad aumentare la circolazione del sangue rilassando i muscoli e favorendo un buon sonno. Il massaggio si effettua con olio d’oliva da massaggiare sul collo dopo aver fatto un buon bagno caldo.
  • Terapia termica – si attua attraverso l’applicazione di una salvietta calda sulla parte dolente oppure attraverso una doccia calda facendo scorrere il getto direttamente sul collo per rilassare i muscoli e sciogliere le rigidità.
  • Terapia con il freddo – alcuni soggetti affetti da torcicollo traggono maggiormente giovamento da applicazioni fredde invece che dalla terapia termica. La terapia con il freddo si attua ponendo sul collo alcuni cubetti di ghiaccio avvolti in un tovagliolo per circa 15 minuti. Il freddo impedisce l’accumulo dell’acido lattico che può causare dolore.
  • Sali di Epsom – immergersi con tutto il collo in un bagno caldo in cui sono state sciolte 2 tazze di sali di Epsom può essere utile soprattutto se il torcicollo è dovuto a stress e tensioni. Il collo va tenuto immerso per 15 minuti.
  • Arnica – una pomata a base di arnica non solo lenisce rapidamente il dolore, ma velocizza la guarigione.
  • Radice di valeriana e tè alla verbena – sotto forma di compresse calde imbevute applicate sul collo aiutano a ridurre il dolore.
  • Aceto di sidro di mele – rappresenta un rimedio efficacissimo contro il torcicollo in quanto ne basta una sola applicazione per ottenere sollievo e benefici. L’aceto di sidro di mele deve essere biologico e va utilizzato imbevendo un tovagliolo di carta che va posto sul collo per un’ora.
  • Olio essenziale di lavanda – dopo un bagno caldo un massaggio del collo fatto con olio essenziale di lavanda riduce le tensioni soprattutto nel caso in cui al torcicollo sia associato il mal di testa. Inoltre il massaggio con olio di lavanda favorisce il sonno e la distensione.

Torcicollo, terapie alternative

L’agopuntura può contribuire a ridurre l’infiammazione e il dolore come anche la terapia cranio sacrale può apportare molti benefici.

torcicollo dolore
Se il torcicollo non passa in pochi giorni e dura settimane è opportuno rivolgersi a un medico

DAL NOSTRO FORUM : discussioni su TORCICOLLO

Torcicollo, rimedi omeopatici

I rimedi omeopatici migliori per il trattamento del torcicollo sono arnica in primis, byronia, gelsemium, cimicifuga, causticium e chelidonium.

Prima di utilizzarli è opportuno rivolgersi ad un omeopata che indicherà le dosi e i tempi di trattamento adatti.

  • Cimicifuga – si tratta di un rimedio omeopatico indicato quando il dolore al collo si irradia al braccio. Il dolore aumenta con il tempo umido e freddo e diminuisce con il riposo.
  • Chelidonium – è indicato quando al dolore al collo si associa pesantezza dell’arto. Quando il braccio viene spostato il dolore aumenta.
  • Byronia – indicata quando il dolore al collo e alla spalla è pungente e quando un minimo movimento aumenta il dolore.
  • Gelsemium – si utilizza quando l’indolenzimento del collo è associato a mal di testa persistente. Il dolore migliora tenendo la testa sollevata.
  • Causticium – rimedio utile se il dolore è simile ad uno strappo e si avverte bruciore. Il dolore migliora con il calore.

Le terapie alternative per il torcicollo così come i rimedi naturali tuttavia, vanno affiancati alle cure farmacologiche tradizionali e prima di ricorrervi è bene chiedere consiglio ad un esperto in quanto alcune condizioni potrebbero sconsigliarne l’utilizzo.

torcicollo omeopatia
I rimedi omeopatici migliori per il trattamento del torcicollo sono arnica, byronia, gelsemium, cimicifuga, causticium e chelidonium

Torcicollo, prevenzione

La prevenzione consiste nel mantenere una corretta postura, anche ad esempio utilizzando sedie ergonomiche quando si lavora, e nel tenere il collo flessibile attraverso appositi esercizi da eseguire dapprima con l’aiuto di un fisioterapista e in seguito da praticare da soli in modo regolare.

Torcicollo, come prevenire il disturbo attraverso la dieta

Una dieta antinfiammatoria che comprende verdure a foglia verde, grassi sani come olio d’oliva e frutta secca, olio di cocco, uova, alimenti probiotici e fermentati può contribuire a prevenire l’insorgenza del torcicollo.

I semi di zucca, girasole, sesamo e i fagioli sono ricchi di magnesio, un minerale che favorisce l’assorbimento corretto del calcio e andrebbero consumati quindi regolarmente.

Gli acidi grassi omega 3 sono altamente antinfiammatori e pertanto è bene portare in tavola regolarmente pesce grasso come salmone e sgombro oppure assumere un supplemento di olio di pesce.

Da evitare acido arachidonico e grassi saturi che si trovano in alimenti come le carni trasformate e i prodotti lattiero caseari in generale. Queste sostanze infatti favoriscono l’infiammazione.

Torcicollo, supplementi integrativi

Alcune vitamine possono essere molto utili in modo indiretto per prevenire il disturbo.

La vitamina D e la vitamina C ad esempio svolgono alcuni ruoli fondamentali per migliorare la condizione di ossa e muscoli.

  • Vitamina D – fissa il calcio nelle ossa e rendendole quindi indirettamente più forti contribuisce a migliorare la postura e a diminuire la tensione dei muscoli del collo e delle spalle.
  • Vitamina C – svolge un ruolo cruciale nella sintesi del collagene che rende elastici tendini e legamenti, contribuisce quindi a prevenire fastidi e lesioni dei muscoli.

Vanno pertanto eliminati tutti gli zuccheri raffinati e gli alimenti trasformati altamente infiammanti per i muscoli e le articolazioni. Alti livelli di infiammazione infatti rendono i muscoli più sensibili al dolore e rallentano  la capacità di recupero in caso di lesioni.

Problemi con le analisi cliniche? Invia una domanda nel FORUM: è gratis
Risposta entro 24 ore