Home Farmaci ACICLOVIR : il farmaco anti-herpes

ACICLOVIR : il farmaco anti-herpes

Aciclovir, appartiene alla categoria degli antivirali ad azione diretta e viene utilizzato per la cura delle infezioni virali da Herpes simplex e varicella zoster. Ecco le principali indicazioni terapeutiche, gli effetti collaterali e le modalità di utilizzo.

Aciclovir, che appartiene alla categoria degli antivirali ad azione diretta, viene utilizzato per la cura delle infezioni virali da Herpes simplex e varicella zoster.

Scopriamo nel dettaglio come funziona, qual è la corretta posologia e quali sono le eventuali controindicazioni e le possibili reazioni avverse.

Aciclovir è un farmaco che appartiene alla categoria degli antivirali e, in particolare, a quella dei nucleosidi e nucleotidi.

Esso viene impiegato per il trattamento delle seguenti infezioni da:

  • Herpes Simplex Virus 1 (noto anche come Herpes labiale);
  • virus varicella-zoster;
  • Herpes Simplex Virus 2 (noto anche come Herpes genitale).

Inoltre questo medicinale si usa anche per:

  • contrastare le recidive da Herpes simplex nei soggetti immunocompetenti, ovvero con sistema immunitario non compromesso;
  • la prevenzione delle infezioni da Herpes simplex nei soggetti immunocompromessi.

Ricordiamo che il medicinale in oggetto può essere acquistato in farmacia con presentazione obbligatoria di ricetta medica.

Forma e formulazione farmaceutica di Aciclovir

L’Aciclovir è disponibile in commercio sia in compresse sia sotto forma di sospensione orale. La composizione delle compresse è la seguente:

  • cellulosa microcristallina
  • sodio amido glicolato
  • povidone
  • magnesio stearato

La sospensione orale, invece, contiene:

  • sorbitolo 70%
  • glicerolo
  • cellulosa dispersibile
  • metile paraidrossibenzoato
  • propile paraidrossibenzoato
  • aroma amarena
  • acqua depurata
aciclovir herpes
Aciclovir si usa per la cura delle infezioni virali da Herpes simplex Virus 1 (herpes labiale)

Aciclovir: posologia e modalità d’uso

Il dosaggio di Aciclovir è variabile. Sarà compito del medico indicare al paziente la posologia del farmaco in base all’entità e alla gravità dell’infezione da trattare.

Nel bugiardino, tuttavia, è segnalato un dosaggio standard per soggetti adulti, che prevede:

  • l’assunzione di 200 mg 5 volte al dì per un totale di 5 giorni, nel caso in cui l’infezione da trattare sia determinata dal virus Herpes Simplex;
  • l’assunzione di 200 mg 4 volte al dì, nel caso in cui si vogliano contrastare le recidive determinate dal virus Herpes Simplex.

Si rammenta, d’altra parte, che il farmaco può essere somministrato sia a stomaco vuoto sia subito dopo i pasti principali.

Come accennato in precedenza, il dosaggio va opportunamente regolato nel caso in cui il paziente che deve sottoporsi a terapia sia un soggetto immunocompromesso o che presenti problemi a livello renale.

Solo lo specialista potrà indicare la posologia più adatta.

Principali controindicazioni dell’Aciclovir

Non devono assumere Aciclovir i soggetti che risultano essere ipersensibili o allergici al suo principio attivo o a una qualsiasi delle sostanze in esso contenute.

Va detto inoltre che questo antivirale è sconsigliato alle gestanti e alle donne che allattano al seno il proprio bebè.

Un dosaggio ridotto, inoltre, è da riservare ai pazienti affetti da insufficienza renale; a tal proposito ricordiamo che la maggior parte degli anziani presenta una funzionalità renale ridotta e pertanto necessitano di un dosaggio ad hoc.

Questi soggetti, infatti, sono esposti a un elevato rischio di manifestare reazioni avverse al farmaco di natura neurologica.

Va detto inoltre che terapie a base di Aciclovir prolungate o ripetute nel tempo in pazienti che presentano un sistema immunitario deficitario, possono determinare la selezione di ceppi virali resistenti con ridotta sensibilità al farmaco.

aciclovir herpes genitale
Aciclovir si usa per la cura delle infezioni virali da Herpes simplex Virus 2 (herpes genitale)

Principali effetti collaterali dell’Aciclovir

Come tutti i medicinali, anche Aciclovir può causare una serie di effetti collaterali, benché non è detto che tutti i soggetti che lo utilizzano li manifestino.

In particolare successivamente all’assunzione di questo antivirale possono manifestarsi le seguenti reazioni avverse (segnaliamo le più comuni):

  • nausea
  • mal di testa
  • capogiri
  • dolori addominali
  • dissenteria
  • prurito
  • rash cutanei

Nel caso in cui abbia luogo una delle reazioni avverse in elenco o qualsiasi altro effetto collaterale, è consigliabile riferire l’episodio al proprio medico curante.

Inoltre è anche possibile effettuare una comunicazione al sistema nazionale di segnalazione: www.agenziafarmaco.gov.it.

In tal modo sarà possibile contribuire alla sicurezza del farmaco in oggetto.

DAL NOSTRO FORUM : discussioni su ACICLOVIR

Interazioni di Aciclovir con altri farmaci

Prima di iniziare un trattamento a base di Aciclovir è opportuno comunicare al proprio medico di fiducia quali eventuali terapie farmacologiche si stanno seguendo.

In particolare, possono produrre episodi di interazione con l’antivirale in oggetto i seguenti medicinali:

  • probenecid e cimetidina: questi farmaci, infatti, aumentano la concentrazione nel sangue dell’antivirale e intensificano la sua attività;
  • micofenolato mofetile: possono alterare alcuni indici di Aciclovir nel plasma;
    teofillina: aumentano i livelli dell’antivirale nel sangue.
aciclovir varicella
Aciclovir si usa per la cura delle infezioni virali da virus varicella zoster

Sovradosaggio di Aciclovir

Nel caso in cui si assuma una dose extra del medicinale in oggetto, è opportuno informare subito il medico curante o in alternativa recarsi presso la più vicina struttura sanitaria.

La ripetuta somministrazione di dosi eccessive di Aciclovir per via orale possono dare luogo a disturbi a carico dell’apparato gastrointestinale (come nausea e vomito) e a reazioni di natura neurologica (come, ad esempio, mal di testa e stato confusionale).

Dosi eccessive di Aciclovir per via endovenosa, invece, incrementano il livello di creatinina e i valori dell’azotemia, determinando una condizione clinica di insufficienza renale.

Inoltre è anche possibile che si manifestino:

  • stato confusionale
  • allucinazioni
  • disturbi d’ansia
  • convulsioni
  • coma.

In caso di sovradosaggio è sempre opportuno che i pazienti siano tenuti sotto stretto monitoraggio medico per valutare eventuali reazioni avverse e segni di tossicità.

Per ridurre gli effetti da sovradosaggio è possibile il ricorso all’emodialisi che ha lo scopo di rimuovere dal sangue le sostanze tossiche presenti.

Ricordiamo infine che se il paziente dimentica di prendere una dose di Aciclovir non deve assumerne una dose doppia per sopperire alla dimenticanza.

Conservazione e scadenza dell’Aciclovir

Come qualsiasi altro farmaco, anche l’Aciclovir deve essere tenuto lontano dalla vista e dalla portata dei bambini.

Il farmaco, inoltre, deve essere conservato in un luogo asciutto con temperatura non superiore ai 25 gradi e nella confezione integra.

Naturalmente l’antivirale in oggetto non deve essere utilizzato dopo la data di scadenza che è riportata sulla confezione di vendita, ricordando che essa fa riferimento all’ultimo giorno del mese.

Va detto infine che l’Aciclovir, come qualsiasi altro medicinale, non va gettato nell’acqua di scarico e/o nei contenitori dei rifiuti domestici.

A tal proposito si ricorda che è sempre bene chiedere al proprio farmacista cosa prevede la normativa vigente in merito alle modalità di smaltimento dei prodotti farmaceutici.

Adottare questo comportamento contribuisce a proteggere l’ambiente.

Problemi con le analisi cliniche? Invia una domanda nel FORUM: è gratis
Risposta entro 24 ore