DIARREA: cause, cure e cosa mangiare

Chi soffre di diarrea ha movimenti intestinali accentuati con feci sciolte e acquose. E' un disturbo in genere non grave, ma se persiste è bene contattare il medico. Importante sapere che cosa mangiare con la diarrea e come prevenirla con corretti stili di vita e alimentari

Quando si è in presenza della diarrea, i movimenti intestinali sono più accentuati e le feci risultano sciolte e acquose; questo disturbo è molto comune e di solito non è grave.

Molte persone soffrono di diarrea una o due volte l’anno. Normalmente i sintomi durano da 2 a 3 giorni, e il trattamento con farmaci da banco senza prescrizione medica, così come i rimedi naturali, sono molto efficaci.

Non è però detto che questa patologia sia così lieve e innocua. A volte, infatti, potrebbe rappresentare un campanello d’allarme di ulteriori patologie come la sindrome dell’intestino irritabile o altre condizioni mediche a carico dell’apparato gastrointestinale.

La diarrea è una delle condizioni mediche più comuni che porta chi ne è affetto a chiedere un consulto medico; può variare da una condizione lieve e temporanea ad una che può divenire pericolosa per la vita.

In tutto il mondo, ogni anno sono circa 2 miliardi i casi di malattia diarroica e circa 1,9 milioni di bambini al di sotto dei 5 anni, soprattutto nei Paesi in via di sviluppo, a morire per questa condizione.

Sintomi della diarrea

I sintomi più comuni della diarrea includono:

  • crampi intestinali e addominali
  • feci sciolte e acquose
  • sensazione urgente di correre in bagno
  • nausea e mal di pancia.

I sintomi più gravi includono:

Se si hanno scariche diarroiche per più di tre volte al giorno e non si beve abbastanza liquidi, si potrebbe incorrere nella disidratazione, che può causare gravi complicazioni se non viene trattata.

Diarrea sintomi
I sintomi più comuni della diarrea includono crampi intestinali e addominali, feci sciolte e acquose, sensazione urgente di correre in bagno, nausea e mal di pancia

Cause della diarrea

Solitamente la diarrea è causata da un virus che si presenta nell’intestino e questo caso viene definito “influenza intestinale” o “influenza dello stomaco”.

Altre cause includono:

  • abuso di alcool
  • allergie a determinati alimenti
  • diabete
  • malattie dell’intestino (come la malattia di Crohn o la colite ulcerosa)
  • assunzione di cibi che sconvolgono il sistema digestivo
  • infezione da batteri (la causa della maggior parte dei tipi di avvelenamento alimentare) o di altri organismi
  • abuso di lassativi
  • assunzione di alcuni farmaci
  • aasi di ipertiroidismo
  • radioterapia
  • corsa (alcune persone affette da diarrea si trovano in presenza della cosiddetta “diarrea del corridore” per motivi che non sono chiari)
  • presenza di alcuni tumori
  • trattamenti chirurgici a carico dell’apparato gatrointestinale
  • malassorbimento di determinate sostanze nutritive.

La diarrea può anche seguire la stitichezza, soprattutto in pazienti affetti dalla sindrome dell’intestino irritabile.

Diarrea cause
Le cause della diarrea possono essere diverse, da semplici problemi alimentari a più serie infezioni virali

Diarrea, infezioni e malattie

La maggior parte dei casi di diarrea è causata da un’infezione nel tratto gastrointestinale. I microbi responsabili di questa infezione sono:

  • batteri
  • virus
  • organismi parassiti.

Le cause più comunemente identificate di diarrea acuta nel mondo sono date dalla presenza di batteri come la Salmonella, il Campylobacter, la Shigella e la Shiga-tossina che producono l’Escherichia coli.

Alcuni casi di diarrea cronica vengono chiamati “funzionali” perché non si ha una causa chiara. Nel mondo sviluppato, la sindrome dell’intestino irritabile è la causa più comune di diarrea funzionale.

Malattie infiammatorie intestinali sono altre cause di diarrea cronica, e solitamente questo termine viene utilizzato per descrivere la colite ulcerosa o la malattia di Crohn.

Altre cause principali di diarrea cronica includono:

  • colite microscopica – di solito colpisce gli adulti più anziani. La diarrea persistente avviene spesso durante la notte
  • diarrea da malassorbimento e da cattiva digestione: la prima è causata da un assorbimento nutritivo compromesso, la seconda dalla degenerata funzione digestiva, la celiaca, per esempio
  • infezioni croniche: il ritorno da un viaggio in Paesi stranieri o l’uso di antibiotici possono comportare casi di diarrea cronica, i batteri e i parassiti possono esserne la causa
  • diarrea causata da farmaci: la causa certa è quella causata dall’assunzione di lassativi, ma una lista di altri farmaci può anche comportare casi di diarrea, inclusi gli antibiotici
  • cause endocrine: a volte gli ormoni sono la causa, ad esempio, di condizioni tra cui la malattia di Addison e tumori carcinoidi
  • cause del cancro: la diarrea neoplastica è associata ad un certo numero di tumori del sangue.

Quando contattare il medico

Chiamare immediatamente il medico se si è in presenza di uno o più di questi sintomi:

  • presenza di sangue nelle feci
  • febbre alta superiore ai 38° che dura per più di 24 ore
  • diarrea che dura per più di 2 giorni
  • nausea o inappetenza che impedisce di assumere liquidi ed alimenti
  • dolore grave all’addome o nel retto
  • diarrea dopo essere tornati da un viaggio in un Paese straniero.

Inoltre, bisogna chiamare immediatamente il medico se si è in presenza di diarrea e uno qualsiasi di questi segnali di disidratazione:

Cura della diarrea

In presenza di lievi casi di diarrea acuta, i sintomi possono risolversi naturalmente senza alcun trattamento. Per tutti i casi di diarrea, il primo passo importante nel trattamento è quello della reidratazione:

  • i liquidi possono essere reintegrati semplicemente bevendo più acqua o bevande contenenti sali minerali, o possono essere introdotti per via endovenosa nei casi più gravi. I bambini e gli anziani sono più vulnerabili alla disidratazione
  • soluzione di reidratazione tramite sali (ORS): questa è un’acqua che contiene sale e glucosio e viene assorbita dall’intestino tenue per sostituire i liquidi e gli elettroliti persi con la diarrea. Nei Paesi in via di sviluppo, l’ORS costa solo pochi centesimi, infatti, l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) afferma che l’ORS può trattare in modo sicuro ed efficace il 90% dei casi di diarrea non grave
  • prodotti di reidratazione orale: sono disponibili in commercio e quelli che presentano un’ottima integrazione con zinco, possono ridurre la gravità e la durata della diarrea nei bambini.

Sono disponibili anche farmaci antidiarroici da banco, con o senza prescrizione medica:

  • loperamide (ad esempio, Imodium) è un farmaco antimotilico che riduce il passaggio delle feci
  • bismuto subsalicilato (ad esempio, Pepto-Bismol) riduce la produzione di feci acquose negli adulti e nei bambini e può essere un’alternativa più sicura alla loperamide. Questo farmaco può anche essere utilizzato per prevenire la diarrea del viaggiatore.

Purtroppo, esistono varie preoccupazioni riguardo l’assunzione di farmaci antidiarroici, che si pensa potrebbero prolungare l’infezione batterica riducendo la rimozione di patogeni attraverso le feci.

Gli antibiotici sono usati solo per trattare la diarrea causata da un’infezione batterica. Se la causa è un determinato farmaco, potrebbe essere possibile passare ad un’altra terapia farmacologica, sotto stretto controllo medico.

Diarrea igiene
Semplici accorgimenti come lavarsi le mani dopo aver defecato possono aiutare a prevenire la diarrea

Che cosa mangiare con la diarrea

I nutrizionisti di tutto il mondo consigliano alcuni suggerimenti nutrizionali per combattere la diarrea o, almeno, alleviarne i sintomi:

  • reidratarsi subito dopo un’evacuazione con almeno un bicchiere di acqua naturale o succo di frutta senza zuccheri aggiunti
  • bere poco durante i pasti
  • consumare alimenti e liquidi ad alto contenuto di potassio: succhi di frutta diluiti, patate senza buccia, banane e tanti altri
  • consumare alimenti e liquidi ad alto contenuto di sodio: brodi, zuppe, bevande sportive, cracker salati e tanti altri
  • assumere alimenti ad alto contenuto di fibre solubili per contribuire a addensare le feci: banane, riso e farina d’avena
  • assumere probiotici o fermenti lattici vivi per ripristinare la normale flora batterica intestinale
  • limitare alcuni alimenti che possono peggiorare la diarrea come alimenti cremosi, fritti e zuccherati.

Alcuni alimenti e bevande potrebbero aggravare la diarrea:

  • gomme da masticare, menta, ciliegie, prugne dolci
  • bevande a base di caffeina e alcuni farmaci
  • fruttosio in quantità elevate, presente in succhi di frutta, uva, miele, noci, fichi, bibite zuccherate e prugne
  • lattosio presente nei prodotti lattiero-caseari
  • magnesio.

Prevenzione della diarrea

Nei Paesi in via di sviluppo, la prevenzione della diarrea può essere più impegnativa a causa della presenza di acqua sporca e scarsa igienizzazione.

Le seguenti misure pratiche aiutano a prevenire questa condizione:

  • bere acqua potabile pulita e sicura
  • buona igienizzazione
  • lavaggio delle mani con sapone subito dopo la defecazione
  • buone pratiche di igiene, sia personale sia in cucina
  • istruzione sulla diffusione dell’infezione. Ci sono prove che affermano che gli interventi degli enti pubblici per promuovere semplicemente il lavaggio delle mani sempre, possono ridurre i tassi di diarrea di circa un terzo.




Analisi del sangue Forum DIARREA: cause, cure e cosa mangiare

Stai vedendo 6 discussioni - dal 1 al 6 (di 6 totali)
Stai vedendo 6 discussioni - dal 1 al 6 (di 6 totali)

Problemi con le analisi cliniche? Invia una domanda nel FORUM: è gratis
Risposta entro 24 ore