Home Farmaci TACHIFLUDEC: indicazioni, dosi, effetti collaterali

TACHIFLUDEC: indicazioni, dosi, effetti collaterali

Tachifludec è un farmaco analgesico-antipiretico con azione antinfiammatoria analgesica, antipiretica e decongestionante. Il principio attivo alla base è il paracetamolo. Normalmente Tachifludec è ben tollerato, ma è necessario tenere presenti alcuni possibili effetti collaterali.

Azione farmacologica di Tachifludec

Tachifludec (acetaminofene) è un analgesico-antipiretico con azione antinfiammatoria analgesica, antipiretica e decongestionante.

Il meccanismo d’azione è associato all’inibizione della sintesi della prostaglandina, l’influenza predominante sul centro di termoregolazione nell’ipotalamo, che migliora il trasferimento di calore.

Si trova in commercio sotto forma di polvere per soluzione orale al gusto di limone e limone e miele e contiene paracetamolo, acido ascorbico e fenilefrina.

Prescrizione di Tachifludec

Tachifludec viene prescritto in caso di dolore intenso, debole e moderato di genesi diverse (incluso mal di testa, emicrania, mal di denti, neuralgia, mialgia, algomenorrea, dolore in trauma, ustioni).

Febbre nelle malattie infettive e infiammatorie.

Dosaggio e somministrazione del Tachifludec

Adulti e adolescenti con peso corporeo superiore ai 60 kg devono assumere una dose singola di 500 mg, per la durata massima del trattamento di 5-7 giorni.

Bambini di età compresa tra 6 e 12 anni devono assumere una dose singola di 250-500 mg.

Bimbi di età compresa tra 1 e 5 anni devono assumere una dose singola di 120-250 mg.

Bambini di età compresa tra 3 mesi e 1 anno devono assumere una dose singola di 60-120 mg.

Bimbi di età compresa fino a 3 mesi devono assumere una dose singola di 10 mg/kg.

La somministrazione massima avviene a 4 a intervalli quotidiani non inferiori a 4 ore. La durata massima del trattamento è di 3 giorni.

Adulti e bambini con età superiore ai 12 anni devono assumere una bustina ogni 4-6 ore e fino ad un massimo di 3 bustine in un giorno.

Bambini con età inferiore ai 12 anni, normalmente non devono assumere questo farmaco.

Tachifludec-mal-di-denti
Tachifludec viene prescritto in caso di dolore intenso, debole e moderato di genesi diverse, incluso il mal di denti

Come assumere Tachifludec

Sciogliere una bustina in un bicchiere d’acqua molto calda e, a piacere, diluire con acqua fredda per raffreddare e dolcificare come si desidera.

Effetti collaterali del Tachifludec

E’ possibile che si presentino effetti collaterali e reazioni avverse a carico del:

  • Sistema digestivo: raramente dispepsia e con uso a lungo termine a dosi elevate, effetti epatotossici, metaemoglobinemia, disfunzione renale e del fegato, anemia ipocromica.
  • Sistema emopoietico: raramente trombocitopenia, leucopenia, pancitopenia, neutropenia, agranulocitosi.
  • Epidermide con reazioni allergiche: raramente eruzione cutanea, prurito, orticaria.

Se si verifica uno dei seguenti, rari, effetti collaterali durante l’assunzione di Tachifludec, consultare immediatamente il medico:

  • Feci nere e sanguinolente
  • Urina sanguinolenta
  • Febbre con o senza brividi
  • Dolori nella parte inferiore e/o laterale dello stomaco
  • Macchie rossastre sull’epidermide
  • Eruzione cutanea, orticaria o prurito
  • Mal di gola
  • Ulcere, piaghe o macchie bianche all’interno/esterno del cavo orale
  • Minzione diminuita
  • Sanguinamenti insoliti o brividi
  • Stanchezza, affaticamento e debolezza insolita
  • Occhi o pelle giallastra.

Se si verifica uno dei seguenti sintomi di sovradosaggio durante l’assunzione di Tachifludec, bisogna rivolgersi immediatamente al proprio medico curante o a un centro di primo soccorso:

Sintomi di sovradosaggio:

  • diarrea
  • sudorazione aumentata
  • perdita dell’appetito
  • nausea e/o vomito
  • crampi e dolore allo stomaco
  • gonfiore e dolore nell’addome superiore o nella zona dello stomaco.

Controindicazione del Tachifludec

E’ sconsigliato l’uso di Tachifludec in caso di:

  • alcolismo attivo cronico
  • aumento della sensibilità al paracetamolo
  • sintomi di disturbi della funzionalità epatica
  • malattie renali
  • anemia
  • gravidanza.
Il principio attivo di Tachifludec è il paracetamolo (acetaminofene); è un riduttore di dolore (antinfiammatorio) e un riduttore di febbre (antipiretico)

Uso durante la gravidanza e l’allattamento

Il paracetamolo attraversa la barriera placentare; finora, però, nessun effetto negativo di questo principio attivo è stato osservato sul feto.

Il paracetamolo viene escreto nel latte materno: il contenuto nel latte è pari allo 0,04-0,23% della dose assunta dalla madre.

Se necessario, l’uso del paracetamolo durante la gravidanza e l’allattamento dovrebbe essere valutato con attenzione a riguardo dei benefici potenziali della terapia per la madre e dei rischi potenziale per il feto o il bambino.

Negli studi sperimentali non è stata rilevata alcuna azione embriotossica, teratogena e mutagena del paracetamolo.

Istruzioni speciali per Tachifludec

Il Tachifludec viene usato con cautela nei pazienti con disturbi a carico del fegato e dei reni, con iperbilirubinemia benigna, nonché nei pazienti anziani.

Con l’uso prolungato del paracetamolo è necessario monitorare costantemente i livelli del sangue periferico e lo stato funzionale del fegato.

Interazione di Tachifludec con altri farmaci

L’azione simultanea con altri farmaci potrebbe provocare interazione con Tachifludec:

  • induttori di enzimi epatici microsomali: è possibile avere effetti epatotossici, aumentando il rischio di azione epatotossica del paracetamolo
  • anticoagulanti: può aumentare il tempo di protrombina in maniera leggera e moderata
  • anticolinergici: può diminuire l’assorbimento del paracetamolo
  • contraccettivi orali: l’escrezione accelerata del paracetamolo dal corpo, può ridurre l’azione analgesica
  • farmaci urologici: Tachifludec riduce la loro efficacia
  • carbone attivo: la biodisponibilità del paracetamolo è ridotta
  • diazepam: può diminuire l’escrezione di questo farmaco
  • isoniazide: antibiotico antitubercolare, può provocare gravi effetti tossici
  • carbamazepina, fenitoina, fenobarbital, primedonne: questi diminuiscono l’efficacia del paracetamolo, causata da un aumento del metabolismo e dell’escrezione dal corpo.
    fenobarbital, casi di epatossicità
  • colestiramina: assunta meno di 1 ora dopo la somministrazione del paracetamolo, può diminuire il suo assorbimento
  • lamotrigina: è aumentata moderatamente l’escrezione della lamotrigina dal corpo
  • metoclopramide: può aumentare l’assorbimento del paracetamolo e la sua maggiore concentrazione nel plasma sanguigno
  • probenecid: può diminuire la funzione attiva del paracetamolo
  • rifampicina: può aumentare la funzione attiva del paracetamolo a causa dell’aumento del suo metabolismo nel fegato
  • etinilestradiolo: aumenta l’assorbimento del paracetamolo dall’intestino
  • migliora l’effetto di anticoagulanti indiretti (derivati ​​cumarici e indandione) e l’attività antipiretica e analgesica è aumentata dalla caffeina, riduce la rifampicina, il fenobarbital e l’alcool (accelerata biotrasformazione, inducendo enzimi epatici microsomali).
tachifludec-nausea
Tra i sintomi di sovradosaggio da Tachifludec ci può essere anche la nausea

Caso di emergenza di overdose da Tachifludec

Non assumere dosi maggiori di questo farmaco di quanto raccomandato.

Un sovradosaggio di paracetamolo potrebbe essere causa di gravi danni.

La quantità massima di paracetamolo per adulti è di 1 grammo (1000 mg) per dose e 4 grammi (4000 mg) al giorno. Un’assunzione maggiore potrebbe causare danni al fegato.

In un’eventuale assunzione in dosi tossiche è possibile che si sviluppi la necrosi del fegato.

I sintomi di sovradosaggio possono comprendere:

  • nausea
  • vomito
  • perdita di appetito
  • sudorazione
  • stanchezza estrema
  • sanguinamento insolito o lividi
  • dolore nella parte superiore destra dello stomaco
  • ingiallimento della pelle o degli occhi
  • sintomi influenzali.

In questi casi è sempre buona norma rivolgersi immediatamente al proprio medico curante o rivolgersi al centro di primo soccorso più vicino.

Principio attivo di Tachifludec

Il principio attivo di Tachifludec è il paracetamolo (acetaminofene); è un riduttore di dolore (antinfiammatorio) e un riduttore di febbre (antipiretico).

Il meccanismo esatto di azione non è noto e viene utilizzato per trattare molte condizioni come emicrania, dolori muscolari, mal di denti, mal di schiena, artrite, raffreddore e febbre.

Riduce il dolore nell’artrite lieve, ma non ha alcun effetto sull’infiammazione sottostante e sul gonfiore dell’articolazione.

Quando non usare Tachifludec

Non assumere questo farmaco in caso d’intolleranza all’acetaminofene o al paracetamolo.

Informare il proprio medico curante o farmacista circa la sicurezza di un’eventuale assunzione se si soffre di:

  • patologie a carico del fegato
  • una storia di alcolismo.

Assunzione di Tachifludec alla guida di mezzi e macchinari



Non esistono controindicazioni nell’assunzione di Tachifludec per chi, per lavoro, guida mezzi e macchinari.

Analisi del sangue Forum Discussioni

Stai vedendo 10 discussioni - dal 1 al 10 (di 4,360 totali)
Stai vedendo 10 discussioni - dal 1 al 10 (di 4,360 totali)